Mese: Aprile 2020

West’s pandemic falsehoods debunked

Global Times, 2020/4/16

https://www.globaltimes.cn/content/1185819.shtml


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO


Illustration: Liu Rui/GT

In the midst of the global COVID-19 pandemic, China has worked hard to overcome the peak of the outbreak and people have started to return to work and resume production.

It is the hope of people around the world, who are still at the most difficult stage of their anti-virus war, to receive anti-epidemic assistance. Yet some bizarre accusations against China have arisen. There are suggestions that “China concealed the extent of the coronavirus outbreak” and “China sees opportunity to expand global influence amid pandemic.” There have also been ridiculously claims for compensation from China. This attempt to cast blame on China is designed to divert attention from their own country’s inept responses to COVID-19. We must recognize these as obfuscations that so regrettably undermine humanity’s efforts to end the pandemic.

The Chongyang Institute for Financial Studies at Renmin University of China refutes the six types of typical buck-passing remarks in the current situation.

The article is written by Wang Wen, Jia Jinjing, Yang Fanxin, Guan Zhaoyu, Wang Peng, Zhang Mengchen from Chongyang Institute for Financial Studies, Renmin University of China. opinion@globaltimes.com.cn

 

I. Accusing China of concealing coronavirus akin to calling white black

Some Western media and politicians have alleged that China deliberately concealed the number of infections and deaths caused by the COVID-19 epidemic in China. They even claim China shared disinformation that led to their underestimation of the extent of the outbreak and thus delayed their response to the virus.

Such rhetoric is rampant in the West, but in essence it is an attempt to justify the West’s inability to fight the pandemic. China released a report on April 6 on the timeline of the country’s information sharing of the virus, in response to those discredited remarks.

The report shows in detail, how China regularly shared information and its prevention and control measures with the US since January 3. Including 30 exchanges in one month.

Over the past three months, American experts have been invited to China to better understand the situation. There have also been intensive communications, such as summit talks, communication between top diplomats and between the two countries’ public health authorities. During this period, US President Donald Trump also repeatedly praised China’s efforts and expressed gratitude to China.

On April 8, the World Health Organization (WHO) released a timeline of operations against COVID-19, and the content of the timeline is being continuously updated. According to the timeline, China reported a set of pneumonia cases as early as December 31, 2019, and identified a novel coronavirus. The WHO put itself on an emergency footing to deal with the outbreak on January 1. Many countries and regions have achieved good results under the early warning issued by the UN health agency and China.

According to recent research of Yale University, prevention and control measures, such as a city lockdown, compulsory quarantine, community management, and restricted outdoor activities, implemented in China since late January have greatly reduced the transmission of COVID-19, which was effectively put under control by mid-February. As of February 29, national and provincial level public health measures implemented in China had effectively prevented more than 1.4 million infections and up to 56,000 deaths across the country.

China’s achievements in fighting the virus are obvious to all. The allegations made against China’s handling of the epidemic are themselves an information virus.

 

II. False accusation that China misled the world

The COVID-19 outbreak continues to ferment globally, with Europe and the US being most severely hit.

On April 9, 1,601,302 cases were confirmed globally, with the number of confirmed cases in the US exceeding 460,000; 5.6 times great than in China. The number of infections and deaths in New York City has exceeded those in China. New York’s coronavirus-related death rate is greater in China’s Wuhan. The number of confirmed cases in the EU was more than 650,000, with 54,600 deaths, or 16.4 times more deaths than in China. The death rate in Europe was 8.4 percent, or 2.06 times great than China’s.

US President Donald Trump has repeatedly blamed China for offering misleading information. Informed people can clearly see this is an excuse to shirk responsibility for his administration’s inept response to the epidemic. After analyzing Trump’s remarks on COVID-19 from January 22 to today, we found that his statements made at different stages of the outbreak show his transformation from bystander to participant.

The first stage for Trump’s transformation was from January 22 to February 25, when there were very few confirmed cases in the US. At that time, Trump’s tweets said the US was in close contact and cooperation with China, suggesting China was doing a good job.

In the second phase, from February 26 to March 9, the US epidemic began to break out and affected three major stock markets. Trump declared on Twitter that the virus was spreading slowly in the US with a death rate well below 1 percent, and a candidate vaccine was beginning clinical trials.

In the third phase, from March 10 to 14, when the coronavirus began hitting the entire US, Trump’s changed his tone and began calling COVID-19 a “horrible scourge.” Americans were thus advised to reduce nonessential travel and a national emergency was declared. He said the federal government would “unleash the full power” to defeat the virus.

In the fourth phase, from March 15 to March 18, the virus spread rapidly in the US, and Trump’s position changed dramatically. For the first time, he publicly called COVID-19 a “Chinese virus,” and he found himself in hot water.

The fifth phase from March 19 to the present, the outbreak in the US is out of control. Trump begun to blame China, slander China for not informing him of the virus earlier and offering disinformation. He even accused the WHO of siding with China, and moved further to suspend WHO funds.

In addition to Trump’s finger-pointing statements that were contrary to known facts, some senior US officials have also defied facts by accusing China of misleading the world and threatening to hold China accountable for the outbreak. On Saturday, the senior US health official Dr. Anthony Fauci said China had delayed the world’s understanding of the coronavirus when it suggested in January the virus was being transmitted only “from an animal to a human.” He said that after the pandemic, the origins of the misinformation will be investigated.

The Trump administration’s repeated attempts to blame China, redefine the timeline, defend the US stock market and promote his reelection campaign, reflect the fact that in the face of a catastrophe, Trump is more concerned with political issues than saving lives.

WHO Director-General Tedros Adhanom Ghebreyesus responded to Trump’s criticism without naming names: “If you don’t want many more body bags, then you refrain from politicizing it.” Democratic candidate Joe Biden had this warning that seems more practical than political: “As we prepare to reopen America, we have to remember what this crisis has taught us: The administration’s failure to plan, to prepare, to honestly assess and communicate the threat to the nation led to catastrophic results. We cannot repeat those mistakes.”

III. The ‘China accountable’ fabrication

Claims arguing that “China should be held accountable for the coronavirus pandemic” have been rising in the field of international public opinion.

A mainstream Bolivian newspaper quoted Patricia Janiot, a senior anchor for CNN, in an editorial published on March 29, propagating that China should take the blame for the pandemic, writing off China’s enormous sacrifices and tremendous outcomes in fighting the virus, and neglecting other countries’ improper responses to the outbreak.

The allegation is apparently rife with lies and prejudices. Accusations such as “China had concealed the extent of the coronavirus outbreak for two months” and “China supplied faulty coronavirus test kits to Spain” are a pure fabrication based on misinformation or hearsay.

The truth is China was the first country to report the coronavirus outbreak and the first to effectively curb the epidemic. The country took decisive measures to curb the spread or the virus and was the first country to release the genetic sequence of the virus and openly shared it with the international community.

As the domestic situation improves, China has begun to offer help to other countries and regions around the world. So far, China has provided assistance to at least 89 countries and four international organizations and has become the world’s largest supplier of medical materials. China’s transparent sharing of data has also contributed greatly to the development of vaccines and drugs in other countries.

Chinese President Xi Jinping on March 26 at the Extraordinary G20 Leaders’ Summit called on G20 members to “jointly help developing countries with weak public health systems enhance preparedness and response.”

Many state leaders are also becoming aware that large-scale infectious diseases are one of the major challenges facing humanity in the era of globalization, and to overcome the pandemic, all countries must closely unite rather than blame each other.

Seeing China’s strong leadership in the global fight against the virus, an increasing number of international media outlets have realized that China has indeed been practicing the vision it proposed of building a global community with a shared future for humanity, and has been fulfilling the obligations of a responsible world power.

 

IV. Requesting compensations from China unwarranted

The International Council of Jurists and the All India Bar Association have filed a petition at the UN Human Rights Council, seeking compensation from China over the global pandemic, India’s media reported on April 4.

The complaint accuses China of “surreptitiously developing a biological weapon capable of mass destruction,” and urges China to “adequately compensate international community and member states, particularly India.”

News of similar suits can be found in the US, the UK, Australia and many other parts of the globe. Although different in form, they are in essence the same - requesting China be held accountable for the global spread of the virus. These attention-grabbing headlines are designed to manipulate public opinion, tie the virus to China and discredit the country.

Various organizations and politicians in many countries have acted in concert to ask for an apology and reparation from China, reminding many Chinese of the “Gengzi compensation,” also known as “Boxer Indemnity,” in early1900s, in which several Western states humiliated China by requiring compensation after Eight Nation Alliance invaded China and suppressed the Boxer rebellion.

But a century has passed, and China is no longer what it used to be. In 2020, China no longer needs to worry about foreign invasions, although the public opinion war against China, waged by certain politicians in some countries, is worrisome.

Today’s demands for compensation from China are eerily reminiscent of those of a century ago; both are designed to make the victim pay, and both are filtered through conspiracy theories and rumors.

Many authoritative institutions and the academic community, such as the WHO and Nature, have repeatedly reiterated that where the virus was first reported has no direct relation with where the virus originated. And one can never blame others for the losses caused by their own improper responses to the outbreak.

China has always upheld solidarity and cooperation during a critical time. The unwarranted claims that demands compensation from China are poisonous and misleading. The global fight against the coronavirus is likely to be an arduous protracted fight. All countries should show solidarity and strengthen cooperation instead of complaining or blaming each other.

 

V. ‘Low-quality export’ - bite the hand that feeds

After four months of effort, China’s virus fight has achieved good initial results, while the global pandemic situation is far from positive. In this disaster facing all humans, China has adhered to the concept of a community with a shared future for humanity and has sent medical supplies, including masks, test kits and protective outfits, to 130 countries and four international organizations. In addition, numerous private organizations, social groups and individuals from China have offered assistance to the world by various means.

However, US-led Western countries have refused some of China’s medical supplies and hyped China’s low-quality exports. Traditional media and social media have also hyped this sentiment to the public which urgently needs these supplies.

There have been some exceptional cases caused by the different standards in China and other countries. Some profit-seeking Chinese companies have produced and exported low-quality products, but these have been exposed and halted. China has enhanced its supervision of these exporters and imposed stricter criteria on their products.

Meanwhile, we have noticed there are forces that are attempting to exploit this issue. In the wake of the outbreak, some foreign media and officials have spared no effort denouncing China, and alleging it is responsible for the novel coronavirus. Radio France Internationale (RFL) claimed that China will be far less passive in responding to criticism. The notion quickly spread as Western countries continue to demonize China. Even Josep Borrell, head of EU foreign policy, recently wrote in a blog referring to China that “there is a geopolitical component, including a struggle for influence, through spinning and the politics of generosity.”

Yet the fact is during the initial stage of China’s fight against the virus, it also received substandard supplies from other countries. Of course there are profit-driven companies around the world that have produce low-quality products. The hype against China by foreign media stems from fear of China’s growing strength and a deliberate attempt to meddle in the favorable relations China has with many other countries.

 

VI. Ungrateful ‘mask diplomacy’ accusation

Facing the impact of the COVID-19 pandemic, some international public opinion makers have again repaid China’s goodwill with evil intent. Since March, French media including Le Monde and Le Figaro have reported that European leaders and governments should be vigilant of China’s aid during the epidemic fight, and should be wary of China’s so-called widespread publicity of its aid. Some Western media even described China’s foreign medical aids, including face masks, as “mask diplomacy.” They call it China’s “politics of generosity,” accusing China of fighting for geopolitical influence and taking advantage of the difficulties facing others.

This is not new. The international public opinion’s short-sighted slander of China has never ceased. In recent years, Western media reports about China’s economic growth, the Belt and Road Initiative or China’s overseas investment and construction, always seek an imaginary dark side and impugn China’s motives. These reports claim China is attempting to redraw the world map, or planning to exert geopolitical influence or suggest China is embarking on an aggressive diplomatic path. This type of reporting exacerbates the anxiety of neighboring Asians countries, the US and other countries.

Looking back at the Chinese history, the world can see that China spread its technology of papermaking, movable type printing, gunpowder and the compass to other countries and greatly promoted the progress of human civilization. China has made transformative explorations in the fields of science, including astronomy, geography, medicine, mathematics, agronomy. China made inventions in textiles, cooking, clothing, food, construction, shipping and other areas that are closely related to daily life today. China’s brilliant achievements in astronomical instruments, musical instruments, metallurgy, water conservancy and other technological fields made tremendous contributions to human civilization and provided important material support for the West’s Age of Discovery.

The Chinese civilization has developed over the last 5,000 years, and the very idea of human development is based on the thousands of years of human civilization. Under the impact of the pandemic, China has upheld the vision of building a global community with a shared future. China was the first to mount a national fight against the epidemic, during which it actively supported other countries. Yet, ill-intentioned Westerners maliciously continue to point a finger and blame China. This is worrying. In the past, people all over the world appreciated each other’s contributions to human civilization. Today, why are these people treating China’s support and contributions in a narrow-minded way? It is regrettable to see people in power in the West who care more about private interests than saving lives.


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO

Did China hide the number of Coronavirus victims? Fake.

Francesco Galofaro, University of Turin

2020 April 13th

This article in English adapts and updates the article published in Italian on April 7, 2020 with the title “La Cina ha nascosto il numero delle vittime? Falso. Ecco perché”.


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO


Since this epidemic began, the number of unfounded accusations and insinuations against China has multiplied each day. For example, on March 30thPierre Haski wrote an article for France Inter, accusing China to hide the real number of the Coronavirus victims. Haski refers to the number of funeral urns sold in Wuhan, which would be almost double the declared dead. He also mentions a brave doctor who mysteriously disappeared after reporting the matter. Haski is not an epidemiologist, but he accuses the World Health Organization of poor supervision. The motivation provided by the author is clearly ideological: “In a context like the present one, in which Beijing builds on its successes to boast the merits of its political system, greater transparency would be indispensable”[i]. In short: we are in the middle of the cold war.

 

Is Haski right?

One day before Haski, on March 29th, the Italian economic newspaper Il Sole 24 Ore had already published an article on the same subject, writing that the urns-based argumentassumes that Qingming, the day of the dead, is celebrated in China on April 4. “And that for that date the Wuhan funeral homes would like to deliver all the urns to their relatives, at a rate of 3500 urns per day from 23 March. The calculations are correct, but the basic thesis is false. Because in Wuhan, this year, the Qingming celebrations are prohibited by a provision signed by the local government on March 26th. Any tomb sweeping day is suspended until April 30th. […] In short, the link between daily ballot boxes and the deadline for Qingming does not exist”[ii].

As Il sole 24 ore points out, the thesis of the ballot box was propelled by Radio Free Asia, a Washington-based broadcaster, and is false.In short: Haski’s article presents a false argument; this argument has beenalready contradicted; this argument is not based on epidemiology; Haski does not quote his source; Haski does not know whether the “brave doctor” who accused Chinese government disappeared or not, he simply trusts Radio Free Asia; he charges China of conspiracy. All these features allow us to categorize the article as a classic fake news.

How to recognize fake news

I apologize for using the term fakenews. “Fake” is just the label that some propaganda attaches to the news of the opposing propaganda.It is a showdown whose stakes is the power to decide what’s true. Official media often accuse social networks to spread fake news, while claiming the monopoly of correct and verified information. This is obviously not the case, since the article published by France Inter has all the characteristics of a fake:

  • the author is not a scientist;
  • he criticizes official science;
  • he does not acknowledge sources;
  • he does not propose scientific arguments or data;

These arguments spread rapidly, since they instil fear and rage, thus bypassing critical sense; on the contrary, medical research is technical, difficult to understand, has to be controlled through a very long process of peer-review, and to be “translated” into common language by science communicators.

Why would western countries accuse China?

The problem that this kind of articles faces is the following: why is the spread of the virus higher in some western countries than it is in China?In the US the active cases are 493650 while the deathsare 22109; in Hubei, China, the active cases are 83135, the deaths are 3219 (I am writing on April 13th). Do the numbers prove the superiority of the communist system onwestern one? This doubt is inadmissible: China must have rigged the data.

 

A scientific counterargument

According to a scientific interpretation of the data proposed by Italian researchers and scientist of the University La Sapienza, the difference between China and western countries is the speed of the countermeasures: “The beginning of the epidemic had the exact same number of infections in China, Italy and other countries.The difference is that China blocked Wuhan and the whole Hubei region 8 days before Italy, quickly and severely”. This happens because the contagion curve is exponential. For example, let us say that China started fighting the epidemic on day one, when 4000 people were infected. This means that Italy started on day 8, when the epidemy had reached 512000 people (4 - 8 - 16 - 32 - 64 - 128 - 256 - 512 ...). In short: the Chinese moved faster and better.This is why Italian researchers promoted an open letter to the governments warning them to be timely in adopting the necessary isolation measures[iii].

Adverse effect of propaganda

What if anti-Chinese bias had affected western readiness to fight the virus? For example, on January 24th James Hamblin published an article on the Atlantic[iv], titled “A Historic Quarantine: China’s attempt to curb a viral outbreak is a radical experiment in authoritarian medicine”. Ironically, the editor added a note before the text: “Information about the novel coronavirus is rapidly changing. As a result, some of the information or advice in this article may be out-of-date”. Hamblin wrote:

  1. The moderately virulent nature of the pathogen seems at odds with the fact that the largest quarantine in human history is now taking place in an authoritarian state;
  2. International agreements were put in place to limit the practice as a matter of justice, because of the burden it placed on people and economies, in addition to basic questions of effectiveness;
  3. In China, given the advanced spread of the outbreak (…) some experts believe any window for effective containment has passed;
  4. China has a political stake in the appearance of an authoritative response;
  5. In the U.S., the constitutional basis for quarantining is somewhere between tenuous and non-existent (…). A massive imposition like China’s would be unconstitutional, according to James Hodge, a health-law professor at Arizona State, who noted the likelihood of human-rights violation in such a scenario;

It is possible that an ideological bias let western countries and governments underestimate the real danger, interpreting China’s behaviour as an effect of his form of government and asa form of propaganda.

 

Medical science in the crosshairs

All Hamblin’s insinuations have proven to be unfounded: China’s answer to the virus was adequate and justified, quarantine just works, burdens on people and economy sometimes are necessary and cannot be considered a human-rights violation. Above all, the virulent nature of the pathogen was not “moderate” at all. In the present case, rational expectations toward governments imply to cooperate, and to share medical research. Western and Eastern scientists and researchers are working together: a glance at Google Scholar reveals how Chinese studies are published in such prestigious scientific journals as The Lancet, the New England Journal of Medicine, and Nature, matching their quality criteria.

Unfortunately, American government decided otherwise, blaming WHO organization and menacing to cut off funds in the midst of a pandemic[v]. Having lost the propaganda match, the US decided to shoot on the referee, putting in danger humankind. Furthermore, CNN insinuated that Chinese medical research is not free, basing on central government directive and online notices, that have since been removed from the web. CNN interviews an anonymous researcher who concludes: “I think the importance is that the international scientific community must realize that any journal or manuscripts from a Chinese research institution has kind of been double-checked by the government.It is important for them to know there are extra steps between independent scientific research and final publication”. Once again:

  • None of the authorsis a scientist;
  • The article criticizes official science;
  • The article does not acknowledge sources – they disappeared; the interviewed researcher requested anonymity;
  • The article does not propose scientific arguments or data;

In other terms: it is a fake news.

Collateral damage of propaganda

As we saw, an anti-Chinese bias let early articles on Coronavirus represent lockdownas a political, scientifically unjustifiedchoice, mainlybecausethe virus was considered harmless.Science and data proved China to be right; thus,new articles try to delegitimatescientificauthorities and research. According to Umberto Eco[vi], the semantic space (the space of the meaning) of every debate is contradictory: A distinctive feature of ideological asserts is to hide these contradictions, opposing simplistic and one-sided interpretations to difficult political choices, denying the very possibility of different interpretations. This seems a good criterion for identifyingideological fake news.Scientists, intellectuals, and journalists should make every effort to foster mutual understanding, and to open a new era of cooperation with China. In the situation of extreme difficulty of the world, we can only hope thatthispropaganda willnot cost too muchin termsof delay in responding to the epidemic,adverse economic consequences, and victims.

[i]https://www.franceinter.fr/emissions/geopolitique/geopolitique-30-mars-2020 retrieved on April 13th(our translation).

[ii]https://www.ilsole24ore.com/art/coronavirus-cina-ha-mentito-numeri-ma-wuhan-non-sono-morte-42mila-persone-ADPepmG?refresh_ce=1 retrieved on April 13th(our translation).

[iii]https://docs.google.com/document/d/1E5AOOKQrFrhNtl5au1N5FCBqKmJiRtwwUjXIBT2vMSc/edit?usp=sharing

[iv]https://www.theatlantic.com/health/archive/2020/01/china-quarantine-coronavirus/605455/ retrieved on April 13th.

[v]https://www.cbsnews.com/news/coronavirus-trump-world-health-organization-funding-reforms/ retrieved on April 13th.

[vi] Umberto Eco, A Theory of Semiotics, Bloomington, Indiana University Press, 1976.


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO

Smentite le falsità dell’Occidente sulla pandemia

Global Times 16-04-2020[1]

https://www.globaltimes.cn/content/1185819.shtml

Traduzione di Andrea Catone


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION


Illustration: Liu Rui/GT

Nel bel mezzo della pandemia globale COVID-19, la Cina ha lavorato duramente per superare il picco dell’epidemia e la gente ha iniziato a tornare al lavoro e a riprendere la produzione. In tutto il mondo le persone, che sono ancora nella fase più difficile della loro guerra contro il virus, sperano di ricevere assistenza contro l’epidemia.

Eppure si sono levate alcune accuse bizzarre contro la Cina. Si suggerisce che “la Cina ha nascosto l’estensione dell’epidemia di coronavirus” e che “la Cina vede l’opportunità di espandere l’influenza globale in mezzo a una pandemia”. Sono state anche rivolte alla Cina ridicole richieste di risarcimento. Questo tentativo di dare la colpa alla Cina è stato progettato per distogliere l’attenzione dall’incapacità dei propri Paesi di rispondere adeguatamente al COVID-19. Dobbiamo riconoscerle come offuscamenti che minano purtroppo gli sforzi dell’umanità per porre fine alla pandemia.

L’Istituto Chongyang per gli studi finanziari della Renmin University of China respinge i sei tipi di commenti tipici della situazione attuale.

 

I. Accusare la Cina di nascondere il coronavirus è rovesciare la realtà

Alcuni media e politici occidentali hanno sostenuto che la Cina ha deliberatamente nascosto il numero di infezioni e di morti causati dall’epidemia COVID-19 in Cina. Essi sostengono addirittura che la Cina ha condiviso la disinformazione che ha portato a sottovalutare la portata dell’epidemia e quindi a ritardare la loro risposta al virus.

Tale retorica è dilagante in Occidente, ma in sostanza è un tentativo di giustificare l’incapacità dell’Occidente di combattere la pandemia. In risposta a queste dichiarazioni denigratorie la Cina ha pubblicato il 6 aprile un rapporto sulla tempistica della condivisione delle informazioni sul virus da parte del Paese[2].

Il rapporto mostra in dettaglio come la Cina abbia regolarmente condiviso le informazioni e le sue misure di prevenzione e controllo con gli Stati Uniti dal 3 gennaio. Compresi 30 scambi in un mese.

Negli ultimi tre mesi, esperti americani sono stati invitati in Cina per comprendere meglio la situazione. Ci sono state anche intense comunicazioni, come i colloqui al vertice, la comunicazione tra i migliori diplomatici e tra le autorità sanitarie pubbliche dei due Paesi. Durante questo periodo, anche il presidente americano Donald Trump ha ripetutamente elogiato gli sforzi della Cina ed ha espresso la sua gratitudine a questo Paese.

L’8 aprile l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato un calendario delle operazioni contro il COVID-19, il cui contenuto è in continuo aggiornamento. Secondo la cronologia, la Cina ha segnalato una serie di casi di polmonite già al 31 dicembre 2019 e ha identificato un nuovo coronavirus. Il 1° gennaio 2020 l’OMS si è posta in emergenza per affrontare l’epidemia. Molti Paesi e regioni hanno ottenuto buoni risultati grazie all’allarme preventivo dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite e dalla Cina.

Secondo una recente ricerca dell’Università di Yale, le misure di prevenzione e controllo – quali l’isolamento della città, la quarantena obbligatoria, la gestione della comunità e la limitazione delle attività all’aperto – attuate in Cina dalla fine di gennaio, hanno notevolmente ridotto la trasmissione del COVID-19, che è stato effettivamente messo sotto controllo a metà febbraio. Al 29 febbraio, le misure di salute pubblica a livello nazionale e provinciale attuate in Cina hanno efficacemente impedito più di 1,4 milioni di infezioni e fino a 56.000 decessi in tutto il Paese.

I risultati ottenuti dalla Cina nella lotta contro il virus sono evidenti a tutti. Le accuse mosse contro la gestione dell’epidemia da parte della Cina sono di per sé un virus dell’informazione.

 

II. La falsa accusa che la Cina abbia ingannato il mondo

L’epidemia di COVID-19 continua a diffondersi a livello globale, con l’Europa e gli Stati Uniti che sono stati colpiti più duramente.

Il 9 aprile sono stati confermati a livello globale 1.601.302 casi, con un numero di casi negli Stati Uniti superiore a 460.000: 5,6 volte superiore a quello della Cina. Il numero di infezioni e di decessi a New York ha superato quello della Cina. Il tasso di mortalità legato al coronavirus di New York è maggiore che nella cinese Wuhan. Il numero di casi confermati nell’UE è stato di oltre 650.000, con 54.600 decessi, ovvero 16,4 volte di più che in Cina. Il tasso di mortalità in Europa è stato dell’8,4 per cento, ovvero 2,06 volte superiore a quello cinese.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ripetutamente accusato la Cina di dare informazioni fuorvianti. Le persone informate possono chiaramente vedere che questa è una scusa per sottrarsi alla responsabilità della sua amministrazione per l’inettitudine della sua risposta all’epidemia. Dopo aver analizzato le dichiarazioni di Trump sul COVID-19 dal 22 gennaio ad oggi, abbiamo scoperto che le sue dichiarazioni fatte in diverse fasi dell’epidemia mostrano la sua trasformazione da spettatore ad attore.

La prima fase della trasformazione di Trump va dal 22 gennaio al 25 febbraio, quando ci sono stati pochissimi casi confermati negli Stati Uniti. A quel tempo, i tweet di Trump dicevano che gli Stati Uniti erano in stretto contatto e cooperazione con la Cina, suggerendo che la Cina stava facendo un buon lavoro.

Nella seconda fase, dal 26 febbraio al 9 marzo, l’epidemia ha iniziato a diffondersi negli USA e ha colpito tre importanti mercati azionari. Trump ha dichiarato su Twitter che il virus si stava diffondendo lentamente negli Stati Uniti con un tasso di mortalità ben al di sotto dell’1 per cento, e che stavano iniziando le sperimentazioni cliniche di un vaccino.

Nella terza fase, dal 10 al 14 marzo, quando il coronavirus ha iniziato a colpire tutti gli Stati Uniti, Trump ha cambiato tono e ha iniziato a definire il COVID-19 un “orribile flagello”. Agli americani viene così consigliato di ridurre i viaggi non essenziali e viene dichiarata l’emergenza nazionale. Trump dichiara che il governo federale avrebbe “scatenato tutti i poteri” per sconfiggere il virus.

Nella quarta fase, dal 15 al 18 marzo, il virus si è diffuso rapidamente negli Stati Uniti, e la posizione di Trump è cambiata drasticamente. Per la prima volta, ha definito pubblicamente il COVID-19 un “virus cinese” e si è messo nei pasticci.

Nella quinta fase, dal 19 marzo ad oggi, l’epidemia negli Stati Uniti è fuori controllo. Trump ha cominciato ad accusare la Cina, a calunniare la Cina per non averlo informato prima del virus e ad offrire disinformazione. Ha persino accusato l’OMS di essersi schierata con la Cina, e si è spinto oltre per sospendere i fondi all’OMS.

Oltre alle dichiarazioni di Trump che puntavano il dito contro i fatti noti, alcuni alti funzionari statunitensi hanno anche sfidato i fatti, accusando la Cina di aver fuorviato il mondo e hanno minacciato di ritenere la Cina responsabile dell’epidemia. Sabato 11 aprile, l’alto funzionario della sanità statunitense, il dottor Anthony Fauci, ha detto che la Cina ha ritardato la comprensione del coronavirus da parte del mondo quando, a gennaio, ha suggerito che il virus si trasmetteva solo “da un animale a un umano”. Ha detto che dopo la pandemia, le origini della disinformazione saranno indagate.

I ripetuti tentativi dell’amministrazione Trump di dare la colpa alla Cina, di ridefinire la linea temporale, di difendere il mercato azionario statunitense e di promuovere la sua campagna di rielezione, riflettono il fatto che, di fronte a una catastrofe, Trump si preoccupa più di questioni politiche che di salvare vite umane.

Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha risposto alle critiche di Trump senza fare nomi: “Se non volete molti altri morti, allora evitate di politicizzare l’epidemia”. Il candidato democratico Joe Biden, con un’affermazione che sembra essere più di carattere pratico che politico, ha ammonito:

Mentre ci prepariamo a riaprire l’America, dobbiamo ricordare ciò che questa crisi ci ha insegnato: L’incapacità dell’amministrazione di pianificare, di prepararsi, di valutare e comunicare onestamente la minaccia alla nazione ha portato a risultati catastrofici. Non possiamo ripetere questi errori.

III. La fabbrica del falso: “la Cina è responsabile dell’epidemia”

Le affermazioni secondo cui “la Cina dovrebbe essere ritenuta responsabile della pandemia di coronavirus” sono in aumento nel campo dell’opinione pubblica internazionale.

Un quotidiano boliviano mainstream ha citato Patricia Janiot, un’importante giornalista della CNN, in un editoriale pubblicato il 29 marzo, in cui si sostiene che la Cina dovrebbe assumersi la responsabilità della pandemia, cancellando i suoi enormi sacrifici e risultati nella lotta contro il virus, e trascurando le risposte inadeguate degli altri Paesi all’epidemia.

L’accusa è palesemente basata su menzogne e pregiudizi. Accuse come “la Cina ha nascosto l’entità dell’epidemia di coronavirus per due mesi” e “la Cina ha fornito alla Spagna kit difettosi di test per il coronavirus” sono una pura invenzione basata su disinformazioni o dicerie.

La verità è che la Cina è stato il primo paese a segnalare l’epidemia di coronavirus e il primo a contenerla efficacemente. Il paese ha adottato misure decisive per frenare la diffusione del virus ed è stato il primo a rilasciare la sequenza genetica del virus e a condividerla apertamente con la comunità internazionale.

Con il miglioramento della situazione interna, la Cina ha iniziato ad offrire aiuto ad altri Paesi e regioni del mondo. Finora la Cina ha fornito assistenza ad almeno 89 paesi e quattro organizzazioni internazionali ed è diventata il più grande fornitore di materiale medico al mondo. La condivisione trasparente dei dati da parte della Cina ha anche contribuito notevolmente allo sviluppo della ricerca di vaccini e farmaci in altri paesi.

Il 26 marzo, in occasione del vertice straordinario dei leader del G20, il presidente cinese Xi Jinping ha invitato i membri del G20 ad “aiutare congiuntamente i Paesi in via di sviluppo che hanno sistemi sanitari pubblici deboli a migliorare la preparazione e la risposta”[3].

Molti capi di stato e di governo stanno anche prendendo coscienza del fatto che le malattie infettive su larga scala sono una delle principali sfide che l’umanità deve affrontare nell’era della globalizzazione, e per superare la pandemia tutti i Paesi devono unirsi strettamente, piuttosto che incolparsi a vicenda.

Vedendo la forte leadership della Cina nella lotta globale contro il virus, un numero crescente di media internazionali si è reso conto che la Cina ha effettivamente messo in pratica la proposta di costruire una comunità globale con un futuro condiviso per l’umanità, ed ha adempiuto agli obblighi di una potenza mondiale responsabile.

 

IV. Ingiustificata richiesta alla Cina di risarcimenti

Il 4 aprile i media indiani riportavano che il Consiglio internazionale dei giuristi e l’Ordine degli avvocati di tutta l’India hanno presentato una petizione al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, chiedendo un risarcimento alla Cina per la pandemia globale.

La denuncia accusa la Cina di “sviluppare in modo surrettizio un’arma biologica di distruzione di massa” ed esorta la Cina a “risarcire adeguatamente la comunità internazionale e gli Stati membri, in particolare l’India”.

Notizie di cause simili si trovano negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e in molte altre parti del mondo. Sebbene diverse nella forma, sono in sostanza le stesse: chiedono che la Cina sia ritenuta responsabile della diffusione globale del virus. Questi titoli che attirano l’attenzione sono progettati per manipolare l’opinione pubblica, attribuire il virus alla Cina e screditare il Paese.

Diverse organizzazioni e personaggi politici in molti Paesi hanno agito di concerto per chiedere scuse e risarcimenti alla Cina. Ciò ha ricordato a molti cinesi il “risarcimento di Gengzi”, noto anche come “Indennità dei Boxer”, all’inizio del 1900, quando diversi Stati occidentali umiliarono la Cina chiedendole un risarcimento dopo l’invasione del Paese da parte dell’Alleanza delle Otto Nazioni e la repressione della ribellione dei Boxer[4].

Ma è passato un secolo e la Cina non è più quella di una volta. Nel 2020 la Cina non dovrà più preoccuparsi delle invasioni straniere, anche se la guerra dei media contro la Cina, condotta da alcuni politici in alcuni Paesi è preoccupante.

Le odierne richieste alla Cina di risarcimento ricordano stranamente quelle di un secolo fa; entrambe sono progettate per far pagare la vittima, ed entrambe sono filtrate da teorie e voci di cospirazione.

Molte autorevoli istituzioni e la comunità accademica, come l’OMS e Nature, hanno ripetutamente ribadito che il luogo in cui il virus è stato segnalato per la prima volta non ha alcuna relazione diretta con il luogo di origine del virus. E non si può mai dare la colpa agli altri per le perdite causate dalle loro stesse risposte improprie all’epidemia.

La Cina ha sempre sostenuto la solidarietà e la cooperazione in un momento critico. Le dichiarazioni ingiustificate che richiedono un risarcimento alla Cina sono velenose e fuorvianti. La lotta globale contro il coronavirus sarà probabilmente un’ardua e lunga battaglia. Tutti i paesi dovrebbero mostrare solidarietà e rafforzare la cooperazione invece di lamentarsi o incolparsi a vicenda.

 

V. “Esportazione di bassa qualità”: mordere la mano che ti dà il cibo

Dopo quattro mesi di sforzi, la lotta contro il virus in Cina ha ottenuto buoni risultati iniziali, mentre la situazione pandemica globale è tutt’altro che positiva. In questo disastro che coinvolge tutti gli esseri umani, la Cina ha aderito al concetto di una comunità con un futuro comune per l’umanità e ha inviato forniture mediche, tra cui maschere, kit di test e indumenti protettivi, a 130 paesi e a quattro organizzazioni internazionali. Inoltre, numerose organizzazioni private, gruppi sociali e singoli individui provenienti dalla Cina hanno offerto assistenza al mondo con vari mezzi.

Tuttavia, i paesi occidentali guidati dagli Stati Uniti hanno rifiutato alcune delle forniture mediche della Cina e hanno ingannato sulle “esportazioni cinesi di bassa qualità”. Anche i mezzi di comunicazione tradizionali e i social media hanno pubblicizzato in modo ingannevole questo, giocando sui sentimenti di persone che hanno urgente bisogno di queste forniture.

Ci sono stati alcuni casi eccezionali causati dal fatto che gli standard in Cina e in altri paesi sono diversi. Alcune aziende cinesi in cerca di profitto hanno prodotto ed esportato prodotti di bassa qualità, ma queste sono state individuate e bloccate. La Cina ha rafforzato la sua supervisione su questi esportatori e ha imposto criteri più severi sui loro prodotti.

Nel frattempo, abbiamo notato che ci sono forze che stanno cercando di sfruttare questo problema. Sulla scia dell’epidemia, alcuni media e funzionari stranieri non hanno risparmiato alcuno sforzo per denunciare la Cina, accusandola di essere responsabile del nuovo coronavirus. Radio France Internationale (RFL) ha affermato che la Cina sarà molto meno passiva nel rispondere alle critiche. L’idea si è diffusa rapidamente, dato che i paesi occidentali continuano a demonizzare la Cina. Anche Josep Borrell, capo della politica estera dell’UE, ha recentemente scritto in un blog riferendosi alla Cina che “c’è una componente geopolitica, compresa la lotta per affermare la propria influenza, attraverso la narrazione propagandistica e la politica della generosità”.

Eppure il fatto è che nella fase iniziale della lotta cinese contro il virus, la Cina ha ricevuto da altri Paesi anche forniture inferiori agli standard. Naturalmente ci sono aziende orientate al profitto in tutto il mondo che producono prodotti di bassa qualità. Il clamore contro la Cina da parte dei media stranieri deriva dalla paura della crescente forza della Cina e da un tentativo deliberato di intromettersi nelle relazioni favorevoli che la Cina ha con molti altri Paesi.

VI. L’ingrata accusa di “diplomazia della mascherina”.

Di fronte all’impatto della pandemia COVID-19, alcuni responsabili dell’opinione pubblica internazionale hanno di nuovo ripagato la buona volontà della Cina con cattive intenzioni. Da marzo, i media francesi, tra cui Le Monde e Le Figaro, hanno riferito che i leader e i governi europei dovrebbero vigilare sugli aiuti della Cina durante la lotta contro l’epidemia, e dovrebbero diffidare della cosiddetta pubblicità diffusa del suo aiuto. Alcuni media occidentali hanno addirittura descritto gli aiuti medici cinesi all’estero, comprese le mascherine facciali, come “diplomazia delle maschere”. La chiamano “politica di generosità della Cina”, accusando la Cina di lottare per l’influenza geopolitica e di approfittare delle difficoltà degli altri.

Non è una novità. Le miopi calunnie dei media internazionali sulla Cina non sono mai cessate. Negli ultimi anni, i media occidentali riferiscono della crescita economica della Cina, dell’iniziativa Belt and Road o degli investimenti e delle costruzioni cinesi all’estero, cercando sempre un lato oscuro immaginario e contestando le motivazioni della Cina. Questi rapporti affermano che la Cina sta cercando di ridisegnare la mappa del mondo, o sta pianificando di esercitare un’influenza geopolitica o suggeriscono che la Cina sta intraprendendo un percorso diplomatico aggressivo. Questo tipo di reportage esaspera l’ansia dei paesi asiatici vicini, degli Stati Uniti e di altri paesi.

Guardando alla storia cinese, il mondo può vedere che la Cina ha diffuso la sua tecnologia di fabbricazione della carta, la stampa a caratteri mobili, la polvere da sparo e la bussola in altri paesi e ha promosso il progresso della civiltà umana. La Cina ha compiuto ricerche nei campi della scienza, tra cui l’astronomia, la geografia, la medicina, la matematica, l’agronomia. La Cina ha realizzato invenzioni nel campo tessile, della cucina, dell’abbigliamento, del cibo, dell’edilizia, delle spedizioni e in altri settori strettamente legati alla vita quotidiana di oggi. I brillanti risultati ottenuti dalla Cina nel campo degli strumenti astronomici, degli strumenti musicali, della metallurgia, della conservazione dell’acqua e di altri campi tecnologici hanno dato un enorme contributo alla civiltà umana e hanno fornito un importante supporto materiale per l’Età occidentale delle scoperte[5].

La civiltà cinese si è sviluppata negli ultimi 5.000 anni e l’idea stessa dello sviluppo umano si basa sulle migliaia di anni di civiltà umana. Sotto l’impatto della pandemia, la Cina ha sostenuto la visione di costruire una comunità globale con un futuro condiviso. La Cina è stata la prima a organizzare una lotta nazionale contro l’epidemia, durante la quale ha sostenuto attivamente altri Paesi. Eppure, gli occidentali malintenzionati continuano maliziosamente a puntare il dito e a dare la colpa alla Cina. Questo è preoccupante. In passato, le persone di tutto il mondo hanno apprezzato il contributo reciproco alla civiltà umana. Perché oggi queste persone trattano il sostegno e il contributo della Cina in modo ristretto? È deplorevole vedere persone al potere in Occidente che si preoccupano più degli interessi privati che di salvare vite umane.

 

Note

[1] Articolo di Wang Wen, Jia Jinjing, Yang Fanxin, Guan Zhaoyu, Wang Peng, Zhang Mengchen, Chongyang Institute for Financial Studies, Renmin University of China. opinion@globaltimes.com.cn.

[2] Cfr. Timeline of China releasing information on COVID-19 and advancing international cooperation on epidemic response, http://www.china.org.cn/china/2020-04/07/content_75903002.htm. Cfr. nel sito www.marx21.books.com il testo in pdf.

[3] Cfr. Xi Jinping: Lavorare insieme per sconfiggere l’epidemia di COVID-19, https://www.marx21books.com/xi-jinping-lavorare-insieme-per-sconfiggere-lepidemia-di-covid-19/.

[4] Coalizione di otto potenze imperialiste – Regno Unito, Francia, Austria-Ungheria, Germania, Italia, Russia, Giappone, e Stati Uniti – formatasi durante la colonizzazione della Cina, che schiacciò la rivolta dei Boxer. Alla fine della campagna, il governo imperiale cinese fu costretto a firmare l'iniquo Protocollo di pace dei Boxer del 1901 [NdT].

[5] Approssimativamente dai primi anni del XV secolo fino alla fine del XVIII secolo.


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION

La Cina ha nascosto il numero delle vittime? Falso. Ecco perché.

di Francesco Galofaro, Università di Torino


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION


Da quando questa epidemia è cominciata, si è moltiplicato il numero di accuse e insinuazioni infondate dirette alla Cina per quanto riguarda la gestione dell’epidemia. La più recente è quella di aver tenuto nascosto il reale numero dei morti. Un esempio è quello firmato dal francese Pierre Haski per France Inter del 30 marzo 2020, tradotto dall’Internazionale e purtroppo inserito nella rubrica degli articoli più letti.[1]

Il problema che questo genere di articoli affronta è il seguente: perché la diffusione del virus è più alta in Francia e in Italia di quanto non sia in Cina? In Cina vive un miliardo e mezzo di persone; secondo i dati della Johns Hopkins University, ad oggi (scrivo il 5 aprile) i contagiati sono poco oltre gli 82.000, i morti circa 3.300. Per quanto riguarda l’Italia, su una popolazione di 60 milioni, i contagiati sono 124.600, i morti poco oltre i 15.300.[2]

 

La tesi complottista

Non può darsi che i numeri provino la superiorità del sistema sanitario comunista su quello europeo, in via di smantellamento nel nostro Paese? Pierre Haski risponde di no: la Cina ha senz’altro truccato i dati. Haski cita il numero delle urne funerarie vendute a Wuhan, le quali sarebbero quasi il doppio dei morti dichiarati. E cita anche una coraggiosa dottoressa misteriosamente scomparsa dopo aver denunciato la cosa. Haski non è un epidemiologo, ma accusa l’Organizzazione mondiale della sanità di scarsa vigilanza. La motivazione fornita dall’autore è chiaramente ideologica: “In un contesto come quello attuale, in cui Pechino si basa sui suoi successi per vantare i meriti del suo sistema politico, sarebbe indispensabile una maggiore trasparenza”. Insomma: siamo in piena guerra fredda.

Perché in Cina ci sono meno contagiati?

A scanso di equivoci, voglio subito riportare una interpretazione scientifica, e non complottista, per cui in Italia abbiamo registrato più contagiati e, di conseguenza, più morti: “L’inizio dell’epidemia ha avuto lo stesso numero esatto di infezioni in Cina, Italia e altri paesi. La differenza è che la Cina ha bloccato fortemente e rapidamente Wuhan e tutta la regione dell’Hubei 8 giorni prima dell’Italia”. Può sembrare difficile da credere, ma questo accade perché la curva del contagio è esponenziale (ad es. 1 - 2 - 4 - 8 - 16 - 32 … ). Insomma: i cinesi si sono mossi più in fretta e meglio. A sostenerlo un gruppo di ricercatori e di scienziati della Sapienza, che si sono fatti promotori di una lettera aperta ai governi perché siano tempestivi nell’adottare le misure di isolamento necessarie.[3]

Perché “Internazionale” è in cattiva fede?

“Internazionale” ha inserito un link tra l’articolo di Haski e un articolo del Sole 24 ore sullo stesso argomento[4]. Se il lettore non visita il sito del Sole 24 ore, può avere l’impressione che si tratti di una conferma alla tesi di Haski. In realtà l’articolo citato sostiene il punto di vista opposto: la tesi di delle urne è stata propalata da Radio Free Asia, emittente con sede a Washington, ed è falsa. Si basa su una stima delle urne ordinate per il giorno dei morti (che cadeva ieri, 4 aprile). Ma la pulizia delle tombe in Cina è sospesa fino al 30 aprile. Insomma: l’Internazionale si è presa la responsabilità di pubblicare un articolo che usa un argomento falso, già smentito, non basato sull’epidemiologia e complottista: la più classica delle fake news. Come tutte le fake news, purtroppo, circola molto più velocemente di quanto non facciano i calcoli e le tabelle dei ricercatori.

Professionisti delle fake news

Mi spiace dover ricorrere al termine “fake-news”. Fake è solo l’etichetta che una certa propaganda affibbia alle notizie della propaganda avversaria. Si tratta di una prova di forza la cui posta in gioco è il potere di decidere sulla verità. I media accusano spesso la rete e i social di produrre fake news rivendicando al contempo il monopolio dell’informazione corretta e verificata. Così non è, evidentemente; l’articolo diffuso dall’Internazionale ha tutte le caratteristiche di un fake: l’autore non è uno scienziato, critica la scienza ufficiale, non cita alcuna fonte, non propone argomentazioni scientifiche né dati, spaccia per vere informazioni già smentite altrove.

Danni collaterali della propaganda

Umberto Eco fu tra i primi a notare che anche i testi narrativi, come le equazioni logiche e tutto ciò che si può pensare senza incappare in una contraddizione, rappresentano un mondo possibile[5]. Qual è il mondo rappresentato da l’Internazionale, se consideriamo gli articoli sulla Cina pubblicati dal principio dell’anno? Prima dell’arrivo dell’epidemia a occidente, i contributi diffusi insinuavano che le misure adottate dalla Cina fossero autoritarie e inefficaci: il 30 gennaio James Hamblin, affermava che “la paura e il panico attuali sembrano legati non tanto al virus, ma alla risposta delle autorità. La natura moderatamente aggressiva del patogeno (sic!) contrasta con il fatto che è in corso la più vasta operazione di quarantena nella storia dell’umanità, per di più in uno stato autoritario”, concludendo che la segregazione avrebbe portato più danni che benefici[6]. In questo modo si è rappresentato un mondo possibile in cui la segregazione è autoritaria e inutile perchéil virus è innocuo. Abbiamo dovuto ricrederci presto e adottare le stesse misure della Cina, così oggi si pubblicano articoli basati su un’equazione diversa, per cui la segregazione è autoritaria e inutile nonostante il virus sia dannoso. Si tratta di un mondo possibile parzialmente contraddittorio col primo. Questo mi sembra un buon criterio per identificare al volo le fake news ideologiche: le sciocchezze propagandate dall’Internazionale sulla Cina non possono essere vere tutte insieme (mentre possono benissimo essere tutte contemporaneamente false). C’è solo da sperare che questo genere di propaganda non sia costato troppo, in termini di ritardi nel rispondere all’epidemia, conseguenze nefaste sull’economia e vittime...

 

NOTE

  1. https://www.internazionale.it/opinione/pierre-haski/2020/03/30/cina-numero-vittime-epidemia
  2. https://www.corriere.it/speciale/esteri/2020/mappa-coronavirus/
  3. https://docs.google.com/document/d/1E5AOOKQrFrhNtl5au1N5FCBqKmJiRtwwUjXIBT2vMSc/edit?usp=sharing
  1. https://www.ilsole24ore.com/art/coronavirus-cina-ha-mentito-numeri-ma-wuhan-non-sono-morte-42mila-persone-ADPepmG?refresh_ce=1
  2. U. Eco, Lector in fabula, Milano, Bompiani, 1979. Nell’articolo “Mondi possibili, logica, semiotica”, Versus n. 19-20, Ugo Volli criticò Eco perché la nozione logica di mondo possibile è di natura formale (non si tratta di mondi “ammobiliati”, con case, città, persone ...). Ritengo che questa versione formale della nozione di mondo possibile sia più che sufficiente a fondare il mio argomento.
  3. https://www.internazionale.it/notizie/james-hamblin/2020/01/30/dubbi-quarantena-coronavirus.

CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION

[Teleconferenza – Sabato 18 aprile] Per uno sbocco progressivo alla crisi italiana

Le edizioni MarxVentuno e la rivista MarxVentuno promuovono una serie di incontri-dibattito in teleconferenza finalizzati alla ricerca di uno sbocco progressivo alla crisi italiana.

Per uno sbocco progressivo alla crisi italiana

Sabato 18 aprile – ore 17:00-19:00. II Incontro:

Analisi dell’«eurogruppo» del 7-9 aprile.

Implicazioni economiche e politiche. Che fare?

Relazioni di:

Andrea Del Monaco

Guglielmo Forges Davanzati

 

Chi intende partecipare alla teleconferenza si iscrive comunicando entro le ore 13.00 di sabato 18:

nome, cognome, città, attività, e-mail, numero telefonico all'indirizzo e-mail: info@marx21books.com

Un’ora prima dell’inizio riceverà il link per accedere. Conviene “entrare” in videoconferenza 20-15 minuti prima.

 

Andrea Del Monaco, esperto Fondi Europei, collaboratore della Gazzetta del Mezzogiorno e blogger di Huffington Post, autore del volume SUD COLONIA TEDESCA. La questione meridionale oggi. Qui di seguito, il link della presentazione del volume Sud Colonia Tedesca alla libreria Feltrinelli di Roma del giugno 2018, dove, moderati da Frediano Finucci (TGla7) Marcello Minenna, Giuseppe Provenzano, Carla Ruocco, Roberto Ghiselli e Francesco Boccia discutono il volume affrontando tanti temi oggi riesplosi con la crisi prodotta dal Covid 19. https://www.radioradicale.it/scheda/544893/presentazione-del-volume-di-andrea-del-monaco-sud-colonia-tedesca-la-questione

Guglielmo Forges Davanzati, professore associato di Storia del pensiero economico presso la Facoltà di Scienze Sociali, Politiche e del Territorio dell’Università del Salento, e titolare degli insegnamenti di Storia dell’analisi economica e di Economia Politica dei sistemi di welfare. Si occupa di Economia del Lavoro, anche in prospettiva storica, di teorie postkeynesiane della distribuzione del reddito, di studi sul Mezzogiorno e di etica economica. È stato componente della redazione della rivista on-line "EconomiaePolitica". Svolge attività di divulgazione su temi economici sui blog "Micromega", "Keynesblog","Sbilanciamoci" e "Roars".

Primo registro di problemi

L’economia italiana, già pesantemente gravata da forti limiti (stagnazione tendente a recessione; aggravamento della questione meridionale; alta disoccupazione, deflazione salariale, assenza di una politica industriale, crescente riduzione degli investimenti in sanità, formazione e ricerca, infrastrutture; bassi investimenti industriali; microdimensione delle imprese; elevato debito pubblico), con il blocco quasi generalizzato delle attività imposto dal governo per alcuni mesi per fronteggiare la pandemia di Covid-19 subirà una recessione violenta.

I

È evidente che occorrono finanziamenti enormi, nell’ordine non di decine, ma di centinaia di miliardi di euro per rimettere in moto l’economia dei paesi colpiti dall’epidemia che stanno attuando il blocco delle attività produttive. Gli stati ricorrono ampiamente al debito pubblico. L’Italia, già gravata da un debito molto elevato, ha maggiori problemi di altri paesi dell’eurozona (la Germania ad esempio) ad indebitarsi. La richiesta del governo italiano, insieme con altri paesi come la Spagna (e sostenuta anche da un recente appello di numerosi economisti italiani), di emissione di titoli europei ad hoc (i “covid bond”) per fronteggiare l’emergenza della pandemia, è stata sinora respinta da alcuni governi (in primis Germania e Olanda). Se non vi sarà un profondo mutamento delle posizioni del governo tedesco e dei governi dei paesi europei che ruotano intorno ad esso, quali strade possono essere concretamente battute per finanziare la ripresa economica italiana?

II

Tutti convengono che la crisi va affrontata con un intervento dello stato, al quale si chiede di erogare un’ingentissima massa di fondi a sostegno di imprese, lavoratori, e tutti i soggetti colpiti dal blocco delle attività del paese. Ma si profila una differenza di fondo:

-          Le destre (Lega, FdI, FI) chiedono che lo Stato sia solo erogatore di denaro per le imprese, ma non gestore di settori strategici dell’economia (come è stato per un quarantennio con l’IRI e gli istituti di credito nazionali nella “prima repubblica”). E chiedono inoltre azzeramento per un certo periodo di tempo della tassazione, il che renderebbe ancora più critica la situazione finanziaria dello Stato.

-          A sinistra, guardando alla Costituzione antifascista del 1948, qualcuno – una minoranza oggi – avanza la proposta di un intervento diretto dello Stato in economia quale programmatore-pianificatore e gestore diretto di alcune imprese e istituti di credito di importanza strategica, per impostare un nuovo modello di sviluppo.

Come operare politicamente nella situazione attuale per dar vita ad una coalizione di forze politiche, sociali, intellettuali), unite intorno a questa proposta (da elaborare e articolare, individuando strumenti e percorsi adeguati per implementarla)?

China’s global response to Covid-19

Press conference on March 25, 2020 held by Foreign Ministry spokesman Geng Shuang

https://www.fmprc.gov.cn/mfa_eng/xwfw_665399/s2510_665401/t1761102.shtml

 


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO


“Since the outbreak of Covid-19, China has always argued that the international community should jointly safeguard an open world economy, and ensure the stability of the global supply chain”. This was said by the spokesman for the Ministry of Foreign Affairs, Geng Shuang, at a press conference on March 25. Geng added: “As we continue to meet domestic demand, we are facilitating the supply of medical supplies to all countries through trade channels. “In our era of globalization, the interests of all countries are closely interrelated, with increased interdependence. The formation and development of global industrial and supply chains are determined by market forces and business decisions. Some people on the American side are trying to artificially cut global industrial and supply chains, or even demand their ‘dissociation’ and ‘displacement’, which goes against the trend of our times and the laws of economics. This attitude is irrational and unrealistic. In the face of the epidemic, such behaviour will not solve the problems facing the United States, but will damage the interests of US companies and the American people”. China, Geng said, “has no restrictions on foreign trade” and “supports and encourages Chinese companies to expand exports in an orderly manner. “In addition to facilitating trade procurement, China has also provided WHO with protective equipment to help other countries in the epidemic response”.

 

According to the latest figures from the NHC, March 24 saw 491 patients cured and discharged from hospital in China’s mainland, bringing the tally to 73,650.

To help Italy fight the Covid-19 pandemic, the Chinese government has decided to send the third team of medical experts to Italy. The team, organized by the National Health Commission, consists of experts selected by the Fujian Provincial Health Commission. The team left for Italy at noon on March 25.

CCTV: It is announced today that President Xi Jinping will attend the G20 Extraordinary Virtual Leaders’ Summit on Covid-19. What is China’s expectation for the meeting? What are the initiatives and proposals that China will put forward this time?

Geng Shuang: Currently, Covid-19 is engulfing many parts of the world, endangering the life and health of people in all countries and hitting the world economy pretty hard. The international community expects all parties to work together to combat the pandemic and stabilize the global economy. The G20 is a premier platform for global crisis response and economic cooperation. It played an important role in responding to the 2008 international financial crisis, and the international community looks to the G20 once again for leadership at this critical moment. This virtual summit, the first in the G20 history, presents an important opportunity for world leaders to discuss joint actions.

The virtual summit will be the first major multilateral event that President Xi Jinping attends after the outbreak. Under the direct leadership of President Xi Jinping, China has achieved notable results in the pandemic prevention and control and is now actively supporting other countries in their battles against the pandemic, which has been highly praised by the international community. China expects that this virtual summit will deliver positive messages of pooling consensus and taking actions to strengthen solidarity, work together to counter the pandemic and stabilize economy.

China is ready to work with G20 members for practical outcomes of this summit.

 

China News Service: You mentioned that the Chinese government is ready to facilitate the commercial procurement of medical supplies by foreign countries from China. Could you give us more details?

 

Geng Shuang: since the outbreak of Covid-19, China has always maintained that the international community should jointly safeguard an open world economy and ensure the stability of global supply chains and industrial chains. At present, while meeting the domestic demand, we are trying to facilitate the procurement of medical supplies through commercial channels by all countries. We have no restrictions on foreign trade, and we support and encourage enterprises to expand exports in an orderly manner.

As far as I know, buyers from Azerbaijan, Bosnia and Herzegovina, Brazil, Brunei, the Czech Republic, Djibouti, Greece, Hungary, Italy, Japan, Qatar, Mexico, Portugal, Russia, Serbia, Turkey and the UK have signed purchasing contracts with China companies for goods like testing reagents, masks, protective suits and goggles.

In addition to facilitating commercial procurement, China has also provided supplies of protective equipment to the WHO in support of other countries’ epidemic response. After the WHO expressed its wish to buy medical supplies from China to support global anti-epidemic response, Chinese enterprises quickly signed the first batch of supply contracts with the WHO.

I am confident that China’s business community will continue to provide more of such supplies to the international community, and the resumption of work and production and China’s economic development will continue to provide stronger support for the international community’s response to the pandemic. I also believe that it is in the common interests of the international community to make cooperation strong, barriers low and trade unfettered.

RIA Novosti: First, you announced that China sent the third expert team to Italy. How many are on this team? Second, the IOC and Tokyo 2020 organizing committee confirmed in their statement the postponement of the 2020 Olympic Games but no later than the summer of 2021. Do you have any comment?

Geng Shuang: Regarding your first question, I don’t have that specific number at hand but I will come back to you once I have it.

As to the second question, the decision to postpone the Tokyo Olympic Games shows the International Olympic Committee (IOC), Japanese government and Tokyo Organizing Committee’s responsible attitude towards the health and safety of athletes, participants and all mankind. It also manifests the IOC’s commitment to the Olympic Movement. China respects this decision and will continue supporting Japan in hosting the Tokyo Games.

Phoenix TV: US Secretary of State Mike Pompeo in an interview yesterday talked about moving medical equipment supply chain back to the US from China and elsewhere. President Trump also stressed in a daily briefing on coronavirus that the US should never be reliant on a foreign country for the means of its own survival. US media reported that the US is preparing an executive order to relocate the supply chain of enterprises. Do you have any comment?

Geng Shuang: I have taken several similar questions recently and I just want to reiterate our position on this issue.

In an era of globalization, the interests of all countries are closely intertwined. The formation and development of global industrial and supply chains are determined by market forces and companies’ choices. As such, it is unrealistic and insensible to try to sever them or even trumpet “shifting” or “decoupling” theories as they run counter to economic law. In the face of the pandemic, such practice will not help solve problems at home. It will only harm the interests of US businesses and people.

China is a leading manufacturer as well as a major producer and exporter of epidemic-related and medical supplies. As the situation is getting better at home, China is gradually resuming its normal socio-economic order. We are providing support to the steady operation of global industrial and supply chains by accelerating resumption of work and production. Chinese businesses are speeding up manufacturing of urgently needed medical supplies for the world. China has pledged assistance to 82 countries, WHO and African Union, and facilitated commercial procurement in China for countries in need, like I said earlier. Our responsible practice has been well recognized by the international community.

To sum up, I want to stress that no country can face the pandemic by going it alone. It’s time for solidarity and cooperation rather than division and decoupling.

Beijing Youth Daily: China released information on several video conferences on Covid-19 recently. Could you give us a number of such meetings? Will there be more?

Geng Shuang: After the outbreak of Covid-19, China has been fighting it with all-out efforts. The most comprehensive, stringent and thorough measures taken have produced positive effects. Thanks to the Chinese people’s arduous efforts, the situation at home keeps trending for the better. China has made tremendous sacrifice in this battle and its efforts are an important contribution to the world as they bought precious time for other countries. We have also gathered valuable experience in this process.

With the pandemic breaking out and spreading in many places across the globe, China, with the vision of a community with a shared future for mankind and a responsible attitude towards global public health security and people’s well-being, has been sharing its experience through communication, coordination and cooperation with relevant countries and regional organizations in an open and transparent manner.

As of today, incomplete statistics show that China has held about 20 video conferences for experts with more than 100 countries in Northeast Asia, South Asia, Central and Eastern Europe, Africa, Latin America and the Caribbean, and South Pacific as well as international organizations including ASEAN, the EU, the AU, the SCO and the Caribbean Community. The latest conference was held yesterday with over 200 specialists and officials from Nicaragua and 24 Latin American and Caribbean countries having diplomatic ties with China. Exchange through this mechanism has helped countries across the globe.

The Chinese side shared via video link what we have learned about Covid-19, including epidemiological features, prevention and control strategies, clinical diagnosis and treatment, and tracing of close contacts, and offered suggestions to foreign counterparts. Participants all expressed thanks to China and spoke highly of the open, transparent, information-rich and professional meetings, where Chinese experts shared everything within their knowledge that their foreign counterparts can learn from.

As we speak, China is still receiving requests for such conferences from many countries. Competent departments are doing all they can to coordinate arrangements. We will continue close communication and exchange with other parties through video link to help developing countries enhance capacity-building and mount a concerted response to the pandemic for regional and global public health security.

Besides these conferences, China has also released the seventh version of its diagnosis and treatment protocol and sixth of prevention and control protocol. They are a collection of combat experience gathered over the course of more than two months. They represent the wisdom and hard work of tens of thousands of frontline medical personnel in China. With the protocols translated into many foreign languages, we are sharing them with WHO and the international community.

The video conferences and diagnosis and treatment protocols are both examples of how China is contributing to the global response through technical assistance and public goods.

I want to stress that large-scale infectious diseases are major unconventional security threats to mankind. The virus is a common scourge facing all. With our future linked together, countries can only overcome the challenge by standing in solidarity. China will stay committed to the vision of a community with a shared future for mankind, work together with other countries to defeat the virus through mutual assistance, and contribute our wisdom, experience and prescription to the international community.

Bloomberg News: We are wondering if you had any comment on President Trump’s decision to stop using the term “Chinese virus”?

Geng Shuang: China has made clear its stance on the origin of the virus. We firmly oppose stigmatization on China. This stance has not changed.

The virus knows no borders and ethnicity. It can only be defeated by the concerted efforts of all mankind. Covid-19 has taken footholds and is rapidly spreading in many parts of the world. We hope that the US will work with China and the larger international community to jointly fight against the pandemic and safeguard the global public health security.

[…]

Reuters: On Tuesday, US Secretary of State Pompeo said China is still denying the world information it needs to prevent further cases of the coronavirus. What’s your response to this?

 

Geng Shuang: In recent press conferences, we have repeatedly responded to the US accusations. At a press conference last week, I also detailed how China has kept the US updated on the epidemic by retracing the timeline.

China has always shared information, stayed in communication and cooperated with WHO and countries and regions including the US in an open, transparent and responsible manner, which has been widely praised by the international community.

We urge the US to respect facts and the international public opinion, stop politicizing the pandemic and discrediting China, and focus on getting its own house in order and stemming the spread of the pandemic in its country.


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO

La risposta globale della Cina al Covid-19

Conferenza stampa del 25 marzo 2020 tenuta dal portavoce del Ministero degli Esteri Geng Shuang

https://www.fmprc.gov.cn/mfa_eng/xwfw_665399/s2510_665401/t1761102.shtml


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION


 

“Dallo scoppio del COVID- 19, la Cina ha sempre sostenuto che la comunità internazionale debba salvaguardare congiuntamente un’economia mondiale aperta, e garantire la stabilità della catena di approvigionamento globale”. Lo ha detto il portavoce del Ministero degli Affari Esteri, Geng Shuang, durante la conferenza stampa del 25 marzo. Geng ha aggiunto: “Mentre continuiamo a soddisfare la domanda interna, stiamo facilitando l’approvvigionamento di forniture mediche a tutti i Paesi attraverso i canali commerciali”. “Nella nostra era di globalizzazione, gli interessi di tutti i Paesi sono strettamente correlati, con una accresciuta interdipendenza. La formazione e lo sviluppo di catene industriali e di fornitura globali sono determinati dalle forze di mercato e dalle scelte aziendali. Alcune persone da parte americana stanno cercando di tagliare artificialmente le catene industriali e di fornitura globali, o addirittura di chiedere la loro ‘dissociazione’ e il loro ‘spostamento’, il che va contro la tendenza dei nostri tempi e le leggi dell’economia. Questo atteggiamento è irrazionale e irrealistico. Di fronte all’epidemia, tale comportamento non risolverà i problemi che gli Stati Uniti devono affrontare, ma danneggerà gli interessi delle imprese statunitensi e del popolo americano”. La Cina, ha scandito Geng, “non ha restrizioni al commercio estero” e “sostiene e incoraggia le imprese cinesi a espandere le esportazioni in modo ordinato”. “Oltre a facilitare gli appalti commerciali, la Cina ha anche fornito all’OMS equipaggiamento protettivo per aiutare gli altri Paesi nella risposta epidemica”, ha aggiunto il portavoce.

 

Prima di tutto, vorrei condividere con voi alcune cifre: 491 pazienti guariti sono stati dimessi dagli ospedali della Cina continentale il 24 marzo dalle 00:00 alle 24:00, portando il numero totale dei pazienti dimessi a 73.650 al 24 marzo alle 24:00.

Per aiutare l’Italia a combattere la pandemia del Covid-19, il governo cinese ha deciso di inviare in Italia il terzo gruppo di medici esperti. Il gruppo è composto da esperti selezionati dalla Commissione Sanitaria Nazionale e dalla Commissione Sanitaria Provinciale del Fujian. È partito per l’Italia il 25 marzo a mezzogiorno.

CCTV: Si annuncia oggi che il Presidente Xi Jinping parteciperà al Vertice straordinario dei leader virtuali del G20 sul Covid-19. Quali sono le aspettative della Cina per l’incontro? Quali sono le iniziative e le proposte che la Cina presenterà questa volta?

 

Geng Shuang: Attualmente, il Covid-19 sta travolgendo molte parti del mondo, mettendo in pericolo la vita e la salute delle persone in tutti i Paesi e colpendo duramente l’economia mondiale. La comunità internazionale si aspetta che tutte le parti lavorino insieme per combattere la pandemia e stabilizzare l’economia globale. Il G20 è una piattaforma di primo piano per la risposta alla crisi globale e la cooperazione economica. Ha svolto un ruolo importante nella risposta alla crisi finanziaria internazionale del 2008, e la comunità internazionale guarda al G20 ancora una volta per la leadership in questo momento critico. Questo summit virtuale, il primo nella storia del G20, rappresenta un’importante opportunità per i leader mondiali di discutere azioni congiunte.

Il vertice virtuale sarà il primo grande evento multilaterale a cui il presidente Xi Jinping parteciperà dopo l’epidemia. Sotto la diretta guida del presidente Xi Jinping, la Cina ha ottenuto notevoli risultati nella prevenzione e nel controllo della pandemia e sta ora sostenendo attivamente altri Paesi nelle loro battaglie contro la pandemia, cosa che è stata molto apprezzata dalla comunità internazionale. La Cina si aspetta che questo vertice virtuale trasmetta messaggi positivi di condivisione del consenso e di azioni per rafforzare la solidarietà, lavorare insieme per contrastare la pandemia e stabilizzare l’economia.

La Cina è pronta a lavorare con i membri del G20 per ottenere risultati pratici di questo vertice.

China News Service: Lei ha detto che il governo cinese è pronto a facilitare l’approvvigionamento commerciale di forniture mediche provenienti dalla Cina da parte di paesi stranieri. Potrebbe fornirci maggiori dettagli?

 

Geng Shuang: dallo scoppio del Covid-19, la Cina ha sempre sostenuto che la comunità internazionale dovrebbe salvaguardare congiuntamente un’economia mondiale aperta e garantire la stabilità delle catene di fornitura globali e delle catene industriali. Attualmente, pur soddisfacendo la domanda interna, stiamo cercando di facilitare l’approvvigionamento di forniture mediche attraverso canali commerciali da parte di tutti i Paesi. Non abbiamo restrizioni al commercio estero, e sosteniamo e incoraggiamo le imprese ad espandere le esportazioni in modo ordinato.

Per quanto ne so, gli acquirenti di Azerbaigian, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Brunei, Repubblica Ceca, Gibuti, Grecia, Ungheria, Italia, Giappone, Qatar, Messico, Portogallo, Russia, Serbia, Turchia e Regno Unito hanno firmato contratti di acquisto con aziende cinesi per beni come reagenti per test, maschere, tute protettive e occhiali.

Oltre a facilitare l’approvvigionamento commerciale, la Cina ha anche fornito all’OMS attrezzature protettive a sostegno della risposta all’epidemia di altri paesi. Dopo che l’OMS ha espresso il desiderio di acquistare forniture mediche dalla Cina per sostenere la risposta globale antiepidemica, le imprese cinesi hanno rapidamente firmato il primo lotto di contratti di fornitura con l’OMS.

Sono fiducioso che la comunità imprenditoriale cinese continuerà a fornire un maggior numero di tali forniture alla comunità internazionale, e la ripresa del lavoro e della produzione e lo sviluppo economico della Cina continueranno a fornire un sostegno più forte alla risposta della comunità internazionale alla pandemia. Credo anche che sia nell’interesse comune della comunità internazionale rendere la cooperazione forte, le barriere basse e il commercio libero.

RIA Novosti: Lei ha annunciato che la Cina ha inviato il terzo team di esperti in Italia. Quanti sono in questo team? Seconda questione: il CIO e il comitato organizzatore di Tokyo 2020 hanno confermato nel loro comunicato il rinvio dei Giochi Olimpici del 2020, ma non oltre l’estate del 2021. Ha qualche commento da fare?

 

Geng Shuang: Per quanto riguarda la sua prima domanda, non ho quel numero specifico a portata di mano, ma tornerò da lei quando l’avrò. Per quanto riguarda la seconda domanda, la decisione di posticipare i Giochi Olimpici di Tokyo dimostra l’atteggiamento responsabile del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), del governo giapponese e del Comitato Organizzatore di Tokyo nei confronti della salute e della sicurezza degli atleti, dei partecipanti e di tutta l’umanità. Essa manifesta inoltre l’impegno del CIO nei confronti del Movimento Olimpico. La Cina rispetta questa decisione e continuerà a sostenere il Giappone nell’ospitare i Giochi di Tokyo.

Phoenix TV: Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo, in un’intervista rilasciata ieri, ha parlato del ritorno negli Stati Uniti della catena di fornitura di attrezzature mediche dalla Cina e da altre parti del mondo. Il presidente Trump ha anche sottolineato in un briefing quotidiano sul coronavirus che gli Stati Uniti non dovrebbero mai dipendere da un paese straniero per la propria sopravvivenza. I media statunitensi hanno riferito che gli Stati Uniti stanno preparando un ordine esecutivo per trasferire la catena di fornitura delle imprese. Ha qualche commento da fare?

 

Geng Shuang: Ho ricevuto diverse domande simili di recente e voglio solo ribadire la nostra posizione in merito. Nella nostra era di globalizzazione, gli interessi di tutti i Paesi sono strettamente correlati, con una accresciuta interdipendenza. La formazione e lo sviluppo di catene industriali e di fornitura globali sono determinati dalle forze di mercato e dalle scelte aziendali. Alcune persone da parte americana stanno cercando di tagliare artificialmente le catene industriali e di fornitura globali, o addirittura di chiedere la loro “dissociazione” e il loro “spostamento”, il che va contro la tendenza dei nostri tempi e le leggi dell’economia; questo atteggiamento è irrazionale e irrealistico. Di fronte all’epidemia, tale comportamento non risolverà i problemi che gli Stati Uniti devono affrontare, ma danneggerà gli interessi delle imprese statunitensi e del popolo americano.

La Cina è riconosciuta come uno dei principali paesi manifatturieri e un importante produttore ed esportatore di prodotti per la prevenzione delle epidemie e di dispositivi medici. Mentre la situazione della prevenzione e del controllo delle epidemie in Cina continua a migliorare e l’ordine economico e sociale viene ripristinato, stiamo intensificando i nostri sforzi per riprendere il lavoro e la produzione al fine di garantire e sostenere il buon funzionamento delle catene industriali e di fornitura globali. Le aziende cinesi stanno accelerando la produzione di dispositivi medici di cui il mondo ha urgente bisogno. La Cina ha promesso assistenza a 82 paesi, all’ OMS e all’UA, e sta facilitando gli acquisti commerciali in Cina per i paesi che ne hanno bisogno, come ho appena detto. La condotta responsabile della Cina è stata ampiamente elogiata dalla comunità internazionale.

In conclusione, vorrei sottolineare che nessun Paese può affrontare la pandemia da solo. In questo momento abbiamo bisogno di solidarietà e cooperazione, non di divisione e dissociazione.

Beijing Youth Daily: La Cina ha recentemente pubblicato più volte informazioni sulle videoconferenze tenute con i paesi interessati sul Covid-19. Può darci il numero di questi incontri? Ce ne saranno altri?

 

Geng Shuang: Dopo lo scoppio del Covid-19, la Cina ha combattuto con tutte le sue forze. Le misure più complete, rigorose e approfondite adottate hanno prodotto effetti positivi. Grazie all’arduo impegno del popolo cinese, la situazione in patria continua ad evolversi in meglio. La Cina ha compiuto un enorme sacrificio in questa battaglia e i suoi sforzi sono un importante contributo al mondo, poiché ha acquistato tempo prezioso per gli altri Paesi. Abbiamo anche raccolto una preziosa esperienza in questo processo.

Con lo scoppio e la diffusione della pandemia in molti luoghi del mondo, la Cina, con la visione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità e un atteggiamento responsabile nei confronti della sicurezza sanitaria pubblica globale e del benessere delle persone, ha condiviso la sua esperienza attraverso la comunicazione, il coordinamento e la cooperazione con i paesi e le organizzazioni regionali competenti in modo aperto e trasparente.

Ad oggi, statistiche incomplete mostrano che la Cina ha tenuto circa 20 videoconferenze per esperti con più di 100 paesi del Nord-est asiatico, dell’Asia meridionale, dell’Europa centrale e orientale, dell’Africa, dell’America Latina e dei Caraibi e del Pacifico meridionale, nonché con organizzazioni internazionali tra cui l’ASEAN, l’UE, l’UA, la SCO e la Comunità dei Caraibi. L’ultima conferenza si è tenuta ieri con oltre 200 specialisti e funzionari del Nicaragua e di 24 paesi dell’America Latina e dei Caraibi che hanno legami diplomatici con la Cina. Gli scambi attraverso questo meccanismo hanno aiutato i paesi di tutto il mondo.

La parte cinese ha condiviso via video ciò che abbiamo appreso sul Covid-19, comprese le caratteristiche epidemiologiche, le strategie di prevenzione e controllo, la diagnosi clinica e il trattamento, e la ricerca di stretti contatti, e ha offerto suggerimenti alle controparti straniere. Tutti i partecipanti hanno ringraziato la Cina e hanno parlato molto degli incontri aperti, trasparenti, ricchi di informazioni e professionali, dove gli esperti cinesi hanno condiviso tutto ciò che i loro omologhi stranieri possono imparare da loro stessi.

Mentre parliamo, la Cina sta ancora ricevendo richieste per tali conferenze da molti Paesi. I dipartimenti competenti stanno facendo tutto il possibile per coordinare gli accordi. Continueremo una stretta comunicazione e lo scambio con le altre parti attraverso un collegamento video per aiutare i Paesi in via di sviluppo a migliorare il rafforzamento delle capacità e a dare una risposta concertata alla pandemia per la sicurezza sanitaria pubblica regionale e globale.

Oltre a queste conferenze, la Cina ha anche pubblicato la settima versione del suo protocollo di diagnosi e trattamento e la sesta del protocollo di prevenzione e controllo. Si tratta di una raccolta di esperienze di lotta al virus raccolte nel corso di oltre due mesi. Rappresentano la conoscenza e il duro lavoro di decine di migliaia di medici in prima linea in Cina. Con i protocolli tradotti in molte lingue straniere, li stiamo condividendo con l’OMS e la comunità internazionale.

Le videoconferenze e i protocolli di diagnosi e trattamento sono entrambi esempi di come la Cina stia contribuendo alla risposta globale attraverso l’assistenza tecnica e i beni pubblici.

Voglio sottolineare che le malattie infettive su larga scala sono una delle principali minacce non convenzionali alla sicurezza dell’umanità. Il virus è un flagello comune a tutti. Finché i loro destini sono interconnessi, i paesi saranno in grado di affrontare la sfida solo restando uniti. La Cina rimarrà impegnata nel concetto di un destino comune per l’umanità, lavorerà con altri paesi per sconfiggere il virus attraverso la solidarietà e l’assistenza reciproca e contribuirà con la sua saggezza, la sua esperienza e le sue prescrizioni alla lotta della comunità internazionale contro la pandemia.

Bloomberg News: Ci chiediamo se ha qualche commento sulla decisione del Presidente Trump di smettere di usare il termine “virus cinese”?

 

Geng Shuang: La Cina ha chiarito la sua posizione sull’origine del virus. Ci opponiamo fermamente alla stigmatizzazione della Cina. Questa posizione non è cambiata.

Il virus non conosce confini ed etnia. Può essere sconfitto solo grazie agli sforzi concertati di tutta l’umanità. Il Covid-19 ha preso piede e si sta rapidamente diffondendo in molte parti del mondo. Ci auguriamo che gli Stati Uniti lavorino con la Cina e con la comunità internazionale per combattere insieme contro la pandemia e salvaguardare la sicurezza sanitaria pubblica globale.

[…]

Reuters: Martedì scorso, il Segretario di Stato USA Pompeo ha detto che la Cina sta ancora negando le informazioni mondiali di cui ha bisogno per prevenire ulteriori casi di coronavirus. Qual è la sua risposta a questo?

 

Geng Shuang: Nelle recenti conferenze stampa, abbiamo risposto ripetutamente alle accuse degli Stati Uniti. In una conferenza stampa della scorsa settimana, ho anche spiegato come la Cina ha tenuto aggiornati gli Stati Uniti sull’epidemia ripercorrendo la linea temporale.

La Cina ha sempre condiviso le informazioni, è rimasta in comunicazione e ha collaborato con l’OMS e con Paesi e regioni, compresi gli Stati Uniti, in modo aperto, trasparente e responsabile, cosa che è stata ampiamente elogiata dalla comunità internazionale.

Esortiamo gli Stati Uniti a rispettare i fatti e l’opinione pubblica internazionale, a smettere di politicizzare la pandemia e di screditare la Cina, e a concentrarsi su come mettere ordine in casa propria e arginare la diffusione della pandemia nel loro Paese.


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION

Xi Jinping: Working Together to Defeat the COVID-19 Outbreak

Full text of Xi’s remarks at Extraordinary G20 Leaders’ Summit, Source: Xinhua| 2020-03-26, http://www.xinhuanet.com/english/2020-03/26/c_138920685.htm


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO


 

From day one of our fight against the outbreak, we have put people’s life and health first. […] What we fought was a people’s war against the outbreak. […] We must comprehensively step up international cooperation and foster greater synergy so that humanity as one could win the battle against such a major infectious disease. […] G20 members need to jointly help developing countries with weak public health systems enhance preparedness and response. […] Guided by the vision of building a community with a shared future for mankind, China will be more than ready to share our good practices, conduct joint research and development of drugs and vaccines, and provide assistance where we can to countries hit by the growing outbreak. […] We will continue to advance reform and opening-up, widen market access, improve the business environment, and expand imports and outbound investment to contribute to a stable world economy.

 

BEIJING, March 26 (Xinhua) -- Chinese President Xi Jinping on Thursday delivered a speech titled “Working Together to Defeat the COVID-19 Outbreak” at the Extraordinary G20 Leaders’ Summit via video link in Beijing.

The following is an English translation of the full text of the speech:

Working Together to Defeat the COVID-19 Outbreak

Remarks by H.E. Xi Jinping

President of the People’s Republic of China

At the Extraordinary G20 Leaders’ Summit

Beijing, 26 March 2020

Your Majesty King Salman bin Abdulaziz Al Saud,

Dear Colleagues,

It is good to join you. Let me begin by expressing my sincere appreciation to His Majesty King Salman and Saudi Arabia for having done tremendous work of communication and coordination to make this summit possible.

Facing the COVID-19 outbreak that caught us all by surprise, the Chinese government and Chinese people have been undaunted as we took on this formidable task. From day one of our fight against the outbreak, we have put people’s life and health first. We have acted according to the overall principle of shoring up confidence, strengthening unity, ensuring science-based control and treatment and imposing targeted measures. We have mobilized the whole nation, set up collective control and treatment mechanisms and acted with openness and transparency. What we fought was a people’s war against the outbreak. We have put up a strenuous struggle and made tremendous sacrifices. Now the situation in China is moving steadily in a positive direction. Life and work are quickly returning to normal. Yet, there is no way we will lower our guard or relax control.

At the most difficult moment in our fight against the outbreak, China received assistance and help from a lot of members of the global community. Such expressions of friendship will always be remembered and cherished by the Chinese people.

Major infectious disease is the enemy of all. As we speak, the COVID-19 outbreak is spreading worldwide, posing enormous threat to life and health and bringing formidable challenge to global public health security. The situation is disturbing and unsettling. At such a moment, it is imperative for the international community to strengthen confidence, act with unity and work together in a collective response. We must comprehensively step up international cooperation and foster greater synergy so that humanity as one could win the battle against such a major infectious disease.

For that to happen, I would like to put forth four proposals.

First, we need to be resolute in fighting an all-out global war against the COVID-19 outbreak. The community of nations must move swiftly to stem the spread of the virus. In this regard, I propose that a G20 health ministers’ meeting be convened as quick as possible to improve information sharing, strengthen cooperation on drugs, vaccines and epidemic control, and cut off cross-border infections. G20 members need to jointly help developing countries with weak public health systems enhance preparedness and response. I propose a G20 COVID-19 assistance initiative for better information sharing and policy and action coordination with the support of the World Health Organization. Guided by the vision of building a community with a shared future for mankind, China will be more than ready to share our good practices, conduct joint research and development of drugs and vaccines, and provide assistance where we can to countries hit by the growing outbreak.

Second, we need to make a collective response for control and treatment at the international level. This is a virus that respects no borders. The outbreak we are battling is our common enemy. All must work together to build a strongest global network of control and treatment that the world has ever seen. China has set up its online COVID-19 knowledge center that is open to all countries. It is imperative that countries pool their strengths and speed up research and development of drugs, vaccines and testing capabilities in the hope to achieve early breakthrough to the benefit of all. Discussions are also needed regarding the establishment of regional emergency liaison mechanisms to enable quicker response to public health emergencies.

Third, we need to support international organizations in playing their active roles. China supports WHO in leading the global efforts to develop science-based and proper control and treatment and minimize cross-border spread. I call on G20 members to enhance anti-epidemic information sharing with the support of WHO and to promote control and treatment protocols that are comprehensive, systematic and effective. The G20 platform for communication and coordination may be used to increase policy dialogue and exchange, and a high-level meeting on international public health security may be convened in due course. For China, we will be happy to join other countries and scale up support for relevant international and regional organizations.

Fourth, we need to enhance international macro-economic policy coordination. The outbreak has disrupted production and demand across the globe. Countries need to leverage and coordinate their macro policies to counteract the negative impact and prevent the world economy from falling into recession. We need to implement strong and effective fiscal and monetary policies to keep our exchange rates basically stable. We need to better coordinate financial regulation to keep global financial markets stable. We need to jointly keep the global industrial and supply chains stable. What China will do in this regard is to increase its supply of active pharmaceutical ingredients, daily necessities, and anti-epidemic and other supplies to the international market. What’s more, we also need to protect women, children, the elderly, people with disabilities and other vulnerable groups, and provide for people’s basic needs. China will continue to pursue a proactive fiscal policy and prudent monetary policy. We will continue to advance reform and opening-up, widen market access, improve the business environment, and expand imports and outbound investment to contribute to a stable world economy.

I want to call on all G20 members to take collective actions - cutting tariffs, removing barriers, and facilitating the unfettered flow of trade. Together, we can send a strong signal and restore confidence for global economic recovery. The G20 needs to draw up an action plan and promptly set up communication mechanisms and institutional arrangements for anti-epidemic macro policy coordination.

Dear Colleagues,

Now is a crucial moment, a time for us to rise up to challenge and act with swiftness. I am convinced that through solidarity and mutual assistance, we will prevail over this outbreak and we all will embrace a brighter future for mankind!

Thank you.


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO