In offerta!

Movimento operaio e lotta per la Costituzione

 15,00  12,75

Autore: AA. VV.

A cura di Andrea Catone

Pagine: 248

Formato: 14,5 x 21

ISBN: 978-88-909-183-2-2

Indice

Categoria:

Descrizione

Il risultato straordinario del referendum del 4 dicembre 2016 segna una svolta nella storia d’Italia. Il progetto – sostenuto dai principali leader dell’Occidente, da Obama alla Merkel, dalle grandi banche d’affari, dalle organizzazioni padronali – di sostituire il cuore dell’ordinamento democratico per ridimensionare il ruolo del Parlamento e mortificare le autonomie è stato cancellato. Dopo trent’anni di attacco alla Costituzione di democrazia economico-sociale (art. 1: L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro) il popolo italiano ha compiuto un nuovo importantissimo atto costituente. È stata una scelta altrettanto impegnativa quanto lo fu quella del 2 giugno 1946 con il referendum istituzionale e l’elezione, con sistema proporzionale, dell’Assemblea costituente.

Operare per ripristinare il criterio proporzionale della rappresentanza politica, violato, a partire dal 1993, con il Mattarellum, il Porcellum, l’Italicum, altro non è che lottare per ripristinare il principio del suffragio universale. E sarebbe atto di onestà se anche i sostenitori e propugnatori delle scorciatoie maggioritarie si disponessero una volta per tutte a parlar chiaro e a chiamare le cose con il loro nome, anziché nascondersi dietro parole vuote e ipocrite quali “governabilità” o la sua penosa variante anglica governance. Il sistema maggioritario, o ad effetti maggioritari, con la sua logica intrinsecamente escludente e diseguale, è la perfetta traduzione politica del principio di “competitività”: una competizione elettorale con vincitori (pochi) ed esclusi (molti); non una rappresentanza per tutti come garanzia della libera espressione del pluralismo e del dissenso, ma un governo affidato ad una élite come garanzia della tutela degli interessi dell’oligarchia economica. Il connotato disegualitario e disegualizzante del sistema elettorale maggioritario collide con l’eguaglianza intrinseca della democrazia. La democrazia politica, per essere effettiva e per garantire la propria esistenza, deve accompagnarsi alla democrazia sociale ed economica ed il costituzionalismo estendere la limitazione del potere al mondo dell’economia. La legge elettorale è un tassello fra tanti di un puzzle in scala globale, ma (anche) da qui passa la costruzione o la demolizione della democrazia e l’attuazione o la liquidazione della Costituzione e del costituzionalismo.

Con testi di:

Andrea Catone
Domenico Gallo
Domenico Losurdo
Salvatore d’Albergo
Luciano Canfora
Claudio De Fiores
Antonio Fischetti
Alessandra Algostino
Stefano G. Azzarà
Gaetano Bucci
Vincenzo De Robertis

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Movimento operaio e lotta per la Costituzione”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *