Bombe su Belgrado

 12,00  10,20

Bombe su Belgrado vent’anni dopo.
All’origine delle guerre umanitarie

Autore: AA. VV.

A cura di Andrea Catone e Andrea Martocchia

Pagine: 235

Formato: 14,5 x 21

ISBN: 978-88-909183-7-7

Spedizione gratuita con corriere espresso per ordini superiori a €29

Categoria:

Descrizione

Bombe su Belgrado vent'anni dopo: all'origine delle guerre umanitarie.

Venti anni fa, nella primavera del 1999, i bombardieri della NATO, dall'alto dei cieli, si accanirono per 78 giorni contro la Repubblica Federale di Jugoslavia. Violando la Costituzione, l'Italia vi partecipò con un ruolo di primaria importanza: dalle sue basi decollarono molti dei 1100 aerei che effettuarono 38 mila sortite, sganciando 23 mila bombe e missili.

Per giustificare il ritorno della guerra in Europa fu coniata l'ossimorica formula della "guerra umanitaria", che implicava l'assoluta demonizzazione e de-umanizzazione del nemico. La Menzogna non fu mai così ampiamente praticata come per la "guerra del Kosovo" dai maggiori capi di Stato e di governo del tempo, quasi tutti "democratici" e "di sinistra" - da Clinton a Blair, da Schröder a D'Alema - nonché da solerti intellettuali che abdicarono all'esercizio della critica per suonare le fanfare di guerra.

Una guerra che - lo si comprende ancora meglio oggi - aveva ben altri scopi strategici, in primis l'espansione della NATO a Est: vent'anni dopo aver demolito la Federazione Jugoslava l'Alleanza Atlantica è passata da 16 a 29 paesi, sempre più a ridosso della Russia.

Il libro presenta contributi di ricostruzione storica - supportata da una dettagliata cronologia -, di analisi politica e delle ideologie, di studi sul diritto internazionale violato, con un'appendice sulla parabola del movimento contro la guerra.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Bombe su Belgrado”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…