Andrea Catone – Il virus di Trump. Covid-19 e rapporti internazionali

CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION


 

Il virus di Trump.​​ Covid-19​​ e rapporti internazionali

 

[Testo per l’Accademia marxista presso la CASS - Chinese Academy of Social Sciences]

 

di​​ Andrea Catone, direttore​​ di​​ “MarxVentuno”,​​ rivista comunista​​ 

 

 

 

Indice

1. Due linee contrapposte. Il Covid-19 è un terreno di scontro tra progresso e reazione.

2. Il ruolo del sistema sanitario pubblico

3. Di fronte alla pandemia: cooperazione internazionale o “America first”?​​ 

4. Con la pandemia l’attacco USA alla Cina non arretra, ma si intensifica

5. L’attacco USA alla RPC: contingente o strutturale?

6. Europa teatro dell’attacco di Trump alla Cina

7. “Guerra fredda”, bipolarismo, unipolarismo, multipolarismo

8. Si apre una fase mondiale difficile e complessa

 

 

 

1. Due linee contrapposte. Il Covid-19 è un terreno di scontro tra progresso e reazione

 

È opinione comune che la pandemia, tuttora in corso, segni​​ un punto di svolta nella storia mondiale, per cui si parlerà di un mondo​​ prima e dopo il Covid-19. La pandemia ha aperto nel mondo una fase di crisi, che riveste caratteri generali, comuni a tutti i Paesi​​ e​​ si interseca con caratteri particolari propri di ciascun Paese. Come è stato per ogni crisi nella storia dellumanità, anche questa crisi è aperta sostanzialmente verso due soluzioni antitetiche:

-​​ Verso uno sbocco progressivo, che farà fare un importante passo avanti nel percorso storico dellumanità, verso la realizzazione​​ di quegli ideali di libertà, uguaglianza, solidarietà, sviluppo onnilaterale della persona umana (Marx) che furono alla base della rivoluzione francese​​ del 1789​​ e poi delle rivoluzioni socialiste​​ del XX secolo.​​ 

- Oppure​​ uno sbocco regressivo, che bloccherà per una fase storica lo sviluppo umano, che costituirà un arretramento nelle istituzioni politiche, economiche, sociali, che produrrà maggiore disuguaglianza, maggiore povertà, maggiori ingiustizie sociali, accrescendo il pericolo di guerra.​​ 

Il Covid-19 è un terreno di scontro tra progresso e reazione.​​ 

Già nel corso di sviluppo della pandemia e della sua diffusione con ritmi, tempi, modalità ineguali nelle varie aree e​​ Paesi del mondo e del contrasto ad essa,​​ si sono manifestate due opposte tendenze:

- Da un lato, i governi che hanno preso seriamente gli ammonimenti e i consigli degli scienziati, dei medici, e hanno ritenuto che la misura più efficace e necessaria – per lo stato sinora raggiunto dalle conoscenze scientifiche in merito – era quella del blocco rigoroso dei contatti fisici tra le persone, adottando misure economicamente, oltre che socialmente e culturalmente,​​ molto pesanti, di blocco (lockdown) delle attività, in modo da isolare il virus e togliergli​​ la base fondamentale – gli esseri umani – in cui esso si mantiene in vita e si riproduce. Il primo​​ Paese – il più popoloso al mondo – che ha adottato questa difficilissima scelta è stata la RPC, con le sue misure​​ rigorosissime​​ di contenimento del virus. Quando a fine gennaio sono arrivate le notizie sul blocco cinese, i commentatori di molti​​ Paesi europei erano increduli e stupiti. Non sono mancate le solite frecciate anticinesi, che affermavano che solo un​​ Paese dittatoriale poteva attuare misure simili1. Fermare le attività economiche e sociali della​​ fabbrica del mondo, del​​ Paese che più di ogni altro fornisce​​ al mondo componenti​​ intermedie e​​ prodotti finiti, è stata una decisione tra le più difficili che i dirigenti della​​ RPC hanno dovuto assumere. Ma il principio socialista che ispira la RPC ha spinto a​​ porre la salute delluomo al primo posto, mettendo in conto che leconomia del​​ Paese, uneconomia che è tra laltro pianificata – pur se in modo diverso da quella che era la pianificazione sovietica – avrebbe pesantemente sofferto del blocco.

- Dallaltro, leader politici e governi che, per evitare il blocco delleconomia, hanno preferito non ascoltare quanto la scienza medica mondiale diceva, hanno sminuito il pericolo di diffusione del virus, o si sono abbandonati a strane teorie senza fondamento scientifico, regredendo dal livello della scienza moderna – che segue il metodo galileiano – a quello di maghi,​​ stregoni e ciarlatani, presentandosi essi stessi come inventori di ricette facili per vincere il virus. Il caso più clamoroso è stato​​ quello del presidente USA Donald​​ Trump, che consigliava di iniettarsi varichina per ammazzare il virus e ha costretto tutti i produttori e venditori americani di​​ disinfettanti, oltre che le principali tv e media americani,​​ a smentire e ad avvertire del pericolo mortale che un tale consiglio comportava2. Pur di non fermare la macchina economica del loro​​ Paese i massimi rappresentanti delle maggiori potenze capitalistiche al mondo hanno stracciato la rivoluzione scientifica moderna, sono regrediti alla ciarlataneria e alla magia, hanno mostrato nei fatti quanto sia decaduta quella classe borghese che nella fase di ascesa nelletà moderna sposava la scienza e lilluminismo come Marx ed Engels scrivono nelle pagine del​​ Manifesto​​ del 1848.​​ In buona compagnia con Trump è anche il presidente brasiliano Bolsonaro, denunciato​​ a inizi aprile​​ dallAssociazione​​ brasiliana​​ dei giuristi​​ per la​​ democrazia (ABJD) per aver messo​​ con le sue azioni​​ sostanzialmente in pericolo la salute fisica e il benessere della popolazione brasiliana, esponendola a un virus letale​​ [] facendo eco a uomini daffari senza scrupoli, si è ostinatamente rifiutato di adottare lo standard mondiale di lotta alla pandemia, il confinamento sociale. Così, il Brasile a causa delle azioni del presidente Bolsonaro cessa di partecipare alla strategia di appiattimento della curva di infezione. Piuttosto, cerca di espanderla. La condotta di Bolsonaro causerà inevitabilmente il collasso del sistema sanitario in Brasile3.

Nonostante i governi dei principali​​ Paesi capitalistici occidentali avessero avuto il grande vantaggio di poter conoscere l’esperienza del blocco cinese e del suo successo nel contenere il virus – quando i primi focolai si accendono in Italia nella terza decade di febbraio,​​ la diffusione del contagio in Cina è stata quasi completamente bloccata – essi si sono mostrati piuttosto incerti e oscillanti sul blocco. Il governo italiano comunque, dopo una fase di incertezza e di blocchi circoscritti ad alcune zone, ha deciso di adottare il blocco​​ in tutto il​​ Paese.​​ Nel complesso,​​ quasi​​ tutti i​​ Paesi europei adottano misure rigide di blocco, dopo una fase più o meno lunga di incertezze e tentennamenti dovuti al tentativo di limitare i danni economici del blocco delle attività.​​ 

I​​ Paesi​​ come gli USA di Trump e il Brasile di Bolsonaro​​ che più hanno osteggiato il ricorso al blocco​​ delle attività​​ e al distanziamento fisico tra le persone si trovano oggi​​ con​​ il maggior numero di contagiati e di morti:

Nell’affrontare il virus si sono​​ sostanzialmente​​ manifestate due linee, due diverse concezioni del mondo. Una, che pone al primo posto il valore della vita umana e ha accettato la necessità di sacrificare l’economia;​​ l’altra,​​ che pone invece l’interesse economico al di sopra del valore della vita.

 

 

2. Il​​ ruolo del​​ sistema sanitario​​ pubblico

 

Un secondo aspetto che divide i diversi​​ Paesi del mondo è dato non solo dalla scelta politica che ha orientato le decisioni di chiusura o meno, ma dal sistema sanitario e dal sistema politico complessivo del Paese.​​ Sul contenimento del contagio,​​ infatti,​​ incide fortemente l’efficienza del sistema politico, la sua capacità di mettere effettivamente in atto le decisioni​​ adottate, di far sì che​​ esse siano attuate consapevolmente dalla popolazione. Ciò che si fa sotto coercizione funziona sempre molto​​ meno di ciò che si fa come scelta consapevole: è questo che​​ diversi commentatori occidentali non hanno compreso a proposito della Cina, che ha avuto successo nella lotta al Covid-19 perché i suo 1.400milioni di persone hanno consapevolmente,​​ disciplinatamente e attivamente seguito le indicazioni del PCC.​​ 

La causa del disastro sanitario in​​ Lombardia​​ – la regione italiana che ha avuto il più alto numero di infetti e di decessi4​​ ​​ va ricercata nellabbandono dellassistenza territoriale e nella privatizzazione della sanità lombarda: nel 1981 in Lombardia cerano 530mila posti letto, oggi sono meno di 215mila, le Unità sanitarie locali (USL)​​ erano 642, mentre​​ nel 2017 solo 97. Questo depauperamento spiega la catena di errori che ha portato al disastro Covid-19.​​ La rete territoriale che avrebbe dovuto farsi carico dei pazienti è stata smantellata, i pronto soccorso sono diventati luoghi di contagio anziché di prevenzione e gli ospedali travolti dallarrivo di malati già gravi5.​​ Un altro elemento di debolezza è stato il numero insufficiente di tamponi, la difficoltà di tracciare il contagio, quindi, uninsufficienza della struttura sanitaria di diagnosi.​​ 

L’elevato numero di morti in Lombardia e in Italia nel complesso mette a nudo le inefficienze e i deficit della sanità italiana, che pure aveva un servizio sanitario​​ universale​​ tra i più avanzati​​ al mondo,​​ istituito con la​​ riforma del 1978, frutto delle lotte condotte dal movimento operaio nel corso del decennio (1968-78) in cui maggiormente è stato presente e attivo nella società italiana.​​ 

Anche qui il mondo si divide sulla base dellefficienza del sistema sanitario pubblico. La situazione peggiore è negli USA, dove​​ la​​ sanità​​ è essenzialmente privata e finalizzata al profitto capitalistico: qui i dati esistenti rivelano profonde disuguaglianze per razza, soprattutto per i neri americani.​​ Al 19 maggio il​​ tasso di mortalità complessivo di COVID-19 per i neri americani è 2,4 volte superiore a quello dei bianchi; in Arizona, il tasso di mortalità degli indigeni è più di cinque volte superiore a quello di tutti gli altri gruppi, mentre nel Nuovo Messico, il tasso supera sette volte tutti gli altri gruppi6.

Risulta chiaro che la sanità pubblica va potenziata dove esiste,​​ o va interamente costruita.​​ Il​​ diritto​​ universale​​ alla salute​​ non può essere garantito​​ dallimpresa privata, ma solo dal settore pubblico, democraticamente diretto e governato dai​​ rappresentanti​​ dei cittadini. È fondamentale ampliare linvestimento di risorse pubbliche nel sistema sanitario e farmaceutico e delle attrezzature (in tutto ciò che riguarda la sanità).​​ Il sistema capitalista non può curare effettivamente le pandemie, perché gli investimenti e la ricerca delle multinazionali sono motivati dalla​​ tensione al​​ massimo profitto e non dal​​ fine​​ della salute delle masse popolari7.​​ Un Paese orientato al​​ socialismo​​ come la RPC, al​​ contrario,​​ non avrà difficoltà a potenziare​​ ulteriormente​​ il sistema sanitario​​ in nome​​ della priorità della salute delluomo.

Il modo in cui si avvierà​​ nei diversi Paesi​​ una riforma e potenziamento​​ del servizio sanitario​​ pubblico,​​ che guarda alla salute​​ come diritto universale​​ di tutta la popolazione,​​ segnerà​​ una chiara linea di demarcazione tra i due possibili sbocchi alla crisi. La pandemia di Covid-19 ha trovato diversi​​ Paesi impreparati. Se l’umanità non è cieca, sa che​​ questa pandemia​​ non sarà l’ultima e che​​ occorre imparare la lezione. Significa potenziare la prevenzione e la medicina territoriale, i sistemi diagnostici e investire in ricerca.

 

 

3.​​ Di fronte alla pandemia: cooperazione internazionale o​​ “America first”?​​ 

 

Questa pandemia ha mostrato anche che occorre una forte cooperazione internazionale, concependo il diritto universale alla salute per tutta l’umanità dei cinque continenti.​​ Anche qui sono emerse due linee contrapposte:

Da un lato,​​ la tendenza a potenziare non solo il sistema sanitario e la ricerca nei singoli​​ Paesi, ma a cooperare nella ricerca e produzione di farmaci di massa, vaccini, a livello mondiale; quindi,​​ il potenziamento dell’OMS, la condivisione delle ricerche e delle conoscenze medico-scientifiche in tutto il mondo,​​ la costruzione di​​ una comunità di futuro condiviso per la salute a livello mondiale. Questa proposta​​ è stata​​ avanzata da​​ Xi Jinping​​ al G20 del 26​​ marzo:

 

Le malattie infettive gravi sono il nemico di tutti.​​ […]​​ In questo momento, è imperativo per la comunità internazionale rafforzare la fiducia, agire con unità e​​ lavorare insieme a una risposta collettiva. Dobbiamo​​ intensificare la cooperazione internazionale in modo globale e promuovere una maggiore sinergia​​ affinché lumanità possa vincere la battaglia contro una malattia infettiva così grave. […]​​ propongo di convocare al più presto una riunione dei ministri della salute del G20 per migliorare la condivisione delle informazioni,​​ rafforzare la cooperazione in materia di farmaci, vaccini e controllo delle epidemie,​​ e bloccare le infezioni transfrontaliere. I membri del G20 devono​​ aiutare congiuntamente i Paesi in via di sviluppo con deboli sistemi sanitari pubblici a migliorare la preparazione e la risposta.​​ […]​​ Guidata dalla visione di costruire una comunità con un futuro condiviso per lumanità,​​ la Cina sarà più che pronta a condividere le nostre buone pratiche, a condurre ricerche e sviluppo comuni di farmaci e vaccini e a fornire assistenza laddove possibile ai Paesi colpiti dalla crescente epidemia. […]​​ È imperativo che i Paesi mettano in comune le loro forze e accelerino la ricerca e lo sviluppo di farmaci, vaccini e capacità di test nella speranza di ottenere una svolta precoce a vantaggio di tutti8.

 

E ancora, all’Assemblea mondiale della salute,​​ il 18 maggio:

 

Dobbiamo sempre mettere le persone al primo posto, perché niente al mondo è più prezioso della vita delle persone.​​ […]​​ Dobbiamo intensificare la condivisione delle informazioni, scambiare esperienze e buone pratiche e perseguire la cooperazione internazionale sui metodi di sperimentazione, sul trattamento clinico e sulla ricerca e sviluppo di vaccini e medicine.​​ […]​​ La Cina invita la comunità internazionale ad aumentare il sostegno politico e finanziario allOMS in modo da mobilitare risorse in tutto il mondo per sconfiggere il virus. […] dobbiamo fornire un maggiore sostegno allAfrica.​​ I Paesi in via di sviluppo, in particolare quelli africani, hanno sistemi sanitari pubblici più deboli.​​ Aiutarli a costruire capacità deve essere la nostra massima priorità nella risposta al COVID-19.​​ […]​​ dobbiamo rafforzare la​​ governance​​ globale nel settore della salute pubblica.​​ […]​​ Alla luce delle debolezze e delle carenze esposte dal COVID-19, dobbiamo migliorare il sistema di​​ governance​​ per la sicurezza sanitaria pubblica. Dobbiamo rispondere più rapidamente alle emergenze sanitarie pubbliche e​​ istituire centri di riserva globali e regionali di forniture antiepidemiche.​​ […]​​ Lumanità è una comunità con un futuro comune.​​ La solidarietà e la cooperazione sono la nostra arma più potente per sconfiggere il virus9.

 

Il presidente cinese​​ parte da una concezione universalistica: si considera il benessere dell’umanità come un bene comune, al di là delle frontiere e degli ordinamenti degli stati. È una proposta semplice,​​ di buon senso​​ e al contempo grandiosa: condividere le conoscenze, cooperare nella ricerca di farmaci e vaccini, favorire la nascita di un sistema sanitario mondiale,​​ creando​​ reti​​ di ricerca e di produzione mondiale di farmaci e attrezzature sanitarie,​​ aiutando i​​ Paesi meno avanzati. Quindi, nessun brevetto, nessuna proprietà su vaccini e farmaci contro le epidemie.

A questa concezione universalistica e progressiva, in direzione dellunificazione del genere umano, esposta da Xi Jinping,​​ si contrappone​​ una visione gretta e meschina​​ della ricerca​​ medico-scientifica​​ e della salute​​ come monopolio privato,​​ a fini di lucro o​​ per​​ il vantaggio esclusivo di un Paese a danno di altri.​​ Anche qui Donald​​ Trump​​ rappresenta a pieno questa tendenza regressiva, come ha mostrato in più di unoccasione, cercando di ottenere​​ lesclusiva sui vaccini. Ci​​ ha​​ provato​​ prima​​ con​​ la casa biofarmaceutica tedesca​​ CureVac10,​​ poi con il gruppo farmaceutico francese​​ Sanofi11. E​​ attacca a più riprese​​ lOMS,​​ accusata​​ di​​ allarmante mancanza di indipendenza dalla Repubblica Popolare Cinese12,​​ annunciando di​​ sospendere i finanziamenti USA allorganizzazione (14​​ aprile) e​​ minacciando​​ con un ultimatum​​ (18 maggio) di tagliarli definitivamente​​ se lOrganizzazione mondiale della sanità non si impegnerà a realizzare importanti miglioramenti sostanziali entro i prossimi 30 giorni,​​ per​​ dimostrare lindipendenza dalla Cina13.​​ È illuminante e rivelatore della concezione che ha D. Trump degli organismi internazionali la conclusione della sua lettera:​​ 

 

Non posso permettere che il denaro dei contribuenti americani continui a finanziare unorganizzazione che, nel suo stato attuale,​​ non è chiaramente al servizio degli interessi dellAmerica.

 

Ecco, il massimo rappresentante dellimperialismo mondiale, colui che continuamente afferma​​ America first, gli USA prima e al di sopra di ogni cosa, non riesce lontanamente a concepire la possibilità di una cooperazione finalizzata a salvaguardare la salute di​​ tutti​​ gli esseri umani e non dei​​ soli​​ statunitensi (che, tra laltro, con la sua conduzione disastrosa dellemergenza Covid-19, ha condannato a morte in numero maggiore che qualsiasi altro​​ Paese al mondo).​​ La concezione e la pratica politica del primato assoluto degli USA, che è propria di tutta la​​ classe dominante statunitense – e non solo di Trump – è il principale ostacolo al percorso di emancipazione e progresso dei popoli del mondo e la principale minaccia alla pace.​​ 

 

 

4. Con la pandemia l’attacco USA alla Cina non arretra, ma si intensifica

 

Con lincalzare della pandemia, che proprio​​ dalla terza settimana di marzo comincia a​​ diffondersi​​ in misura esponenziale negli USA (il 27 marzo il numero dei contagi, sopra i 100.000, ha superato quelli della RPC), ci si poteva aspettare che lappello del presidente cinese alla cooperazione internazionale sanitaria, espresso in modo chiaro e netto al G20 del 26 marzo,​​ sarebbe stato accolto​​ dal presidente USA;​​ ma​​ così non è stato. Anzi, assistiamo a un​​ crescendo​​ di attacchi sempre più duri alla RPC, di cui, nel momento in cui stendiamo queste note,​​ non si vede la fine.

Dopo i primi attacchi allOMS, accusata di essere​​ sinocentrica14,​​ viene pubblicato il​​ 17 aprile​​ dal​​ National Republican Senatorial Committee il​​ Corona big book, una guida di 57 pagine per i candidati repubblicani, che indica come fulcro della campagna elettorale lattacco alla RPC e al PCC: un vero e proprio manualetto anticinese che prescrive​​ tre linee principali di aggressione:​​ a)​​ la Cina ha causato il virus​​ coprendolo; b)​​ i Repubblicani​​ spingeranno per sanzioni contro la Cina per il suo ruolo nella diffusione di questa pandemia; c)​​ i Democratici sono​​ morbidi con la Cina15.​​ 

Tra aprile e maggio la campagna anticinese si dispiega a pieno ritmo con ogni mezzo, non solo negli USA, ma in tutti i​​ Paesi del mondo in cui i​​ media​​ controllati dagli USA possono arrivare. Una delle armi che in questa forsennata campagna lamministrazione​​ americana​​ impiega abbondantemente è quella dellazione legale per ottenere dalla RPC, accusata di essere responsabile della propagazione del virus, risarcimenti miliardari. Azione legale considerata da molti giuristi assurda e destinata al nulla di fatto, ma con un notevole impatto propagandistico, volto a creare un clima sfavorevole alla Cina, messa sul banco degli accusati. Il 27 aprile Trump annuncia la richiesta salatissima di risarcimento danni16.​​ Il consigliere d Trump George Sorial, ex dirigente della Trump Organization, avvia negli Stati Uniti unazione legale collettiva per danni contro Pechino17.​​ Alcuni influenti​​ media​​ e anche associazioni di consumatori si​​ muovono​​ in diversi​​ Paesi​​ annunciando richieste simili.​​ Lo​​ fa​​ clamorosamente il 16 aprile il più diffuso quotidiano tedesco,​​ Bild, con la richiesta​​ alla Cina​​ di 162 miliardi di dollari​​ di risarcimento. Qualche giorno dopo,​​ il Coordinamento italiano delle associazioni per la difesa dellambiente e dei diritti dei consumatori (Codacons) si schiera armi e bagagli a fianco della campagna anticinese degli USA;​​ il 23 aprile, il suo​​ sito apre con linvito:​​ Preaderisci gratuitamente allazione del Codacons di risarcimento danni contro la Cina, per le gravi responsabilità ed omissioni nel​​ contrasto della diffusione del Covid-19; lazione viene portata avanti in collaborazione con​​ lo studio legale americano​​ Kenneth B.​​ Moll18. Anche il presidente leghista della regione Lombardia Attilio Fontana annuncia il 29 aprile una richiesta di risarcimento di 20 miliardi.​​ 

Il​​ 29 aprile​​ Trump, seguendo​​ il vecchio proverbio francese​​ calomniez, calomniez, il en restera toujours quelque chose19, per​​ cui una menzogna continuamente ripetuta finirà con lapparire come verità, accentua la campagna di attacchi e calunnie contro la Cina,​​ affermando​​ che​​ lorigine del coronavirus​​ è​​ legata a un laboratorio di Wuhan, senza fornire alcuna spiegazione, né tantomeno prova20.​​ 

In modo ancor più aggressivo​​ e bellicoso, alimentando un clima in cui si respira sempre più aria di guerra a tutto campo,​​ si muove lentourage​​ di Trump:​​ qualcuno​​ propone di richiedere alla Cina​​ 10 milioni di dollari per ciascuna vittima statunitense del virus, con lobiettivo, indicato​​ dallo stesso Trump,​​ di​​ strappare alla Cina centinaia di miliardi di dollari; il senatore repubblicano Marsha Blackburn​​ sostiene che​​ la Cina è costata alleconomia americana seimila miliardi​​ e potrebbe costarne altri 5mila​​ e propone​​ di farsi risarcire non pagando più​​ alla Cina gli interessi​​ sui titoli del Tesoro Usa che​​ essa​​ possiede.​​ Altri pensano a​​ nuovi dazi commerciali.​​ O allimposizione di sanzioni per un valore di mille miliardi di dollari su future​​ importazioni​​ cinesi21. Il​​ 1°​​ maggio​​ un​​ rapporto del Dipartimento di Sicurezza Nazionale USA,​​ condiviso con le forze dellordine e le agenzie governative, rincara ancora la dose, accusando​​ il governo cinese​​ di aver​​ intenzionalmente nascosto alla comunità internazionale la gravità del​​ COVID-19 allinizio di gennaio, mentre accumulava scorte di materiale medico sia aumentando le importazioni che diminuendo le esportazioni​​ […]​​ La Cina ha probabilmente tagliato le sue esportazioni di forniture mediche prima della notifica dellOMS di gennaio secondo cui​​ il COVID-19 è contagioso22.​​ Come si vede, si fa di tutto per presentare la RPC e il PCC nella luce peggiore: non solo​​ avrebbero mentito sui modi e tempi dellorigine del virus, su cui si continua ad alimentare il sospetto che sia uscito dal laboratorio di Wuhan, ma​​ lo avrebbero fatto​​ per speculare sulle forniture di materiale medico, per fare sporchi affari sulla pelle del popolo americano…​​ 

Il 3​​ maggio​​ il​​ Segretario di Stato Mike Pompeo​​ afferma​​ che ci sono​​ enormi​​ prove che il​​ nuovo focolaio di coronavirus​​ abbia​​ avuto origine da un laboratorio biomedico a Wuhan, in Cina23, ma non ne presenta nessuna.​​ Del resto, i dirigenti USA, repubblicani o democratici, sono abituati a calunniare di fronte al mondo i loro nemici e ad esibire impudentemente​​ prove​​ inesistenti. Basti​​ qui ricordare​​ la fialetta piena di una polvere bianca agitata dallallora segretario di Stato​​ Colin Powell al Consiglio di Sicurezza dellONU​​ il 5 febbraio 2003​​ per accusare​​ lIraq​​ di produrre armi chimiche​​ e batteriologiche​​ di distruzione di massa che, dopo​​ loccupazione anglo-americana del​​ Paese, continuamente cercate, risultarono inesistenti.​​ 

Ai primi di maggio​​ lamministrazione​​ USA,​​ taglia i legami di investimento tra i fondi pensione federali statunitensi e le azioni cinesi​​ per un valore di circa 4 miliardi di dollari,​​ sostenendo che​​ ciò comporterebbe rischi di investimento e di sicurezza nazionale24.​​ Il​​ 14 maggio​​ in unintervista​​ alla FOX Business Trump minaccia di troncare tutti i rapporti commerciali ed economici con la RPC, affermando che così gli USA risparmierebbero 500 miliardi di dollari25.

A tutto questo si aggiungono le​​ recenti posizioni assunte dallamministrazione USA nei confronti di Taiwan, che,​​ trattando lisola come di fatto indipendente,​​ tendono a disconoscere il principio dellunica Cina (la Repubblica Popolare Cinese), stabilito dal 1992 e riconosciuto in centinaia di accordi internazionali. Scrive in proposito Lucio Caracciolo, direttore della rivista di geopolitica​​ Limes, nelleditoriale del 25 maggio:​​ 

 

Alcuni recenti episodi confermano che Washington sè tolta i guanti per picchiare duro.​​ Con la semantica protocollare, quando il segretario di Stato Pompeo si congratula con Tsai Ing-Wen, rieletta alla presidenza della Repubblica di Cina (Taiwan), definendola​​ presidente​​ – cioè capo di Stato. Con la violenza della rappresaglia economica, annunciando che la Taiwan Seminconductor Manufacturing (leader mondiale) aprirà una fabbrica in Arizona, intanto vietando la vendita dei suoi semiconduttori a Pechino. Huawei e il suo 5G sono sotto attacco26.

 

Parimenti aggressiva è la posizione​​ dell’amministrazione​​ USA​​ su Hong Kong, dove fomenta e sostiene movimenti secessionisti e anticomunisti e ora mobilita il suo apparato mediatico​​ per attaccare il Congresso nazionale del popolo cinese per la formulazione di una legge sulla sicurezza nazionale per Hong Kong.

Al contempo, gli USA intensificano la loro azione militare nei mari della Cina. Scrive il​​ “South China Morning Post”​​ del 10 maggio:​​ 

 

Finora questanno, gli aerei delle forze armate statunitensi hanno effettuato 39 voli sul Mar Cinese Meridionale, sul Mar Cinese Orientale, sul Mar Giallo e sullo Stretto di Taiwan, più di tre volte il numero effettuato nel periodo equivalente del 2019. […] Nel frattempo, la Marina degli Stati Uniti ha condotto quattro operazioni di navigazione​​ nel Mar Cinese Meridionale nei primi quattro mesi dellanno – mentre​​ nellintero​​ 2019 erano state otto in tutto; lultima il 29 aprile, quando lincrociatore missilistico USS Bunker Hill ha attraversato la catena delle Isole Spratly27.

 

 

5. L’attacco USA alla RPC: contingente o strutturale?

 

Di fronte a questa valanga di dichiarazioni ufficiali sempre più bellicose, accompagnate da ostili​​ politiche, legali, economiche, militari a tutto campo e in ogni parte del mondo, si pone la questione se si tratti di una situazione temporanea,​​ contingente, legata essenzialmente,​​ da un lato,​​ al tentativo di dirottare contro la Cina, invece che sullamministrazione Trump, il risentimento della popolazione colpita massicciamente dalla disastrosa gestione della pandemia, e, dallaltro, alla campagna elettorale per le presidenziali del prossimo novembre, come sembrerebbe suggerire il​​ Corona big book,​​ il manuale di istruzioni​​ per i candidati repubblicani. Diversi osservatori e commentatori politici hanno insistito su questo aspetto contingente, legato alla cattura del consenso interno degli USA. È probabile che il bisogno di Trump di recuperare il terreno perduto nellelettorato statunitense​​ abbia contribuito ad infiammare i toni del presidente più demagogico della storia degli States e ad incrementare lo scontro con la Cina: il suo rivale, il democratico Joe Biden,​​ nelle intenzioni di voto va meglio di Hillary Clinton nel 2016; un rilevamento di Fox News (la TV più​​ amica​​ di Trump), confermato da una media dei sondaggi della settimana 18-24 maggio, dà il candidato democratico al 48% e il presidente in carica al 40%28.​​ 

Tuttavia, vi è più di una ragione per ritenere che il violento attuale attacco statunitense contro la RPC, non sia temporaneo e occasionale, ma rivesta piuttosto un carattere strutturale, radicato cioè nel sistema economico-politico degli USA, nei tratti fondamentali della classe dominante, che, democratica o repubblicana, condivide lideologia dellAmerica first, del primato statunitense nel mondo, dellunipolarismo USA che non accetta e non si concilia con la prospettiva di un mondo multipolare.​​ 

Gli USA non si concepiscono e non sono un​​ Paese capitalistico al pari degli altri, e neppure un​​ primus inter pares. Lideologia del primato assoluto statunitense si è forgiata nel corso della​​ guerra fredda​​ (1946-1991) e si è apertamente proclamata nei documenti strategici della Casa Bianca allindomani della dissoluzione dellURSS; in essi si afferma la volontà di mantenere e rafforzare​​ lunipolarismo statunitense.​​ Questo unipolarismo ha un forte ancoraggio nel complesso​​ militar-industriale, che si è enormemente esteso con la II guerra mondiale e ancor più con la​​ guerra fredda.​​ 

La​​ guerra fredda, il confronto permanente con lURSS e con il​​ campo socialista, designati come il nemico assoluto, limpero del male, la minaccia perenne alla libertà e ai valori dellOccidente, servirono alla classe dominante USA per a) compattare sotto il proprio comando militare, politico, economico,​​ i​​ Paesi capitalistici di Europa e Asia​​ (mentre lAmerica Latina era il​​ cortile di casa​​ dello zio Sam); b) alimentare ed estendere un enorme complesso militar-industriale che non ha pari nel mondo (la spesa militare USA​​ è stata​​ nel 2019 di 732 miliardi di dollari29); c) imporre il dollaro come valuta per gli scambi internazionali;​​ d)​​ inoculare nella popolazione USA un nazionalismo​​ di grande potenza​​ che​​ ha bisogno di alimentarsi​​ continuamente​​ di un grande nemico, di un​​ grande e minaccioso​​ malvagio​​ contro cui combattere,​​ presentandosi come un super​​ impero del bene.​​ 

La classe dominante negli USA è il centro, il cuore pulsante del sistema imperialistico mondiale​​ e​​ si​​ è​​ troppo abituata​​ a​​ godere dei privilegi che questa centralità le conferisce.​​ La possibile perdita del primato mondiale​​ mette in allarme i​​ potentati economici​​ statunitensi, che possono mantenere un ruolo mondiale facendo leva sul potere politico-militare del Paese.​​ Questo primato non è solo militare, politico,​​ economico, è anche​​ ideologico-culturale, nel​​ soft power,​​ e colonizza limmaginario della popolazione mondiale. Perdere questo primato è​​ oggi​​ la preoccupazione​​ principale della classe dominante USA, che vede segare il ramo su cui è seduta.

Questa struttura peculiare degli USA può spiegarci il violentissimo attacco alla Cina. La classe dominante USA ha costruito il consenso sul primato americano nel mondo, e sulla lotta contro il nemico. La mentalità americana, a partire dalla II guerra mondiale,​​ e ancor più dallo scatenamento della​​ “guerra fredda”,​​ è stata costruita sull’immagine perenne di un nemico oscuro da combattere: dalla II guerra mondiale, in cui il nemico erano i giapponesi e i nazisti tedeschi,​​ alla​​ “guerra fredda”​​ in cui erano​​ i comunisti​​ e l’URSS,​​ al dopo​​ “guerra fredda”, in cui per una fase​​ è stato​​ il terrorismo islamista, e,​​ infine,​​ la Cina. Per tenere la coesione interna Trump, e non solo​​ lui,​​ ma​​ tutta la classe dominante americana, deve trovare un nemico, e rifiutando di trovarlo in se stessa​​ e nella sua struttura economico-sociale,​​ si scaglia contro la Cina.​​ 

Lelezione della RPC a nemico​​ par excellence​​ non è casuale, né solo contingente. Era già presente​​ tra le righe​​ nella dottrina strategica degli USA​​ negli anni​​ 90. Ed è divenuta lossessione della classe dominante americana –​​ bipartisan, attraversando sia il partito repubblicano che democratico – dopo la grande crisi finanziaria del 2007-2008. Anche la RPC subì​​ il​​ contraccolpo​​ di quella crisi, ma – grazie al sistema ad orientamento socialista, alla capacità effettiva del PCC di orientare e dirigere leconomia​​ ​​ seppe​​ riorganizzarsi rapidamente continuando con ottime​​ performance, divenendo​​ nel 2010​​ la seconda economia mondiale e proseguendo nel suo percorso di sviluppo interno, di superamento progressivo delle fasce di povertà presenti nel​​ Paese, di creazione del più grande mercato solvibile interno. Il suo sistema politico, inoltre, si rafforzava, accresceva la coesione sociale; il PCC​​ si​​ proponeva al​​ XIX​​ congresso​​ (2017)​​ di risolvere le nuove contraddizioni che lo sviluppo degli anni precedenti aveva creato, e si poneva come un​​ Paese che – unico​​ al mondo – parlava al mondo intero proponendo,​​ rispetto alla globalizzazione imperialista degli USA,​​ un percorso condiviso di sviluppo​​ win win​​ in un mondo multipolare, di cui il grande progetto della Nuova Via della Seta è un pilastro fondamentale.​​ 

La presidenza di Trump è stata caratterizzata – facendo la tara di alcune oscillazioni ed esternazioni che contraddistinguono teatralmente il personaggio – dal porre la Cina come avversario, e poi nemico principale, contro il quale​​ ha iniziato nel 2017 una dura guerra commerciale. Tale guerra, pur in un percorso a zig-zag,​​ è stata in crescendo, ha​​ provocato grandi disordini nei mercati​​ mondiali e ha sostanzialmente avviato un percorso a ritroso nella globalizzazione e nelle catene produttive internazionali.​​ I​​ tre​​ anni della presidenza Trump che precedono la pandemia di Covid-19 hanno visto progressivamente aumentare gli attacchi economici alla Cina, ma non solo. Si è intensificata l’azione di propaganda mediatica anticinese, gli USA hanno fomentato i movimenti anti​​ RPC a Hong Kong, hanno diffuso menzogne sulla​​ “repressione degli​​ uiguri”, hanno operato,​​ insomma,​​ come avevano ben imparato a fare nel periodo della​​ “guerra fredda”,​​ quando​​ il presidente USA Ronald​​ Reagan definì l’URSS​​ “impero del male”.​​ 

 

 

6.​​ Europa​​ teatro​​ dell’attacco di​​ Trump​​ alla Cina

 

Che il crescendo di attacchi alla Cina abbia una base che va ben al di là della campagna elettorale in corso ce lo mostra anche la grande mobilitazione mediatica e la forte pressione politica – un vero e proprio​​ “serriamo i ranghi!”​​ – degli USA verso i​​ Paesi ad essi legati da trattati militari o commerciali, con il palese obiettivo di allinearli contro Pechino. Si tratta di​​ Paesi che, pur con sistemi economico-politici ben diversi da​​ quello della RPC,​​ hanno sviluppato​​ nel corso degli ultimi decenni​​ relazioni​​ commerciali e culturali con​​ essa.​​ 

Una delle aree del mondo più rilevanti – se non la principale – su cui la politica degli USA sta puntando per allinearla allattacco anticinese è lEuropa​​ (intesa non come Europa geografica, quindi​​ Russia esclusa).​​ La Cina è il secondo partner commerciale della​​ UE dopo gli Stati Uniti e lUE è il primo partner commerciale della Cina30. Entrambe le parti sono impegnate in un partenariato strategico globale, espresso nellAgenda strategica per la cooperazione UE-Cina 202031.​​ Vi è​​ inoltre, la cooperazione 17+1​​ dei Paesi dellEuropa centrale e orientale (PECO) per la Belt and Road Initiative32. Nella primavera del 2019 i principali​​ Paesi dellEuropa occidentale hanno siglato con la RPC importanti accordi sulla Nuova Via della Seta, enfatizzati dalla visita del presidente Xi Jinping. LItalia, primo​​ Paese del G7,​​ ha sottoscritto il​​ Memorandum​​ dIntesa.​​ 

In occasione della pandemia la Cina ha prestato notevoli aiuti allItalia e un sondaggio a marzo indicava come la RPC fosse considerata un​​ Paese amico dalla maggioranza degli italiani33. Le forze politiche dellattuale governo – pur con alcuni distinguo – guardano alla Cina con prospettive di collaborazione economica, di crescita dellinterscambio​​ anche​​ culturale. Per alcune di esse la​​ collaborazione con la​​ Cina potrebbe costituire un supporto notevole per fronteggiare la crisi economica che da anni pesa sul​​ Paese.​​ 

Loffensiva mediatica USA per imbarcare e imbrigliare i​​ Paesi europei nella crociata anticinese si svolge a tutto campo, con abbondanza di mezzi e interventi sui principali​​ media.​​ Se guardiamo a quello che è oggi il più importante​​ Paese europeo, la Germania, possiamo osservare la virulenza della campagna anticinese.​​ 

Prendiamo in esame la lettera aperta​​ a Xi Jinping che Julian Reichelt, direttore di​​ Bild,​​ il quotidiano più venduto in Europa (oltre​​ un milione e mezzo​​ di​​ copie) del gruppo editoriale Springer, pubblica a​​ metà aprile34. Il giornale si era fatto portavoce della campagna orchestrata da Washington per richiedere alla Cina un risarcimento​​ miliardario​​ per i danni provocati dalla pandemia. Lambasciata cinese a Berlino aveva rivolto a​​ Bild​​ una lettera aperta sottolineando lassurdità e linfondatezza di tale richiesta. Reichelt scrive una lettera molto retorica,​​ pesante, dai tratti apertamente offensivi​​ nei confronti della RPC e di Xi Jinping. Quali argomenti usa?​​ Ripete il​​ refrain​​ sulla mancanza di democrazia, sul regime autoritario,​​ non trasparente,​​ che​​ governa con la sorveglianza​​ ed è​​ negazione della libertà; per di più, la RPC viene accusata di​​ furti di proprietà intellettuale, arricchendosi​​ delle invenzioni altrui, invece di inventare da sola;​​ accredita laccusa​​ senza prove​​ di Washington sulla fuga del virus dal laboratorio di Wuhan​​ e quindi​​ della propagazione del virus nel mondo, per cui​​ deve pagare caro; e, infine, anche​​ il dono​​ delle maschere facciali è un cavallo di troia, è imperialismo nascosto.​​ Nulla di nuovo sotto il sole. Reichelt vomita contro la Cina i consueti luoghi comuni. Tra questi, laccusa di furto di proprietà intellettuale a un Paese che è diventato – grazie​​ alla politica di forti investimenti nella scuola e nelle università e in ricerca e sviluppo –​​ leader​​ nelle tecnologie informatiche e digitali​​ (si pensi al 5G),​​ rivela​​ piuttosto​​ lostilità, indotta dagli USA,​​ alla collaborazione con la Cina per il 5G.

Ma questa lettera greve e dai toni offensivi impallidisce di fronte alla discesa in campo di Mathias Döpfner, CEO di Springer, il maggior editore tedesco.​​ Gli USA chiamano a raccolta tutti i media nella campagna anticinese. Ma, come qui si chiarisce, non è questione del​​ Laboratorio di Wuhan o​​ altro simile (anche se​​ il tema​​ continuerà ad essere agitato), ma del futuro economico e politico. La Germania è invitata, e​​ così tutti i Paesi europei,​​ al​​ disaccoppiamento​​ con la Cina, a rinunciare ai​​ suoi commerci con essa.​​ Döpfner pone un​​ aut aut:​​ A che punto è lEuropa? Dalla parte degli Stati Uniti o della Cina?. E riprende i luoghi comuni sul Paese non democratico, autoritario, ecc., invitando a diffidare della sua​​ espansione internazionale apparentemente amichevole e pacifica. Afferma che lammissione nel 2001 della Cina nellOMC è stato​​ il più grande errore commesso nella storia recente dalle economie di mercato occidentali: da​​ allora,​​ la quota degli Stati Uniti nel prodotto mondiale lordo (PIL) è scesa dal 20,18% nel 2001 al 15,03% (2019). La quota dellEuropa è scesa dal 23,5% al 16,05%, con un calo di 7,45 punti percentuali in meno di due decenni. Mentre la quota della Cina è aumentata dal 7,84% al 19,24% nello stesso periodo, con un tasso di crescita medio annuo di circa il 9%.​​ Secondo​​ Döpfner ciò è dovuto non alla forza​​ intrinseca del sistema socialista cinese, che combina piano e mercato, imprese statali e imprese private per implementare programmi strategici di sviluppo di lungo periodo, che hanno consentito di ridurre enormemente la povertà e di far crescere rapidamente le retribuzioni dei lavoratori e di migliorare decisamente le loro condizioni di vita, ma a​​ un capitalismo di stato non democratico che sfrutta le condizioni di commercio e di concorrenza più facili senza sottomettersi alle stesse regole. Il risultato è stato lasimmetria invece della reciprocità.​​ Quindi, sostiene​​ Döpfner, occorre seguire la politica degli USA​​ di​​ disaccoppiamento dalla Cina.​​ La Cina o gli Stati Uniti. Non è più possibile andare con entrambi.​​ […]​​ Se la Germania deciderà di espandere le sue infrastrutture 5G con Huawei, ciò metterà a dura prova le relazioni transatlantiche. Sarebbe un punto di svolta, perché lAmerica non potrebbe più fidarsi della Germania.​​ E la Germania non può e non deve disancorarsi dagli USA, che, dopo essersi opposti duramente allURSS e alla RDT,​​ hanno reso possibile, direttamente e indirettamente, la riunificazione tedesca. Non bisogna permettere – continua​​ Döpfner –​​ al capitalismo di stato di una potenza globale totalitaria di continuare a infiltrarsi o addirittura di prendere il controllo di industrie chiave come il settore bancario (Deutsche Bank), automobilistico (Daimler, Volvo), robotico (Kuka) e commerciale (Porto del Pireo). Quindi, invita lEuropa a proseguire​​ la​​ tradizionale alleanza transatlantica,​​ nonostante Trump, compreso lesplicito e più stretto coinvolgimento di un Regno Unito post-Brexit e di altri alleati come il Canada, lAustralia, la Svizzera e i​​ Paesi democratici dellAsia​​ e a perseguire, Germania in primis, motore economico dellEuropa,​​ un rigoroso processo di disaccoppiamento dalla Cina, perché​​ i legami economici sono sempre anche legami politici​​ e​​ potremmo tutti noi un giorno svegliarci per ritrovarci in una società raccapricciante, dalla parte della Cina e degli Stati ad essa vagamente associati,​​ come​​ la Russia, lIran e altre autocrazie.​​ La Germania,​​ che​​ ha un volume annuale di scambi commerciali con la Cina di circa 200 miliardi di euro, a fronte di tutto il commercio tedesco valutato​​ in​​ 2,4 trilioni di euro,​​ subirebbe con la​​ perdita del commercio cinese​​ un colpo pesante,​​ ma non insopportabile.​​ La recessione del coroanvirus sta già portando la Germania ad un nuovo e devastante risultato economico, ma questo ci offre unopportunità unica per rimetterci sulla giusta strada.​​ La dipendenza economica sarà solo il primo passo. Seguirà linfluenza politica. In futuro, chi dominerà il campo dellintelligenza artificiale dominerà prima economicamente e poi politicamente35.

È una sollecitazione fortissima, che viene dalla principale catena di giornali della Germania, ad aderire senza se e senza ma al campo occidentale guidato dagli USA, il che significa prima di tutto un rafforzamento del legame tra Germania e USA, nonostante qualche​​ bizza​​ di Trump, e al rafforzamento della NATO. A questo proposito, vi sono in Germania forze politiche di rilievo come la SPD (e la Linke) – il campo della socialdemocrazia tedesca – che vorrebbero allentare i legami con USA e NATO. A inizio maggio​​ Rolf Mützenich, il​​ leader​​ dei socialdemocratici (SPD) del Bundestag​​ chiede che la Germania non supporti le testate nucleari degli USA. E riceve subito un duro rimbrotto dallambasciatore americano a Berlino​​ Richard Grenell, il quale – e ciò è​​ interessante notare – inserisce tra le ragioni che rendono necessario il rafforzamento dellalleanza atlantica, insieme al​​ tradizionale​​ nemico russo, la RPC:​​ Linvasione russa dellUcraina, il dispiegamento di nuovi missili dotati di armi nucleari da parte della Russia alla periferia dellEuropa e​​ le nuove capacità della Cina, della Corea del Nord e di altri​​ Paesi rendono evidente che la minaccia è fin troppo presente36.

Insomma, cresce la pressione americana per un​​ serrate le fila​​ degli alleati europei. Il ruolo della NATO viene ora completamente recuperato in vista della crociata anticinese. Se durante la campagna elettorale e agli inizi del suo mandato Trump aveva espresso, nel suo solito stile teatrale,​​ riserve​​ sul ruolo e lutilità della NATO37​​ – ma in realtà mirava piuttosto a chiedere agli europei di raddoppiare il loro contributo economico allAlleanza – ora la NATO viene pienamente difesa e accreditata, accostando alla minaccia russa quella cinese.​​ 

Oltre e più che la Germania, dove gli USA intervengono a gamba tesa a stoppare i tentativi autonomistici di una parte della SPD – partito che governa in coalizione con la CDU – vi è un altro​​ Paese in Europa che va tenuto sotto stretta sorveglianza,​​ lItalia, che, nonostante le dichiarazioni ufficiali filo-atlantiche dei ministri della Difesa Guerini38​​ (PD) e degli esteri Di Maio39​​ (Movimento​​ 5 stelle), manifesta negli ultimi sondaggi sentimenti di amicizia verso la RPC ben più che verso gli USA. Lordine che viene doltre Atlantico e cui si adeguano quasi tutti i principali​​ media​​ è inequivocabile: demolire ad ogni costo limmagine della Cina, cominciando con laccusa di essere la causa dellepidemia per un virus lasciato sfuggire,​​ o intenzionalmente o per colpevole errore,​​ dal laboratorio di Wuhan, fino a richiedere di rinsaldare la NATO contro la minaccia cinese. Gli argomenti e il modo di presentarli sono sostanzialmente simili a quelli impiegati in Germania​​ da Reichelt e Döpfner.

Il 4 maggio il quotidiano​​ La Stampa, ospita​​ Mark Esper, Segretario USA della Difesa, intervistato da Paolo Mastrolilli40:​​ 

 

Russia e Cina stanno entrambe approfittando di una situazione unica per far avanzare i loro interessi. […] Huawei e il 5G sono un importante esempio di questa attività maligna da parte della Cina. Ciò può danneggiare la nostra alleanza. La dipendenza dai fornitori cinesi di 5G, ad esempio, potrebbe rendere i sistemi cruciali dei nostri partner vulnerabili a interruzione, manipolazione e spionaggio. Questo metterebbe a rischio le nostre capacità di comunicazione e condivisione dell’intelligence. Per contrastare tutto ciò, noi incoraggiamo gli alleati e le compagnie tecnologiche americane a sviluppare soluzioni alternative di 5G.

 

Il 13 maggio il quotidiano​​ La Repubblica, a sua volta,​​ ospita unintervista​​ (o un simulacro di essa, visto che lintervistatore sembra porre solo le domande che vuole lintervistato) del giornalista DArgenio​​ al​​ segretario generale della NATO, già significativa dal titolo:​​ Stoltenberg: la Nato​​ unita contro la disinformazione russa e cinese41. Russia e Cina, attraverso la disinformazione42​​ sul Covid-19 compirebbero​​ atti destabilizzanti contro le democrazie occidentali per guadagnare influenza politica sui partner di Nato ed Unione europea.​​ Al pari di Esper,​​ Stoltenberg lancia anche lallarme sul 5G di Huawei:​​ Gli alleati dovrebbero evitare investimenti stranieri che possano compromettere la riservatezza delle​​ nostre comunicazioni.​​ La NATO viene così pienamente arruolata nella crociata anticinese.

Lattacco alla Cina viene svolto quasi quotidianamente dai principali​​ media​​ ed esponenti​​ di destra, facendo da cassa di risonanza alle dichiarazioni di Trump e Pompeo.​​ Già a gennaio​​ Il Giornale​​ sposava la tesi del virus sfuggito dal laboratorio di Wuhan43. E​​ Matteo Salvini,​​ leader​​ della Lega (risultata alle elezioni europee del 26 maggio​​ 2019 il primo partito italiano, con il 34,26% dei voti),​​ in un recente intervento in Senato​​ afferma:​​ 

 

Ci uniremo alla richiesta almeno di una Commissione dinchiesta per capire chi ha fatto e chi non ha fatto cosa, perché potremmo finire il 2020 con lassurdo di avere ununica economia mondiale che cresce, che è quella cinese che, dopo aver volontariamente o involontariamente, non sta a me giudicarlo,​​ causato una pandemia globale,​​ sulle macerie di questa pandemia va ad acquistare aziende, dati, telefonia e alberghi in Italia e nel mondo44.​​ 

 

Chiede inoltre, in piena sintonia con Trump, di rimettere in discussione i contributi della Repubblica italiana all’Organizzazione mondiale della sanità.​​ 

Della richiesta alla Cina di risarcimento miliardario prospettata dal governatore leghista Fontana si è già detto.​​ 

Ma lattacco alla Cina viene condotto anche in​​ modo indiretto e più subdolo.​​ Report​​ –​​ la​​ trasmissione di inchiesta​​ di Rai3​​ (il canale​​ di sinistra​​ della​​ Radiotelevisione italiana),​​ condotta dal giornalista Sigfrido Ranucci​​ –​​ si​​ allinea al​​ mainstream​​ che tende a​​ gettare una luce sinistra sulla Cina.​​ La trasmissione dell11 maggio​​ è​​ dedicata​​ ad uninchiesta sullOMS, guarda caso proprio qualche giorno prima della​​ sua 73a​​ Assemblea​​ mondiale del 18-19 maggio, in occasione della quale Trump invia una lettera al suo direttore generale, accusando lOMS di essere asservita alla Cina.​​ Report​​ sposa in pieno​​ questa tesi45.​​ 

La prima parte della trasmissione è dedicata alla demolizione della figura del direttore generale dellOMS​​ Tedros​​ Adhanom​​ Ghebreyesus, che viene mostrato nella trasmissione​​ seduto​​ accanto​​ al​​ presidente​​ cinese​​ Xi​​ Jinping​​ nella​​ Grande​​ sala​​ del​​ popolo​​ di​​ Pechino (28 gennaio). La sua grave colpa? Elogiare​​ apertamente​​ il​​ governo​​ cinese per la gestione del Covid-19,​​ ma​​ – ci dice il giornalista –​​ non​​ si​​ sa​​ su​​ quali​​ basi​​ visto​​ che​​ lOMS​​ non​​ ha​​ ancora​​ fatto​​ una​​ vera​​ ispezione​​ in​​ Cina.​​ Ma chi è mai Tedros? Eccone il ritratto malefico che ne fa la trasmissione:

 

Nel​​ suo​​ Paese,​​ lEtiopia,​​ è​​ stato​​ ministro​​ prima​​ della​​ sanità,​​ poi​​ degli​​ esteri​​ in​​ governi​​ che​​ non​​ hanno​​ esitato​​ a​​ usare​​ la​​ violenza​​ contro​​ le​​ opposizioni.​​ Il​​ suo​​ partito​​ è​​ il​​ temuto​​ TPLF:​​ il​​ Fronte​​ Popolare​​ di​​ Liberazione​​ del​​ Tigrè […] Durante​​ la​​ gestione​​ del​​ governo​​ etiope,​​ il​​ TPLF​​ è​​ stato​​ accusato​​ di​​ moltissimi​​ episodi di​​ corruzione.​​ Tedros​​ non​​ solo​​ era​​ membro​​ di​​ quel​​ governo,​​ Tedros​​ è​​ una​​ figura​​ di primo​​ piano​​ del​​ partito​​ TPLF.​​ Il​​ TPLF,​​ che​​ era​​ la​​ forza​​ principale​​ di​​ governo.

 

Avremmo​​ dunque a che fare con un losco figuro, personaggio di primo piano di un governo corrotto (moltissimi​​ episodi di​​ corruzione) e dispotico (usava​​ la​​ violenza​​ contro​​ le​​ opposizioni). Ma non basta: la​​ forza​​ principale​​ di​​ governo, il TPLF,​​ è​​ legato​​ a​​ doppio​​ filo​​ al​​ partito​​ comunista​​ cinese​​ e​​ in​​ particolare​​ alla​​ figura​​ dellattuale​​ presidente​​ Xi​​ Jinping​​ per​​ via​​ dei​​ suoi​​ pesanti​​ investimenti​​ nel​​ Paese​​ etiope.​​ Report​​ ci dice in modo abbastanza esplicito che la nomina del​​ primo​​ africano​​ che​​ riesce​​ a​​ scalare​​ i​​ vertici​​ dellOMS46​​ non è dovuta a meriti personali, ma alla Cina, che, grazie ai grandi investimenti infrastrutturali, può influenzare lUnione africana e farlo così eleggere.​​ 

Report​​ fa​​ una digressione sulla politica cinese in Africa. Molti Paesi del continente – lo si dice​​ con grande rammarico​​ – si sono​​ molto​​ legati​​ dal​​ punto​​ di​​ vista​​ economico​​ alla​​ Cina. Però, ci si dice,​​ questo​​ abbraccio​​ cinese​​ verso​​ il​​ continente​​ non​​ era​​ gratuito, ma per​​ tenere in pugno​​ i​​ Paesi del continente. Ma non basta:​​ non solo i malefici cinesi si comprano il direttore dellOMS, presentato come una marionetta nelle loro mani, ma spiano i lavori​​ dellUnione​​ dei​​ Paesi​​ africani:​​ I​​ dati​​ che​​ passavano​​ per​​ il​​ quartier​​ generale​​ dellUnione​​ Africana​​ venivano​​ intercettati dal​​ governo​​ cinese​​ allinterno​​ di​​ questa​​ stessa​​ struttura. Ed ecco la conclusione, il ritratto di una vera e propria associazione a delinquere:​​ Soldi,​​ investimenti:​​ è​​ questo​​ il​​ filo​​ che​​ tiene​​ legato​​ in​​ questo​​ momento​​ Tedros​​ alla​​ Cina.​​ Anche lUnione africana sarebbe così una marionetta nelle mani cinesi. Questa affermazione viene lasciata cadere lì, come fosse verità provata, senza che il​​ giornalista dinchiesta​​ porti​​ elementi​​ di prova.​​ 

Ma non basta ancora:​​ dulcis in fundo,​​ vi è lintervista ad​​ Andrea Sing-Ying Lee, presentato come​​ Ambasciatore di Taiwan in Italia, fingendo di ignorare – ma sono giornalisti di professione! – che lunica ambasciata cinese in Italia è quella della RPC e che lItalia, al pari degli​​ altri​​ Paesi del mondo, ha aderito da anni al principio​​ One China, politica che ora lamministrazione USA,​​ nella sua forsennata politica di attacco alla RPC,​​ punta a rovesciare.​​ 

 

 

7.​​ “Guerra fredda”, bipolarismo, unipolarismo, multipolarismo

 

Lespressione​​ nuova guerra fredda​​ viene sempre più frequentemente impiegata negli interventi politici e nei​​ media​​ per designare la situazione attuale dei rapporti tra USA e RPC. Questa espressione – come ci insegnano gli studiosi del linguaggio – non è neutrale, né innocente, comunica ai lettori o agli ascoltatori un determinato punto di vista, tende a dare una determinata visione delle cose.​​ 

Nel corrente linguaggio giornalistico, ma anche degli storici, si indica con lespressione​​ guerra fredda​​ tutto il periodo post 1945 (fine della II guerra mondiale) fino alla demolizione dei​​ Paesi socialisti dellEuropa centro-orientale e balcanica (1989) e dellURSS (1991). Quale configurazione dei rapporti mondiali implicava la guerra fredda? Fondamentalmente un​​ mondo bipolare, in cui si confrontavano due grandi blocchi antagonisti e inconciliabili, socialismo e capitalismo, Oriente e Occidente,​​ due – così si diceva –​​ superpotenze.​​ 

La contrapposizione bipolare non fu una scelta della dirigenza sovietica, ma fu imposta da USA e Regno Unito, che riuscirono così ad allineare sotto il comando politico, economico, militare degli USA tutti i​​ Paesi dell’Europa occidentale. La fondazione della NATO nel 1949 e i suoi successivi allargamenti sigillano questo allineamento. Il Patto di Varsavia prese forma solo diversi​​ anni dopo e fu sciolto nel 1991.​​ 

Anche il concetto di​​ “Occidente”, di​​ “valori occidentali”, di blocco occidentale, come ancora oggi lo impieghiamo, quale sinonimo di economia di mercato, liberal-democrazia e filo atlantismo, prende forma nel secondo dopoguerra in contrapposizione con l’Oriente dell’URSS e della Repubblica Popolare Cinese, raffigurati come dittature e barbarie. In questo modo dall’“Occidente”​​ venivano espunti Marx ed Engels, il pensiero comunista, nonché tutto il pensiero di emancipazione anticoloniale e antimperialista.​​ 

La semplificazione binaria del​​ mondo bipolare​​ giocava a favore della classe dominante dellimperialismo USA, che costringeva​​ a schierarsi pro o contro il blocco occidentale, escludendo​​ la​​ possibilità di posizioni intermedie e diversificate. La nascita del movimento dei​​ Paesi non allineati, che possiamo datare alla Conferenza di Bandung (1955), cui il​​ primo​​ ministro della​​ RPC Zhu Enlai dette un importante contributo, fu il tentativo di rompere lo schema bipolare imposto dallimperialismo USA.​​ 

Anche l’uso del termine​​ “superpotenza”, entrato in uso nel linguaggio giornalistico, era ingannevole, poiché metteva sullo stesso piano economico e militare, due​​ Paesi che in realtà non lo erano: la forza economica dell’URSS – che aveva indubbiamente fatto passi da gigante grazie alla pianificazione socialista degli anni 30 e successivi – era tuttavia notevolmente inferiore a quella degli USA (e va ricordato quale enorme tributo di vittime e di distruzione economica pagò l’URSS per sconfiggere il nazifascismo, a fronte degli USA, che non ebbero la guerra in casa). L’URSS fu costretta dall’offensiva USA alla corsa agli armamenti, che le consentì un certo potere di dissuasione nell’impiego delle armi nucleari, ma non di raggiungere la parità con gli USA, che avevano il più potente complesso militar-industriale del mondo. Inoltre, la corsa agli armamenti cui l’URSS fu costretta,​​ distolse​​ risorse che avrebbero potuto essere impiegate nelle spesa​​ sociale​​ per migliorare il tenore di vita e il benessere del popolo, indebolendo così il consenso al governo sovietico e al PCUS.​​ L’URSS non era una​​ “superpotenza”: questa etichetta favoriva la campagna ideologica per demonizzarla come​​ “impero del male”.

Se guardiamo allesperienza storica della disfatta del socialismo sovietico e dei​​ Paesi europei si può osservare che il terreno di scontro del bipolarismo imposto dagli USA allindomani della II guerra mondiale risultò favorevole a questi ultimi, che poterono passare dopo il 1991 allaffermazione dellunipolarismo, degli USA quale unico centro dominante​​ del mondo.​​ Per tutta la fase storica del trentennio​​ successivo​​ al 1991 le forze politiche e culturali del socialismo, nonché dellemancipazione anticoloniale e antimperialista,​​ hanno proposto e si sono battute per la fine dellunipolarismo USA e il passaggio a un​​ mondo multipolare.​​ Questo concetto non solo si contrappone allunipolarismo, ma anche al bipolarismo, rifiuta il terreno di scontro della​​ guerra fredda​​ scelto dagli imperialisti. Impugnando la bandiera del mondo multipolare la strategia mondiale di lotta per il socialismo apprende le lezioni dellesperienza storica del XX secolo, comprende che il mondo del XXI secolo si articola in diversi​​ Paesi con diversi gradi di sviluppo delle forze produttive e dei rapporti di produzione​​ con​​ le rispettive sovrastrutture politiche: il passaggio a più avanzati rapporti di produzione socialisti non può avvenire simultaneamente, né con uno scontro finale generale tra i poli del socialismo e dellimperialismo, ma attraverso la combinazione del consolidamento e crescita dei​​ Paesi ad orientamento socialista (e qui il ruolo della RPC e del socialismo con caratteristiche cinesi è straordinario),​​ con la fuoriuscita dal sottosviluppo e dalla dipendenza dallimperialismo dei​​ Paesi di Asia,​​ Africa,​​ America Latina, con la lotta di classe tra capitale e lavoro nei​​ Paesi capitalistici europei, e una pluralità di altre forme sociali intermedie. Il mondo multipolare consentirebbe condizioni più favorevoli per il passaggio a rapporti più​​ avanzati sulla strada dellemancipazione sociale e del​​ socialismo.​​ 

Va​​ in direzione di un mondo multipolare il progetto della​​ Nuova Via della Seta, che costruisce infrastrutture fondamentali, creando le condizioni della comunicazione e reciproco vantaggio per​​ Paesi con culture, sistemi economici e regimi politici diversi tra loro, quali,​​ ad esempio,​​ i crescenti rapporti commerciali, ma anche culturali,​​ tra Cina e​​ UE, i cui​​ Paesi​​ sono per la maggior parte affiliati​​ alla NATO, che è pienamente a guida USA.

Lattuale politica dellamministrazione USA, che vede sempre più barcollare il suo dominio unipolare, sta puntando invece a riproporre lo schema del bipolarismo, risultato vincente nel periodo della​​ guerra fredda,​​ e cerca di portare la RPC su questo terreno.​​ Lo mostrano chiaramente i sempre più frequenti​​ aut aut​​ (il più pesante è, come abbiamo visto, quello del CEO di Springer):​​ i​​ Paesi europei devono scegliere,​​ o con gli USA o con la Cina. Con il bipolarismo gli USA, feroci oppositori della BRI, tendono ad allineare​​ sotto il loro comando i​​ Paesi europei​​ contro​​ della RPC.

 

 

8. Si apre una fase mondiale difficile e complessa

 

Le forze del socialismo e del progresso mondiali sono chiamate oggi al difficile compito di contrastare, anche sul piano mediatico, lattuale strategia USA, che punta allo scontro bipolare USA-Cina, presentando questultima come​​ superpotenza.​​ La Cina non ha mai detto di essere,​​ né di voler diventare una superpotenza. Anzi, ha sempre detto il contrario. E ciò sulla base di tutto il pensiero politico del PCC, da Mao​​ Zedong​​ a​​ Zhu Enlai, a Deng​​ Xiaoping,​​ a Xi Jinping.​​ Alla base di ciò vi è una concezione del mondo e una visione strategica consolidata, che il pensiero di Xi ha ulteriormente sviluppato. È lidea di un lungo e complesso processo di transizione al socialismo, che richiede allinterno una cooperazione con forze borghesi per sviluppare le forze produttive, e,​​ sul piano internazionale,​​ la battaglia per laffermazione di un mondo multipolare.​​ Questultimo​​ è, nelle condizioni date, lambiente migliore per la lotta per il socialismo, per mutare i rapporti di forza, evitando al contempo la catastrofe della guerra. La Cina è oggi uno dei​​ principali​​ baluardi​​ per la pace nel mondo, essa si basa sullidea di sviluppo pacifico. Nel mondo multipolare si può giocare con una pluralità di attori e di contraddizioni. Le forze socialiste possono avanzare,​​ come infatti è straordinariamente avvenuto con la crescita della Cina, del Vietnam, di Cuba. Il mondo bipolare obbliga allo scontro muro contro muro, costringendo anche i neutrali a collocarsi. Esso favorisce limperialismo, col suo enorme controllo sui​​ media.​​ 

La nuova situazione mondiale determinata dalla pandemia del Covid-19 e dalle sue implicazioni politiche, culturali, sociali è ancora aperta a soluzioni diverse, ad un possibile sbocco progressivo per lumanità. Ma le forze conservatrici e reazionarie a livello mondiale, e in particolare limperialismo USA, si oppongono decisamente ad ogni possibile comunità di destino condiviso per tutta lumanità. Lattuale classe dominante negli USA, nata e cresciuta nella cultura della missione imperiale americana e del dominio incontrastato sullintero mondo, non accetta il passaggio a un mondo multipolare, basato sulla cooperazione con reciproco vantaggio tra​​ Paesi e blocchi di​​ Paesi con uguale dignità. Alle proposte costruttive e ragionevoli della RPC di cooperazione sanitaria mondiale risponde con unescalation​​ di vere e proprie dichiarazioni di guerra, elevando sempre di più il livello dello scontro e cercando di trascinare la RPC sul terreno di scontro preferito dagli USA, il confronto bipolare, che consente agli USA, mobilitando tutto il sistema di alleanze politico-militari cresciute con la guerra fredda,​​ in primis​​ la NATO, di aggiogare i​​ Paesi europei nello scontro con la Cina.​​ 

Si apre una fase mondiale difficile e complessa, in cui le forze del socialismo, del progresso e dellemancipazione sociale, che hanno oggi nella RPC un fondamentale punto di​​ riferimento, hanno il compito storico di rafforzare la cooperazione e la solidarietà internazionale e di contrastare con intelligenza politica strategica e duttilità tattica le forze della reazione imperialista, lavorando attivamente lungo la strada tracciata della costruzione di una comunità di destino condiviso per tutta lumanità.

1

​​ Cfr. ad esempio​​ Pierre Haski,​​ La gestione autoritaria dellepidemia di coronavirus da parte della Cina,​​ in​​ Internazionale, 14-2-2020, https://www.internazionale.it/opinione/pierre-haski/2020/02/18/cina-coronavirus-autoritarismo.

2

​​ Cfr.​​ Trump claims controversial comment about injecting disinfectants was​​ sarcastic, in​​ The Whashington Post, 24-4-2020,​​ https://www.washingtonpost.com/nation/2020/04/24/disinfectant-injection-coronavirus-trump/

3

​​ Cfr.​​ Bolsonaro denounced for crimes against humanity before the International Criminal Court, 3-4-2020,​​ https://peoplesdispatch.org/2020/04/03/bolsonaro-denounced-for-crimes-against-humanity-before-the-international-criminal-court/

4

​​ La Lombardia ha 10 milioni e 84.000 abitanti, un po​​ meno degli abitanti della città di Wuhan. Al 21 maggio, secondo i dati del Ministero della salute (http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_notizie_4792_0_file.pdf) poco più di 86.000 infetti e 15.727 decessi.

5

​​ Cfr.​​ Virus Lombardia, la crisi del modello​​ Pirellone: la catena di errori che ha fatto dilagare i contagi, in​​ Il Messaggero, 21-5-2020,​​ https://www.ilmessaggero.it/italia/lombardia_coronavirus_contagi_covid_19_morti_oggi_news-5242285.html​​ 

6

​​ Cfr.​​ The color of coronavirus: COVID-19 deaths by race and ethnicity in the U.S,​​ https://www.apmresearchlab.org/covid/deaths-by-race​​ 

7

​​ Lo ribadisce in modo chiaro e puntuale un recente articolo di​​ Prabir Purkayastha, fondatore e direttore di​​ Newsclick:​​ Why Capitalism Cant Cure Global Pandemics,​​ https://citizentruth.org/why-capitalism-cant-cure-global-pandemics/​​ 

8

Full text of Xis remarks at Extraordinary G20 Leaders​​ Summit,​​ Source: Xinhua 2020-03-26,​​ http://www.xinhuanet.com/english/2020-03/26/c_138920685.htm.​​ I corsivi sono miei, A.C. La traduzione italiana è in​​ https://www.marx21books.com/xi-jinping-lavorare-insieme-per-sconfiggere-lepidemia-di-covid-19/

9

​​ Cfr. Xi Jinping,​​ Fighting COVID-19 Through Solidarity and Cooperation. Building a Global Community of Health for All, in​​ http://www.xinhuanet.com/english/2020-05/18/c_139067018.htm.​​ I corsivi sono miei, A.C.​​ Traduzione italiana in​​ http://www.marx21.it/index.php/internazionale/cina/30508-2020-05-21-06-04-02​​ 

10

​​ Cfr. ledizione domenicale del giornale tedesco​​ Die Welt, secondo cui Trump avrebbe offerto alla casa biofarmaceutica tedesca CureVac, che sta effettuando ricerche avanzate sul Covid-19, molti milioni di dollari per assicurare che il potenziale vaccino vada​​ in esclusiva​​ solo agli Usa. In​​ https://www.welt.de/wirtschaft/plus206563595/Trump-will-deutsche-Impfstoff-Firma-CureVac-Traumatische-Erfahrung.html​​ 

11

​​ Gli Stati Uniti avranno diritto allordinazione prioritaria più consistente, dal momento che hanno investito di più. È stato questo lannuncio del Ceo di​​ Sanofi​​ Paul Hudson rilasciato a​​ Bloomberg.​​ Un vaccino deve essere sottratto alla legge del mercato, ha tuonato Macron, seguito a ruota dalla Commissione Europea, che ha puntualizzato:​​ Si tratta di un bene pubblico, il suo accesso sarà equo e universale:​​ https://quifinanza.it/info-utili/vaccino-coronavirus-sanofi-scontro-usa-francia-ue/382601/​​ 

12

​​ Così nella lettera inviata da Trump al direttore generale dellOMS il 18 maggio:​​ https://www.whitehouse.gov/wp-content/uploads/2020/05/Tedros-Letter.pdf. Ma già il 5 aprile un editoriale del​​ Wall Street Journal​​ –​​ World Health Coronavirus Disinformation. WHOs bows to Beijing have harmed the global response to the pandemic​​ –​​ accusava lOms di​​ essersi piegata alla linea dettata da Pechino nel rispondere allemergenza coronavirus. Una decisione che avrebbe​​ messo in crisi la risposta globale alla pandemia, mostrando che​​ il principale ente sanitario al mondo risente dellinfluenza della Cina:​​ https://www.wsj.com/articles/world-health-coronavirus-disinformation-11586122093?mod=e2tw​​ 

13

​​ Ivi. Le affermazioni contenute nella lettera di Trump sono smentite e contestate da scienziati, medici e operatori sanitari, a partire dal direttore​​ Richard Horton​​ della nota rivista medico-scientifica​​ The Lancet​​ (cfr.​​ https://twitter.com/TheLancet/status/1262721061361254401).​​ Cfr. anche​​ Expert reaction to letter sent from Donald Trump to Dr Tedros Adhanom, Director-General of the WHO,​​ https://www.sciencemediacentre.org/expert-reaction-to-letter-sent-from-donald-trump-to-dr-tedros-adhanom-director-general-of-the-who/​​ 

14

​​ The W.H.O. really blew it. For some reason, funded largely by the United States, yet very China centric. We will be giving that a good look. Fortunately I rejected their advice on keeping our borders open to China early on. Why did they give us such a faulty recommendation?,​​ https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-usa-who/trump-says-who-is-china-centric-really-blew-it-on-coronavirus-idUSKBN21P2E1​​ 

15

​​ È il quotidiano statunitense​​ Politico​​ a pubblicare il 24 aprile il manuale per la campagna anticinese:​​ GOP memo urges anti-China assault over coronavirus,​​ 24-4-2020,​​ https://www.politico.com/news/2020/04/24/gop-memo-anti-china-coronavirus-207244. Il manuale è in​​ https://static.politico.com/80/54/2f3219384e01833b0a0ddf95181c/corona-virus-big-book-4.17.20.pdf

19

​​ Calunniate, calunniate, resterà sempre qualcosa. Il proverbio è attribuito al drammaturgo francese Beaumarchais (1732-1799).

23

​​ Cfr.​​ This Week Sunday​​ della ABC,​​ https://abcnews.go.com/Politics/pompeo-enormous-evidence-unproven-theory-coronavirus-lab/story?id=70472857.​​ Il giorno dopo il​​ 4 maggio il​​ Guardian​​ riferisce la smentita di​​ fonti di intelligence:​​ Non ci sono prove attuali che suggeriscano che il coronavirus sia venuto da un laboratorio di ricerca cinese,​​ https://www.theguardian.com/world/2020/may/04/five-eyes-network-contradicts-theory-covid-19-leaked-from-lab​​ 

29

​​ Cfr. Manlio Dinucci,​​ La pandemia della spesa militare, in​​ il manifesto, 5 maggio 2020,​​ https://ilmanifesto.it/la-pandemia-della-spesa-militare/​​ 

30

​​ Nel 2017, lUE è stata il principale partner della Cina, con il 13% delle esportazioni di beni in Cina (217 miliardi di euro) e il 16% delle importazioni di beni dalla Cina (332 miliardi di euro). Nello stesso anno, la Cina ha rappresentato l11% delle esportazioni di beni extra-UE (198 miliardi) ed è stato il principale partner commerciale, con il 20% delle importazioni di beni extra-UE (375 miliardi di euro).

32

​​ Fondata nel 2012 tra la Cina e sedici Paesi dellEuropa centrale e orientale, cui si è poi aggiunta la Grecia (12​​ Paesi UE: Grecia, Slovenia, Croazia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, Bulgaria, Romania, Ungheria, Estonia, Lettonia, Lituania e 5 non appartenenti allUE: Albania, Bosnia ed Erzegovina, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia), è nata come iniziativa del governo cinese volta a promuovere le relazioni commerciali e gli investimenti, nellambito delliniziativa cinese Belt and Road Initiative.

33

​​ In un sondaggio presentato a inizi aprile da SWG risulta che il 52% degli intervistati considera la Cina un​​ Paese amico, mentre solo il 17% è per gli USA. Cfr.​​ https://formiche.net/2020/04/italiani-preferiscono-cina-usa-ue/​​ 

34

https://www.bild.de/politik/international/bild-international/bild-chief-editor-responds-to-the-chinese-president-70098436.bild.html

35

​​ Mathias Döpfner, in​​ Businessinsider, 3-5-2020:​​ The coronavirus pandemic makes it clear: Europe must decide between the US and China, in​​ https://www.businessinsider.com/coronavirus-pandemic-crisis-clear-europe-must-choose-us-china-2020-5?IR=T​​ 

36

​​ Trump Envoy Accuses Germany of Undermining NATOs Nuclear Deterrent,​​ in Reuters -NYTimes, 14 maggio 2020,​​ https://www.nytimes.com/reuters/2020/05/14/world/europe/14reuters-germany-usa-nato.html.

37

​​ Cfr. Ashley Parker,​​ Donald Trump Says NATO is​​ Obsolete,​​ UN is​​ Political Game,​​ New York Times, 2-4-2016,​​ https://www.nytimes.com/politics/first-draft/2016/04/02/donald-trump-tells-crowd-hed-be-fine-if-nato-broke-up/;​​ David E. Sanger​​ and​​ Maggie Haberman,​​ Donald Trump Sets Conditions for Defending NATO Allies Against Attack,​​ New York Times 21-7-2016,​​ https://www.nytimes.com/2016/07/21/us/politics/donald-trump-issues.html

38

​​ 14-2-2020:​​ È evidente che la​​ Nato​​ resta la pietra angolare della nostra architettura di difesa e sicurezza. Non a caso lItalia è il secondo contributore in termini di personale impiegato nelle missioni, in​​ https://www.agi.it/politica/news/2020-02-14/difesa-sovranita-nazionale-guerini-7084219/;​​ aprile 2020:​​ I pilastri della nostra sicurezza sono la Nato e lUe, e la pandemia non cambia i fondamentali della collocazione politica e internazionale del Paese, in​​ https://formiche.net/2020/04/f-35-guerini-mosse-difesa-nato-ue/. E​​ ancora: Lorenzo Guerini​​ Ue e Nato i nostri pilastri, serve trasparenza sullorigine del virus,​​ https://rep.repubblica.it/pwa/intervista/2020/05/04/news/lorenzo_guerini_ue_e_nato_i_nostri_pilastri_serve_trasparenza_sull_origine_del_virus_-255690300/?ref=RHPPTP-BH-I255630873-C12-P5-S1.8-T1​​ 

39

​​ Cfr. Stefano Pioppi,​​ Più Nato con il coronavirus. Ecco cosa ha detto Di Maio al vertice dellAlleanza, in​​ Formiche.net, 2-4-2020,​​ https://formiche.net/2020/04/nato-virus-di-maio-vertice/

42

​​ Un proverbio pugliese recita:​​ il bue dice cornuto allasino, per indicare il rovesciamento delle parti, dove il mentitore acclarato accusa il suo avversario di mentire. Così gli USA, che hanno messo in giro la​​ fake new​​ del virus sfuggito al laboratorio di Wuhan, accusano la Cina di disinformazione.

44

​​ Cfr. lintervento in Senato del 27 maggio; corsivo mio, AC, in​​ Salvini, commissione inchiesta su Cina,​​ https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2020/05/27/salvini-commissione-inchiesta-su-cina_49085fcc-ba96-49eb-8ac1-6ffe040bba70.html

45

​​ La trasmissione si può vedere sul sito​​ https://www.rai.it/programmi/report/inchieste/Disorganizzazione-mondiale-b8ed1cc8-5ae5-436f-925b-22812f52371d.html, da cui si può anche scaricare il pdf dei testi letti dal conduttore e delle interviste. Il corsivo nelle citazioni è mio, AC.

46

​​ La frase, così come è formulata, suona velatamente razzista: un​​ africano​​ riesce a​​ scalare​​ i vertici dellOMS. La cosa peggiora se la colleghiamo a quanto si dice in seguito, che la​​ scalata​​ sarebbe avvenuta non per merito proprio, ma solo grazie alle oscure manovre della RPC con lUnione dei Paesi africani.

 


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION


Commenta