Mese: Luglio 2019

On Building a Human Community with a Shared Future – Xi Jinping

Xi Jinping
On Building a Human Community with a Shared Future
CCTP – Central Compilation & Translation Press, Beijing, 2019

 

[The Institute of Party History and Literature of the Central Committee of the Communist Party of China]

 


CLICCA QUI PER LA VERSIONE IN ITALIANO


Since ancient times, the Chinese nation has upheld the belief that “ail under Heaven are of one family” and has advocated the ideas of peace among all nations and harmony under Heaven. The Communist Party of China (CPC) regards making new and greater contributions to humanity as its abiding mission. Since the CPC’s 18th National Congress in November 2012, Xi Jinping has called for the building of a human community with a shared future. As General Secretary of the CPC Central Committee, President of the People’s Republic of China, and the highest military leader of China, Xi Jinping has put forward this concept from the perspective of humankind’s development throughout history. It is based on the profound changes in the international situation, on the trend of our times toward peace, development, cooperation, and mutual benefit, and on an in- depth reflection of the major questions concerning the future of humanity, namely what kind of world should we build and how should we build it.
The concept reflects the shared values of humankind — peace, development, fairness, justice, democracy, and freedom; and it embodies the aspirations for peace, development, and prosperity, which represent the common interests of the people of all countries. In February 2017, the concept of building a community of shared future for mankind was written into a United Nations resolution for the first time. Later, it was also included in UN Security Council Resolution 2344 (2017) and the resolutions of the UN Human Rights Council’s 34th and 37th sessions.
This book is a collection of translations of 85 articles and speeches written by Xi Jinping since 2012. The purpose of the book is to help readers gain a clearer understanding of President Xi’s thinking on building a human community with a shared future.

[The Institute of Party History and Literature of the Central Committee of the Communist Party of China]
March 2019

 

***

 

WORKING TOGETHER TO BUILD A HUMAN COMMUNITY WITH A SHARED FUTURE

by Xi Jinping

Your Excellency Mr. Peter Thomson, President of the 71st Session of the UN General Assembly,
Your Excellency Mr. Antonio Guterres, UN Secretary-General,
Your Excellency Mr. Michael Moller, Director-General of the UN Office at Geneva,
Ladies and Gendemen,
Friends,
As a new year begins, everything takes on a new look. And as we start 2017, it gives me great pleasure to be able to visit the United Nations Office in Geneva to discuss with you an issue for our time — the building of a human community with a shared future.
I just attended the World Economic Forum Annual Meeting. In Davos, many speakers pointed out that today’s world is full of uncertainties and that people long for a bright future but are unsure about what lies in store. What is happening to the world? And how should we respond? These are questions that everyone is reflecting on and that are also very much on my mind.
I believe that to answer this question, we need to first clarify some basic questions: Where did we come from? Where are we now? And where are we going?
Over the past century or more, mankind has endured both bloody hot wars and a chilling Cold War; but it has also achieved remarkable development and tremendous progress. In the first half of the last century, humanity suffered the scourge of two world wars. What the people of that era yearned for most was the end of war and the advent of peace. In the 1950s and 1960s, people across the colonies were awakened, and with a powerful voice, proclaimed that they would shake off their shackles and struggle for independence. Since the end of the Cold War, the most ardent aspiration of people everywhere has been to foster greater cooperation and pursue common development.
Peace and development: throughout the past century this has been the prevailing aspiration of humanity. However, this is a mission far from fulfilled. It is now up to us to respond to the people’s call, take up the baton of history, and continue on the marathon toward peace and development.
Mankind is currently in an era of great development, profound transformation, and dramatic change. The trend toward multipolarity and economic globalization is deepening. IT application in social development and cultural diversity continues to progress. A new round of scientific and industrial revolution is in the making. Interconnection and interdependence between countries have become crucial for human survival. And the forces for peace far outweigh the factors causing war. In a word, the trend of our times toward peace, development, cooperation, and mutually beneficial outcomes grows only stronger.
At the same time, however, mankind is also in an era of myriad challenges and proliferating risks. Global economic growth is sluggish, the impact of the financial crisis lingers, and the development gap continues to widen. Armed conflicts are a frequent occurrence, the mentality of the Cold War and power politics persist, and non- conventional security' threats, particularly terrorism, refugee crises, major communicable diseases, and climate change, are spreading.
Our universe has only one earth and we humans have only one homeland. Stephen Hawking has raised the proposition of a “parallel universe,” in the hope of finding another place where mankind may setde. When, or if, this wish can be realized is anyone’s guess. Whatever the case, at present, earth remains the only home mankind has, thus caring for and cherishing this earth is the only option we have. In the dome of the Federal Palace of Switzerland is inscribed the Latin motto, “Unus pro omnibus, omnes pro uno” (One for all, and all for one). We must not only think about our own generation, but also fulfill our responsibility to the generations of the future.

Ladies and Gendemen,
Friends,
To let the torch of peace pass from generation to generation; to let the forces of development flow eternally; and to let the light of civilization shine through the ages — this is what the peoples of all nations long for; thus this is the responsibility all statesmen of our generation must shoulder. To see this fulfilled, China’s solution is this: to build a human community with a shared future and to realize mutually beneficial development.
Vision guides action and direction determines the future. As modern history shows, to establish a just and equitable international order is the goal mankind has always striven for. From the principles of equality' and sovereignty established in the Peace of Westphalia over 360 years ago to international humanitarianism affirmed in the Geneva Convention 150-plus years ago; from the four purposes and seven principles enshrined in the UN Charter more than 70 years ago to the Five Principles of Peaceful Coexistence championed by the Bandung Conference over 60 years ago, many principles have emerged in the evolution of international relations and become widely accepted. These principles should guide us in building a human community with a shared future.
Sovereign equality has been the most important norm governing state-to-state relations over the past several centuries and the cardinal principle observed by the United Nations and all other international organizations. The essence of sovereign equality is that the sovereignty and dignity of all countries, whether big or small, strong or weak, rich or poor, must be respected, their internal affairs are not subject to interference, and they have the right to independently choose their social system and development path. In organizations such as the United Nations, World Trade Organization, World Health Organization, World Intellectual Property Organization, World Meteorological Organization, International Telecommunication Union, Universal Postal Union, International Organization for Migration, and International Labor Organization, all countries have been afforded an equal voice in decision-making, thus they constitute an important force for the improvement of global governance. Under new circumstances, we should uphold sovereign equality and work for equality in rights, opportunities, and rules for all countries.
Geneva witnessed the adoption of the Final Declaration on the Problem of Restoring Peace in Indo-China, the first summit meeting for reconciliation between the two blocs during the Cold War, and dialogue and negotiations on hotspot issues like the Iranian nuclear issue and the Syrian issue. What we can learn from both past and present is that dialogue and consultation are an effective way to bridge differences and political negotiation is the fundamental solution to end conflict. When we have sincere desire, goodwill, and political wisdom, no ice is too thick to break, no conflict too big to settle.
An ancient Chinese philosopher said, “Law is the very foundation of governance.”[1] Here in Geneva, countries, on the basis of the UN Charter, have concluded many international conventions and legal documents on political security, trade, development, social issues, human rights, science and technology, health, labor, intellectual property, culture, and sports. The essence of the law lies in enforcement. It is thus incumbent on all countries to uphold the authority of the international rule of law, to exercise their rights in accordance with law, and to fulfill their obligations in good faith. The essence of law also lies in fairness and justice. All countries and international judicial institutions should ensure equal and uniform application of international law. They cannot apply double standards or apply international laws in a selective way; they should ensure that they are “without bias or favor, just as was espoused in the great way of governance of old.[2]
“The ocean is vast because it admits all rivers.” Openness and inclusiveness have made Geneva a center of multilateral diplomacy. We should advance democracy in international relations and reject dominance by just one or several countries. All countries should involved in shaping the future of the world, writing international rules, and managing global affairs, and should share in the outcomes development.
In 1862, in his book A Memory of Solferino, Henry Dunant pondered the question of whether it was possible to set up humanitarian organizations and formulate humanitarian conventions. The answer came one year later with the founding of the International Committee of the Red Cross. Over more than 150 years, the Red Cross has become a symbol and a banner. In the face of frequent humanitarian crises, we should champion the spirit of humanitarianism, compassion, and dedication and give love and hope to ordinary innocent people caught in dire situations. We should uphold the basic principles of neutrality, impartiality, and independence, refrain from politicizing humanitarian issues, and remain committed to the non-militarization of humanitarian assistance.

Ladies and Gentlemen,
Friends,
Great visions are simple and pure; all they require is action. Action is thus the key to building a human community with a shared future. It is my belief that the international community should work on promoting partnership, security, growth, intercultural exchanges, and ecological conservation.
We should build a world of enduring peace through dialogue and consultation. When countries enjoy peace, so too will the world; when countries clash, the world suffers. From the Peloponnesian War in the fifth century BC to the two world wars and the Cold W'ar that lasted more than four decades, we have drawn painful and profound lessons. “History, if not forgotten, can serve as a guide for the future.[3]” By establishing the United Nations, those before us won more than 70 years of relative peace for the world. W'hat we must do is to improve our mechanisms and methods to more effectively resolve disputes, reduce tensions, and put an end to conflict and war.
The Swiss writer and Nobel laureate Hermann Hesse stressed the importance of serving “not war and destruction, but peace and reconciliation.” Countries should foster partnerships based on dialogue, non-confrontation, and non-alliance. Major countries should respect each other’s core interests and major concerns, keep their differences under control, and build a new model of relations based on non-conflict, nonconfrontation, mutual respect, and mutually beneficial cooperation. As long as we maintain communication and treat each other with sincerity, the “Thucydides trap” can be avoided. Big countries should treat smaller ones as equals and avoid acting as hegemons imposing their will on others. No country should open Pandora’s box by willfully waging war or undermining the international rule of law. Nuclear weapons are the Sword of Damocles that hangs over mankind. They should be completely prohibited and, ultimately, completely destroyed to realize a world free of nuclear weapons. Guided by the principles of peace, sovereignty, inclusiveness, and shared governance, we should make the deep sea, the polar regions, outer space, and the Internet new frontiers for cooperation rather than arenas of competition.
We should all build and share together a world of common security. There exists in this world no haven of complete freedom from danger. A country cannot build its security on the turmoil of others, as the threats that beset other countries have every possibility' of one day coming to haunt itself also. When neighbors are in trouble, instead of tightening our own fences, we should extend a helping hand. As the saving goes, “United we stand, divided we fall.[4]” All countries should pursue a common, comprehensive, cooperative, and sustainable approach to security.
Terrorist attacks that have shaken Europe, North Africa, and the Middle East in recent years have shown time and again that terrorism is the common enemy of mankind. Fighting terrorism is the shared responsibility of all countries. In fighting terror, we should not be content to just treat the symptoms, but must get to its root causes. We should enhance coordination and build a global united front against terrorism so as to create an umbrella of security for people around the world. The number of refugees has hit a record high since the end of the Second World War. Addressing this crisis is imperative, but we should also take time to ponder its roots. Why would anyone choose be displaced if they have a home to return to? The UNHCR and International Organization for Migration should act as the coordinators of an effort to mobilize the whole world in an effective response the refugee crisis. China has decided to provide an additional RMB 200 million of humanitarian assistance for refugees and displaced people in Syria. Terrorism and refugee crises alike are both closely tied to geopolitical conflict, thus the fundamental solution to these probblems lies in the resolution of conflicts. Parties directly involved in conflict should return to the negotiating table, other parties should work to facilitate talks for peace, and we should all respect the role of the UN as the main channel for mediation. The alarm has been sounded for international health security by pandemic diseases such as bird flu, Ebola virus, and Zika virus. It is important that the WHO plays a leading role in strengthening epidemic monitoring and the sharing of information, practices, and technologies. The international community should step up support and assistance for public health in African countries and other developing countries.
We should build a world of common prosperity through mutually beneficial cooperation. The idea that development is the top priority is applicable to all countries. Instead of beggaring thy neighbor, countries should stick together like travellers in the same boat. All countries, the main economies in particular, should strengthen macro policy coordination, pursue both current and long-term interests, and focus on resolving deep-seated problems. We should seize the historic opportunity presented by the new round of scientific and technological revolution and industrial transformation, transform our growth models, drive growth through innovation, and unlock greater social productivity and social creativity. We should uphold WTO rules, support an open, transparent, inclusive, and nondiscriminatory multilateral trading regime, and build an open world economy. Trade protectionism and self-isolation will benefit no one.
Economic globalization is an inevitable historical trend that has greatly facilitated trade, investment, the flow of people, and technological advancement. Since the turn of the century, and under the guidance of the UN, the international community has capitalized on the wave of economic globalization to set the Millennium Development Goals and the 2030 Agenda for Sustainable Development. These initiatives have helped lift 1.1 billion people out of poverty, provide access to safe drinking water for 1.9 billion people, ensure access to the Internet for 3.5 billion people, and we now are on course to eradicate extreme poverty' by 2030. All this demonstrates that economic globalization is moving in the right direction. Of course, challenges such as the development disparity, governance dilemma, digital divide, and equity deficit are also objective realities. But they are growing pains. We should squarely face these problems and come up with solutions, instead of succumbing to inaction. As we Chinese like to say, one should not stop eating for fear of choking.
We should draw on the lessons of history. Historians told us long ago that rapid economic development makes social reform inevitable; but people tend to support the former while resisting the latter. Instead of watching on with hesitation, we should have the mettle to forge ahead. Answers can also be found in reality. The 2008 international financial crisis has taught us that we need to strengthen coordination and improve governance so as to ensure economic globalization unfolds in a way that is open, inclusive, balanced, and beneficial to all. We need to make the cake bigger, but, more than that, we need to see it is shared fairly and that justice and equity are ensured.
Last September, the G20 Summit in Hangzhou focused on global economic governance and other major issues. It adopted the Blueprint on Innovative Growth, placed development within the global macro policy framework for the first time, and formulated action plans for a number of important areas.
We should strive to build an open and inclusive world through exchanges and mutual learning. Delicious soup is made by combining different ingredients [5]. The diversity of human civilization not only defines our world, but drives the progress of mankind. Our world has over 200 countries and regions, over 2,500 ethnic groups, and many different religions. Different histories, national conditions, ethnic groups, and customs have given birth to different civilizations, and for that, our world is a richer and far more colorful place. There is no such thing as superior or inferior when it comes to civilizations, only differences in traits and location. Civilizational diversity should not be a source of global conflict, but an engine powering the advance of human civilizafi- as a whole.
Every civilization, with its own appeal and essence, is a human treasure. Diverse civilizations should draw on each other’s strengths to achieve common progress. We should see that exchange among civilizations serves as a source of inspiration for advancing human society and a bond that keeps the world in peace.
We should strive to build a clean and beautiful world by pursuing green and low-carbon development. Man coexists with nature, which means that any harm it does to nature will eventually come back to haunt it. We hardly nonce natural resources such as air, water, soil, and blue skies when we have them. But once they are gone, they are gone forever. Industrialization has created material wealth hitherto unseen, but it has also inflicted irreparable damage on the environment. We must not exhaust all the resources left to us by previous generations and leave nothing to our children — we cannot pursue development that destructs and destroys. As is often said, clear waters and lush mountains are as precious as mountains of silver and gold. We must respect the unity of human and nature by pursuing a path of sustainable development.
We should advocate a green, low-carbon, circular, and sustainable approach to life and production, advance the 2030 Agenda for Sustainable Development in a balanced manner, and continue to explore a model of sound development that ensures growth, prosperity, and a good environment. The Paris Agreement is a milestone in the history of climate governance. We must ensure this endeavor is not derailed. All parties should work together to implement the Paris Agreement. For its part, China will continue to take steps to tackle climate change and fully honor its obligations.
The Swiss Army Knife is the embodiment of Swiss craftsmanship. I remember when I got my first Swiss Army Knife, I marveled at how its makers had been able to endow it with so many functions. I could not help but thinking how wonderful it would be if we could make an omnipotent Swiss Army Knife for our world. Whenever there was a problem, we would be able to use one of the tools on the knife to fix it. It is my belief that, with the unremitting efforts of the international community, we may one day create just such a knife.

Ladies and Gentlemen,
Friends,
The Chinese people have always believed that China will do well only when the world does well, and vice versa. Looking to the future, many people are interested to see what direction China will move in its policies, and there has been much discussion among the international community' about this. Here, I wish to give you an explicit answer.
First, China remains unchanged in its commitment to uphold world peace. Amity with neighbors[6], harmony in diversity[7], and peace are the cherished values of Chinese culture. The Art of War, a Chinese classic, begins with this observation, “The art of war is of vital importance to the State. It is a matter of life and death, a road to either survival or ruin. Hence it demands careful study.” What this means is that every effort should be made to avoid war and great caution must be exercised when it comes to fighting war. For several millennia, peace has coursed the veins of the Chinese people and been imprinted in our very DNA.
Several centuries ago, China was strong, such that its GDP accounted for 30 percent of the world total. Even then, China never engaged in aggression or expansion. In the century and more after the 1840 Opium War, China suffered at the hands of aggression and brutality and endured the curse of war and chaos. Confucius said, “Do not to others what you would not have others do to you.” We Chinese firmly believe that peace and stability- is the only way to prosperity and development.
China has grown from a poor and weak country to the world’s second largest economy. What it relied on was not military expansion or colonial plunder, but the hard work of its people and our efforts to uphold peace. China will never waver in its pursuit of peaceful development. No matter how strong its economy grows, China will never seek hegemony, expansion, or a sphere of influence. History has borne this out and will continue to do so.
Second, China remains unchanged in its commitment to pursue common development. An old Chinese saying tells us that when enjoying the fruit, you should remember the tree; when drinking the water, you should remember its source[8]. China’s development has been possible, because of the world, and China has also contributed to the world’s development. We will continue to pursue a mutually beneficial strategy of opening up, in order to share our development opportunities with other countries and welcome them aboard the express train of China’s development.
Between 1950 and 2016, China provided foreign countries with over RMB 400 billion of aid, and we will continue to increase assistance to others as our ability permits. Since the outbreak of the internati financial crisis, China has contributed over 30 percent of global growth each year on average. In the coming five years, China will import US$8 trillion of goods, attract US$600 billion of foreign investment, make US$750 billion of outbound investment, and Chinese tourists will make 700 million outbound visits. All this will bring more development opportunities to the countries of the world.
China pursues a path of development in keeping with its national conditions. We always put the rights and interests of the people above everything else and have worked hard to advance and uphold human rights. China has seen the basic living needs of its 1.3 billion-plus people met and helped lift over 700 million people out of poverty. These stand as significant contributions to the global cause of human rights.
The Belt and Road Initiative I have put forward aims to achieve development with mutually beneficial outcomes to be shared by all. Over 100 countries and international organizations have so far supported the Initiative, and a large number of “early harvest” projects have been launched. In order to provide more public goods to the international community, China is providing support to ensure the successful operation of the Asian Infrastructure Investment Bank and other new multilateral financial institutions.
Third, China remains unchanged in its commitment to foster partnerships. China pursues an independent foreign policy of peace, and is ready to enhance friendship and cooperation with all other countries on the basis of the Five Principles of Peaceful Coexistence. China is the first country to make partnership-building a principle guiding state-to- state relations. It has formed partnerships of various forms with over 90 countries and regional organizations. It seeks to foster a circle of friends that links every corner of the globe.
China will endeavor to put in place a framework for major-country relations based on general stability and balanced development. We will strive to build a new model of major-country relations with the United States, a comprehensive strategic partnership of coordination with Russia, a partnership with the EU based on peace, growth, reform, and civilization, and a partnership of unity and cooperation with BRICS countries. China will continue to uphold the right approach to justice and the pursuit of interests, and it will boost practical cooperation with other developing countries to achieve common development. We will further enhance mutually beneficial cooperation with our neighbors under the principles of amity, sincerity', mutual benefit, and inclusiveness. We will pursue common development with African countries on the basis of sincerity, real results, affinity', and good faith. Further, we will elevate our comprehensive cooperative partnership with Latin America to higher levels.
Fourth, China remains unchanged in its commitment to multilateralism. Multilateralism is an effective way to preserve peace and promote development. For decades, the United Nations and other international institutions have made a universally recognized contribution to maintaining global peace and sustaining development.
China is a founding member of the United Nations and the first state to sign the UN Charter. We will firmly uphold the international system of which the UN is the core, the basic norms governing international relations of which the purposes and principles of the UN Charter are the cornerstone, and the authority and position of the UN and its core role in international affairs.
The China-UN Peace and Development Fund has been officially inaugurated. Through this, China will give priority to making funds available to peace and development initiatives proposed by the UN and its agencies in Geneva. China’s support for multilateralism will only increase as it continues to develop.

Ladies and Gentlemen,
Friends,
Geneva invokes a special memory for us. In 1954, Premier Zhou Enlai led a Chinese delegation to the Geneva Conference, and worked with the Soviet Union, the United States, the United Kingdom, and France to find a political solution to the Korean issue and negotiate a ceasefire in Indo-China. This demonstrated China’s desire for peace and saw it contributing its wisdom to world peace. Since 1971 when China regained its lawful seat at the UN and began to return to international agencies in Geneva, China has gradually involved itself in disarmament, trade, development, human rights, and social issues, putting forward Chinese proposals for the resolution of major issues and the making of important rules. In recent years, China has taken an active part in dialogues and negotiations on the Iranian nuclear issue, the Syrian issue, and other hotspot issues, providing its input in order to achieve political settlements. China has successfully applied to the International Olympic Committee to host both the summer and winter Olympic and Paralympic Games. Furthermore, we have gained endorsement from the International Union for Conservation of Nature for over a dozen applications for world natural heritage sites as well as world cultural and natural heritage sites, thus allowing China to present its splendor to the world.

Ladies and Gendemen,
Friends,
The ancient Chinese believed that “one should be good at finding the laws of things and solving problems.”9 Building a community with a shared future is an exciting goal, one that will require the unceasing efforts of generation after generation. China is ready to work with all other UN member states as well as international organizations and agencies to advance the great cause of building a human community with a shared future.
On 28 January, we Chinese will celebrate the Chinese New Year, the Year of the Rooster. The rooster symbolizes bright prospects and auspiciousness. As a Chinese saying goes, the crow of the golden rooster heralds a great day for all. With this, I wish all of you the very best and a very happy Chinese New Year!
Thank you.


Note

[1] See note 1, p254.

[2] The Book of Documents (Shang Shu).

[3] Strategies of the States (Zhan Guo Ce).

[4] Wei Shou, Book of Wei (Wet Shu). Wei Shou (507—572) was a historian and writer during the Northern and Southern Dynasties.

[5] Chen Shou, Records of the Three Kingdoms (San Guo Zhi).

[6] Rites of Zhou (Zhou LT). This work is a description of the putative organization of the government during the Western Zhou period (1046-771 BC).

[7] See note 7, p.91.

[8] Yu Xjn, “Poems to the Tune of Zhi ” Yu Xin (513—581) was poet during the Northern and Southern

Costruire una comunità umana con un futuro comune – Xi Jinping

Contenuti raccolti nel n. 1-2/2019 della rivista MarxVentuno "Il vento dell'Ovest"

 


Xi Jinping
Costruire una comunità umana con un futuro comune
CCTP - Central Compilation & Translation Press, Pechino 2019

 

[Nota dell’Istituto di storia e letteratura del Partito del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese].


CLICK HERE FOR ENGLISH VERSION


Fin dai tempi antichi, la nazione cinese ha sostenuto la convinzione che “tutti sotto il cielo sono di una sola famiglia” e ha sostenuto le idee di pace tra tutte le nazioni e di armonia sotto il cielo. Il Partito Comunista Cinese (PCC) considera che dare nuovi e maggiori contributi all’umanità sia una sua costante missione. Dal 18° Congresso Nazionale del PCC nel novembre 2012, Xi Jinping ha chiesto la costruzione di una comunità umana con un futuro condiviso. In qualità di Segretario Generale del Comitato Centrale del PCC, Presidente della Repubblica Popolare Cinese e massimo dirigente militare cinese, Xi Jinping ha proposto questo concetto dal punto di vista dello sviluppo dell’umanità nel corso della storia. Si basa sui profondi cambiamenti della situazione internazionale, sulla tendenza del nostro tempo verso la pace, lo sviluppo, la cooperazione e il mutuo vantaggio, e su una riflessione approfondita sulle principali questioni riguardanti il futuro dell’umanità, vale a dire che tipo di mondo dovremmo costruire e come dovremmo costruirlo.
Il concetto riflette i valori comuni dell’umanità - pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà - e incarna le aspirazioni di pace, sviluppo e prosperità, che rappresentano gli interessi comuni dei popoli di tutti i Paesi. Nel febbraio 2017, il concetto di costruire una comunità di futuro condiviso per l’umanità è stato scritto per la prima volta in una risoluzione delle Nazioni Unite. Successivamente, è stato incluso anche nella risoluzione 2344 (2017) del Consiglio di sicurezza dell’ONU e nelle risoluzioni della 34ª e 37ª sessione del Consiglio dei diritti umani dell’ONU.
Questo libro è una raccolta di traduzioni di 85 articoli e discorsi scritti da Xi Jinping dal 2012. Lo scopo del libro è di aiutare i lettori a comprendere meglio il pensiero del presidente Xi Jinping sulla costruzione di una comunità umana con un futuro comune.

[L’Istituto di storia e letteratura del Partito del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese].

 

***

 

Lavorare insieme per costruire una comunità umana con un futuro condiviso [1]

di Xi Jinping

L’idea di una battaglia per la costruzione di una comunità di destino condiviso per tutta l’umanità si è fatta strada da alcuni anni all’interno della dirigenza cinese, fino ad iscriverla nello Statuto del PCC approvato dal 19° Congresso del 2017. In questo discorso tenuto nei primi giorni del 2017 alla sede delle Nazioni Unite di Ginevra il Presidente cinese, invitando ad apprendere le lezioni di una storia millenaria, afferma con forza l’importanza e la ricchezza di un mondo in cui diverse storie, condizioni nazionali, gruppi etnici e costumi hanno dato vita a diverse civiltà, per cui il mondo è un luogo più ricco e molto più colorato. Ogni civiltà è un tesoro dell’umanità, non esiste niente di superiore o inferiore quando si tratta di civiltà, ma solo differenze nei tratti e nella posizione; civiltà diverse dovrebbero attingere ai punti di forza l’una dell’altra per raggiungere il progresso comune.
Il riconoscimento di un mondo multicolore e multipolare è la premessa indispensabile per stabilire – in un mondo in profonda e rapida trasformazione, spinta dalla globalizzazione economica che va riconosciuta come tendenza storica inevitabile – un percorso comune, una cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra tutti i paesi del mondo. Xi Jinping ribadisce le quattro direttrici di fondo della politica estera cinese: 1) sostenere la pace nel mondo; 2) perseguire uno sviluppo comune: lo sviluppo della Cina è stato possibile grazie al mondo e la Cina ha contribuito allo sviluppo mondiale; l’iniziativa “Belt and Road” mira a raggiungere uno sviluppo con risultati reciprocamente vantaggiosi che devono essere condivisi da tutti; 3) promuovere partenariati, amicizia e cooperazione con tutti i paesi del mondo sulla base dei cinque principi della coesistenza pacifica (affermati nella Conferenza di Bandung del 1955); 4) Multilateralismo come via efficace per preservare la pace e promuovere lo sviluppo.

Sua Eccellenza Peter Thomson, presidente della 71a sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite,
Sua Eccellenza signor Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite,
Sua Eccellenza Michael Moller, Direttore Generale dell’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra,
Signore e signori,
Amici,
con l’inizio di un nuovo anno, tutto assume un nuovo aspetto. E mentre iniziamo il 2017, è per me un grande piacere poter visitare l’Ufficio delle Nazioni Unite a Ginevra per discutere con voi un tema del nostro tempo: la costruzione di una comunità umana con un futuro comune.
Ho appena partecipato alla riunione annuale del Forum economico mondiale. A Davos, molti oratori hanno sottolineato che il mondo di oggi è pieno di incertezze e che la gente desidera un futuro luminoso, ma non è sicura di ciò che è in serbo. Che cosa sta succedendo al mondo? E come dovremmo rispondere? Sono domande su cui tutti stanno riflettendo e che mi preoccupano molto.
Credo che per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima chiarire alcune questioni di base: da dove veniamo? A che punto siamo ora? E dove stiamo andando?
Nel corso dell’ultimo secolo o più, l’umanità ha sopportato sia sanguinose guerre calde che un’agghiacciante guerra fredda; ma ha anche raggiunto uno sviluppo notevole e fatto progressi enormi. Nella prima metà del secolo scorso, l’umanità ha subito il flagello di due guerre mondiali. Ciò che a quell’epoca le persone desideravano di più era la fine della guerra e l’avvento della pace. Negli anni ‘50 e ‘60 i popoli di tutte le colonie si risvegliarono e, con una voce potente, proclamarono che si sarebbero scrollati di dosso le catene e avrebbero lottato per l’indipendenza. Dalla fine della Guerra Fredda, l’aspirazione più ardente dei popoli di tutto il mondo è stata quella di promuovere una maggiore cooperazione e perseguire uno sviluppo comune.
Pace e sviluppo: nel corso dell’ultimo secolo questa è stata l’aspirazione prevalente dell’umanità. Tuttavia, questa è una missione tutt’altro che compiuta. Ora tocca a noi rispondere alla chiamata del popolo, prendere il testimone della storia e continuare la maratona verso la pace e lo sviluppo.
L’umanità è attualmente in un’epoca di grande sviluppo, profonda trasformazione e drammatico cambiamento. La tendenza al multipolarismo e alla globalizzazione economica si sta consolidando. L’applicazione dell’informatica nello sviluppo sociale e nella promozione della diversità culturale continua a progredire. È in fase di realizzazione un nuovo ciclo della rivoluzione scientifica e industriale. L’interconnessione e l’interdipendenza tra i Paesi sono diventate cruciali per la sopravvivenza umana. E le forze per la pace superano di gran lunga i fattori che causano la guerra. In una parola, la tendenza dei nostri tempi verso la pace, lo sviluppo, la cooperazione e i risultati reciprocamente vantaggiosi non fa che rafforzarsi.
Allo stesso tempo, tuttavia, l’umanità si trova anche in un’epoca di innumerevoli sfide e rischi crescenti. La crescita economica globale è lenta, l’impatto della crisi finanziaria permane e il divario di sviluppo continua ad aumentare. I conflitti armati sono eventi frequenti, la mentalità della Guerra Fredda e le politiche di potenza persistono, e le minacce non convenzionali alla sicurezza, in particolare il terrorismo, le crisi dei rifugiati, le principali malattie trasmissibili e i cambiamenti climatici continuano ad espandersi.
Il nostro universo ha una sola terra e noi umani abbiamo una sola patria. Stephen Hawking ha lanciato la proposta di un “universo parallelo”, nella speranza di trovare un altro luogo dove l’umanità possa stabilirsi. Chiunque può ipotizzare su quando, o se, questo desiderio possa realizzarsi. In ogni caso, attualmente, la terra rimane l’unica casa che l’umanità abbia, quindi prendersi cura di questa terra è l’unica opzione che abbiamo. Nella cupola del Palazzo Federale svizzero è scritto il motto latino “Unus pro omnibus, omnes pro uno” (Uno per tutti, tutti per uno). Non dobbiamo pensare solo alla nostra generazione, ma anche assumerci le nostre responsabilità nei confronti delle generazioni future.

Signore e signori,
Amici,
Lasciare che la fiaccola della pace passi di generazione in generazione, lasciare che le forze dello sviluppo fluiscano eternamente e lasciare che la luce della civiltà risplenda attraverso i secoli: questo è ciò che i popoli di tutte le nazioni desiderano; questa è quindi la responsabilità che tutti gli statisti della nostra generazione devono assumersi. Per vedere tutto ciò realizzato, la soluzione della Cina è questa: costruire una comunità umana con un futuro condiviso e realizzare uno sviluppo reciprocamente vantaggioso.
La visione guida l’azione e la direzione determina il futuro. Come dimostra la storia moderna, stabilire un ordine internazionale giusto ed equo è l’obiettivo che l’umanità ha sempre perseguito. Dai principi di uguaglianza e sovranità stabiliti nella Pace di Westfalia oltre 360 anni fa all’umanitarismo internazionale affermato nella Convenzione di Ginevra oltre 150 anni fa; dai quattro scopi e sette principi sanciti nella Carta delle Nazioni Unite più di 70 anni fa ai Cinque Principi di coesistenza pacifica sostenuti dalla Conferenza di Bandung oltre 60 anni fa, molti principi sono emersi nell’evoluzione delle relazioni internazionali e sono stati ampiamente accettati. Questi principi dovrebbero guidarci nella costruzione di una comunità umana con un futuro condiviso.
L’uguaglianza sovrana è stata la norma più importante che abbia governato le relazioni tra Stato e Stato negli ultimi secoli e il principio cardine osservato dalle Nazioni Unite e da tutte le altre organizzazioni internazionali. L’essenza dell’uguaglianza sovrana è che la sovranità e la dignità di tutti i Paesi, grandi o piccoli, forti o deboli, ricchi o poveri, debbano essere rispettate, i loro affari interni non debbano essere soggetti a interferenze e che essi abbiano il diritto di scegliere autonomamente il loro sistema sociale e il loro percorso di sviluppo. In organizzazioni come le Nazioni Unite, l’Organizzazione Mondiale del Commercio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale, l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, l’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni, l’Unione Postale Universale, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, tutti i Paesi hanno avuto la stessa voce nel processo decisionale, costituendo così una forza importante per il miglioramento della governance globale. In nuove circostanze, dovremmo sostenere l’uguaglianza sovrana e lavorare per l’uguaglianza di diritti, opportunità e regole per tutti i Paesi.
Ginevra ha visto l’adozione della dichiarazione finale sul problema del ripristino della pace in Indocina, il primo incontro al vertice per la riconciliazione tra i due blocchi durante la Guerra Fredda, e il dialogo e i negoziati su questioni cruciali come la questione nucleare iraniana e la questione siriana. Ciò che possiamo imparare sia dal passato che dal presente è che il dialogo e la consultazione sono un modo efficace per superare le differenze e il negoziato politico è la soluzione fondamentale per porre fine ai conflitti. Quando ci sono un desiderio sincero, buona volontà e saggezza politica, nessun ghiaccio è troppo spesso per essere rotto, nessun conflitto troppo grande per essere risolto.
Un antico filosofo cinese ha detto: “Il diritto è il fondamento stesso dell’amministrazione”[2]. Qui a Ginevra, i Paesi, sulla base della Carta delle Nazioni Unite, hanno concluso molte convenzioni internazionali e documenti giuridici sulla sicurezza politica, il commercio, lo sviluppo, le questioni sociali, i diritti umani, la scienza e la tecnologia, la salute, il lavoro, la proprietà intellettuale, la cultura e lo sport. L’essenza della legge sta nella sua applicazione. È quindi dovere di tutti i Paesi sostenere l’autorità dello Stato di diritto internazionale, esercitare i propri diritti secondo la legge e adempiere ai propri obblighi in buona fede. L’essenza del diritto sta anche nell’equità e nella giustizia. Tutti i Paesi e le istituzioni giudiziarie internazionali devono garantire un’applicazione uguale e uniforme del diritto internazionale. Non possono applicare due pesi e due misure o applicare il diritto internazionale in modo selettivo; devono assicurare che siano “senza pregiudizi o favori, proprio come si è visto nella grande arte di governo del passato”[3].
“L’oceano è vasto perché accoglie tutti i fiumi”. L’apertura e l’inclusione hanno fatto di Ginevra un centro di diplomazia multilaterale. Dovremmo far progredire la democrazia nelle relazioni internazionali e rifiutare il dominio di uno o più Paesi. Tutti i Paesi dovrebbero essere coinvolti nel plasmare il futuro del mondo, nello scrivere regole internazionali e nel gestire gli affari globali, e dovrebbero condividere gli esiti dello sviluppo.
Nel 1862, nel suo libro Un Souvenir de Solférino, Henry Dunant si chiedeva se fosse possibile creare organizzazioni umanitarie e formulare convenzioni umanitarie. La risposta arrivò un anno dopo con la fondazione del Comitato Internazionale della Croce Rossa. In più di 150 anni, la Croce Rossa è diventata un simbolo e una bandiera. Di fronte alle frequenti crisi umanitarie, dovremmo sostenere lo spirito umanitario, la compassione e la dedizione e dare amore e speranza alle persone comuni innocenti colte in situazioni terribili. Dovremmo sostenere i principi fondamentali di neutralità, imparzialità e indipendenza, astenerci dal politicizzare le questioni umanitarie e rimanere impegnati nella non militarizzazione dell’assistenza umanitaria.

Signore e Signori,
Amici,
Le grandi visioni sono semplici e pure; tutto ciò che richiedono è l’azione. L’azione è quindi la chiave per costruire una comunità umana con un futuro comune. Sono convinto che la comunità internazionale debba lavorare per promuovere la collaborazione, la sicurezza, la crescita, gli scambi interculturali e la conservazione dell’ambiente.
Dovremmo costruire, attraverso il dialogo e la consultazione, un mondo in pace duratura. Quando i Paesi vivono in pace, lo stesso vale per il mondo; quando i Paesi si scontrano, il mondo ne soffre. Dalla guerra del Peloponneso nel V secolo a.C. alle due guerre mondiali e alla Guerra Fredda durata più di quattro decenni, abbiamo tratto lezioni dolorose e profonde. “La storia, se non dimenticata, può servire da guida per il futuro”[4]. Con l’istituzione delle Nazioni Unite, coloro che ci hanno preceduto hanno ottenuto più di 70 anni di relativa pace per il mondo. Ciò che dobbiamo fare è migliorare i nostri meccanismi e metodi per risolvere più efficacemente le controversie, ridurre le tensioni e porre fine ai conflitti e alla guerra.
Lo scrittore svizzero e premio Nobel Hermann Hesse ha sottolineato l’importanza di servire “non la guerra e la distruzione, ma la pace e la riconciliazione”. I Paesi dovrebbero promuovere collaborazioni basate sul dialogo, sulla non conflittualità. I Paesi maggiori dovrebbero rispettare gli interessi e le principali preoccupazioni reciproche, tenere sotto controllo le loro differenze e costruire un nuovo modello di relazioni basato sulla non conflittualità, la non competizione, il rispetto reciproco e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa. Finché manteniamo la comunicazione e ci trattiamo l’un l’altro con sincerità, la “trappola di Tucidide” può essere evitata. I Paesi maggiori dovrebbero trattare quelli più piccoli come loro pari ed evitare di agire come egemoni che impongono la loro volontà agli altri. Nessun Paese dovrebbe scoperchiare il vaso di Pandora combattendo volontariamente la guerra o minando lo Stato di diritto internazionale. Le armi nucleari sono la spada di Damocle che incombe sull’umanità. Dovrebbero essere completamente proibite e, alla fine, del tutto eliminate per realizzare un mondo libero da armi nucleari. Guidati dai princìpi di pace, sovranità, inclusività e amministrazione condivisa, dovremmo fare delle profondità marine, delle regioni polari, dello spazio esterno e di Internet nuove frontiere per la cooperazione piuttosto che arene di concorrenza.
Dovremmo tutti costruire e condividere insieme un mondo di sicurezza comune. In questo mondo non esiste un’oasi di completa libertà dal pericolo. Un Paese non può costruire la propria sicurezza sulla sovversione di altri Paesi, poiché le minacce che incombono su questi ultimi hanno tutte le possibilità di riversarsi un giorno anche su di esso. Quando i vicini sono in difficoltà, invece di rafforzare le nostre recinzioni, dovremmo tendere una mano d’aiuto. Come dice il proverbio: “Uniti stiamo in piedi, divisi cadiamo”[5]. Tutti i Paesi dovrebbero perseguire un approccio comune, globale, cooperativo e sostenibile alla sicurezza.
Gli attentati terroristici che negli ultimi anni hanno scosso l’Europa, il Nord Africa e il Medio Oriente hanno dimostrato sempre più che il terrorismo è il nemico comune dell’umanità. La lotta al terrorismo è una responsabilità condivisa da tutti i Paesi. Nella lotta al terrorismo non dobbiamo accontentarci di trattare solo i sintomi, ma dobbiamo arrivare alle sue cause profonde. Dovremmo rafforzare il coordinamento e costruire un fronte unito globale contro il terrorismo in modo da creare un ombrello di sicurezza per i cittadini di tutto il mondo. Il numero di rifugiati ha raggiunto un livello record dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Affrontare questa crisi è imperativo, ma dovremmo anche prenderci del tempo per riflettere sulle sue radici. Perché qualcuno dovrebbe scegliere di essere sfollato se ha una casa dove tornare? L’UNHCR e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni dovrebbero agire come coordinatori di uno sforzo per mobilitare il mondo intero in una risposta efficace alla crisi dei rifugiati. La Cina ha deciso di fornire ulteriori 200 milioni di RMB per l’assistenza umanitaria ai rifugiati e agli sfollati in Siria. Sia la crisi del terrorismo che quella dei rifugiati sono strettamente legate ai conflitti geopolitici, per cui la soluzione fondamentale a questi problemi risiede nella risoluzione dei conflitti. Le parti direttamente coinvolte nel conflitto dovrebbero tornare al tavolo dei negoziati, le altre parti dovrebbero lavorare per facilitare i colloqui per la pace e dovremmo tutti rispettare il ruolo dell’ONU come principale canale di mediazione. L’allarme per la sicurezza sanitaria internazionale è stato lanciato a causa di malattie pandemiche come l’influenza aviaria, il virus Ebola e il virus Zika. È importante che l’OMS svolga un ruolo guida nel rafforzare il monitoraggio delle epidemie e la condivisione di informazioni, pratiche e tecnologie. La comunità internazionale dovrebbe aumentare il sostegno e l’assistenza per la salute pubblica nei Paesi africani e in altri Paesi in via di sviluppo.
Dovremmo costruire un mondo di prosperità comune attraverso una cooperazione reciprocamente vantaggiosa. L’idea che lo sviluppo sia la massima priorità è applicabile a tutti i Paesi. Invece di mendicare presso il proprio vicino di casa, i Paesi dovrebbero stare insieme come viaggiatori sulla stessa barca. Tutti i Paesi, in particolare le principali economie, dovrebbero rafforzare il coordinamento delle politiche macroeconomiche, perseguire gli interessi attuali e a lungo termine e concentrarsi sulla risoluzione di problemi profondamente radicati. Dovremmo cogliere l’opportunità storica offerta dal nuovo ciclo della rivoluzione scientifica e tecnologica e della trasformazione industriale, trasformare i nostri modelli di crescita, guidare la crescita attraverso l’innovazione e sbloccare una maggiore produttività e creatività sociali. Dovremmo sostenere le regole dell’OMC, sostenere un regime commerciale multilaterale aperto, trasparente, inclusivo e non discriminatorio e costruire un’economia mondiale aperta. Il protezionismo commerciale e l’autoisolamento non andranno a vantaggio di nessuno.
La globalizzazione economica è una tendenza storica inevitabile che ha notevolmente facilitato il commercio, gli investimenti, il flusso di persone e il progresso tecnologico. Dall’inizio del secolo, e sotto la guida dell’ONU, la comunità internazionale ha sfruttato l’ondata di globalizzazione economica per fissare gli Obiettivi di sviluppo del millennio e l’Agenda per lo sviluppo sostenibile del 2030. Queste iniziative hanno aiutato a far uscire 1,1 miliardi di persone dalla povertà, a garantire l’accesso all’acqua potabile sicura per 1,9 miliardi di persone, a garantire l’accesso a Internet a 3,5 miliardi di persone, e ora siamo sulla buona strada per sradicare la povertà estrema entro il 2030. Tutto ciò dimostra che la globalizzazione economica si sta muovendo nella giusta direzione. Naturalmente, sfide come la disparità di sviluppo, il dilemma della governance, il divario digitale e il deficit di equità sono anch’essi realtà oggettive. Ma sono difficoltà crescenti. Dovremmo affrontare questi problemi e trovare soluzioni, invece di soccombere all’inazione. Come piace dire a noi cinesi, non si dovrebbe smettere di mangiare per paura di strozzarsi.
Dovremmo attingere alle lezioni della storia. Gli storici ci hanno detto molto tempo fa che il rapido sviluppo economico rende inevitabile la riforma sociale; ma si tende a sostenere il primo resistendo alla seconda. Invece di guardare avanti con esitazione, dovremmo avere il coraggio di andare avanti. Le risposte si possono trovare anche nella realtà. La crisi finanziaria internazionale del 2008 ci ha insegnato che dobbiamo rafforzare il coordinamento e migliorare la governance per garantire che la globalizzazione economica si svolga in modo aperto, inclusivo, equilibrato e vantaggioso per tutti. Dobbiamo rendere la torta più grande, ma, più di questo, dobbiamo controllare che sia condivisa equamente e che giustizia ed equità siano garantite.
Lo scorso settembre, il vertice del G20 di Hangzhou si è concentrato sulla governance economica globale e su altre questioni importanti. Ha adottato il Piano per la crescita innovativa, ha inserito per la prima volta lo sviluppo nel quadro macropolitico globale e ha formulato piani d’azione per una serie di settori importanti.
Dovremmo sforzarci di costruire un mondo aperto e inclusivo attraverso gli scambi e l’apprendimento reciproco. Una zuppa deliziosa si fa combinando diversi ingredienti[6]. La diversità della civiltà umana non solo definisce il nostro mondo, ma guida il progresso dell’umanità. Il nostro mondo ha oltre 200 Paesi e regioni, oltre 2.500 gruppi etnici e molte religioni diverse. Diverse storie, condizioni nazionali, gruppi etnici e costumi hanno dato vita a diverse civiltà, e per questo il nostro mondo è un luogo più ricco e molto più colorato. Non esiste niente di superiore o inferiore quando si tratta di civiltà, ma solo differenze nei tratti e nella posizione. La diversità di civiltà non dovrebbe essere una fonte di conflitto globale, ma un motore che alimenta l’avanzamento della civiltà umana nel suo complesso.
Ogni civiltà, con il suo fascino e la sua essenza, è un tesoro umano. Civiltà diverse dovrebbero attingere ai punti di forza l’una dell’altra per raggiungere il progresso comune. Dovremmo vigilare affinché lo scambio tra civiltà serva come fonte di ispirazione per far progredire la società umana e come un legame per mantenere il mondo in pace.
Dovremmo sforzarci di costruire un mondo pulito e bello perseguendo uno sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio. L’uomo coesiste con la natura, il che significa che ogni danno che fa alla natura alla fine tornerà a tormentarlo. Noi notiamo appena risorse naturali come l’aria, l’acqua, il suolo e i cieli azzurri, quando ne abbiamo. Ma una volta che se ne sono andati, sono andati per sempre. L’industrializzazione ha creato una ricchezza materiale mai vista prima, ma ha anche inflitto danni irreparabili all’ambiente. Non dobbiamo esaurire tutte le risorse lasciateci dalle generazioni precedenti e non lasciare nulla ai nostri figli: non possiamo perseguire uno sviluppo che distrugge. Come spesso si dice, le acque limpide e le montagne lussureggianti sono preziose come montagne d’argento e d’oro. Dobbiamo rispettare l’unità dell’uomo e della natura perseguendo un percorso di sviluppo sostenibile.
Dobbiamo sostenere un approccio alla vita e alla produzione che sia verde, a basse emissioni di carbonio, circolare e sostenibile, portare avanti l’Agenda per lo sviluppo sostenibile del 2030 in modo equilibrato e continuare a esplorare un modello di sviluppo solido che assicuri crescita, prosperità e un ambiente sano. L’accordo di Parigi è una pietra miliare nella storia della governance climatica. Dobbiamo fare in modo che questo sforzo non venga vanificato. Tutte le parti dovrebbero lavorare insieme per attuare l’accordo di Parigi. Da parte sua, la Cina continuerà ad adottare misure per affrontare il cambiamento climatico e onorare pienamente i suoi obblighi.
Il temperino svizzero è l’incarnazione dell’artigianato svizzero. Ricordo che quando ho ricevuto il mio primo temperino svizzero mi sono meravigliato di come i suoi creatori fossero stati in grado di dotarlo di così tante funzioni. Non ho potuto fare a meno di pensare a quanto sarebbe stato meraviglioso se avessimo potuto realizzare un onnipotente temperino svizzero per il nostro mondo. Ogni volta che c’era un problema, saremmo stati in grado di utilizzare uno degli strumenti del coltello per risolverlo. Sono convinto che, con gli sforzi incessanti della comunità internazionale, un giorno potremo creare un coltello di questo tipo.

Signore e signori,
Amici,
Il popolo cinese ha sempre creduto che la Cina andrà bene solo quando il mondo andrà bene, e viceversa. Guardando al futuro, molte persone sono interessate a vedere in quale direzione si muoverà la Cina nelle sue politiche, e la comunità internazionale ha discusso molto su questo tema. Qui vorrei darvi una risposta esplicita.
In primo luogo, la Cina rimane ferma nel suo impegno a sostenere la pace nel mondo. L’amicizia con i vicini[7], l’armonia nella diversità[8] e la pace sono valori cari alla cultura cinese. L’arte della guerra, un classico cinese, inizia con questa osservazione: “L’arte della guerra è di vitale importanza per lo Stato. È una questione di vita o di morte, una strada per la sopravvivenza o per la rovina. Per questo richiede uno studio attento”. Questo significa che bisogna fare ogni sforzo per evitare la guerra e bisogna usare grande cautela quando si tratta di combattere la guerra. Per diversi millenni la pace ha scorso nelle vene del popolo cinese ed è stata impressa nel nostro stesso DNA.
Diversi secoli fa, la Cina era forte, tanto che il suo PIL rappresentava il 30 per cento del totale mondiale. Anche allora, la Cina non ha mai intrapreso un’aggressione o un’espansione. Nel secolo e più dopo la guerra dell’oppio del 1840, la Cina soffrì per mano dell’aggressione e della brutalità e subì la maledizione della guerra e del caos. Confucio disse: “Non fare agli altri ciò che non vorresti che gli altri facessero a te”. Noi cinesi crediamo fermamente che la pace e la stabilità siano l’unica strada per la prosperità e lo sviluppo.
La Cina è cresciuta, passando da essere un Paese povero e debole a essere la seconda economia mondiale. Ciò su cui si è basata non è l’espansione militare o il saccheggio coloniale, ma il duro lavoro del suo popolo e i nostri sforzi per sostenere la pace. La Cina non vacillerà mai nella sua ricerca di uno sviluppo pacifico. Non importa quanto rapidamente cresca la sua economia, la Cina non cercherà mai l’egemonia, l’espansione o una sfera di influenza. La storia lo ha confermato e continuerà a farlo.
In secondo luogo, la Cina rimane ferma nel suo impegno a perseguire uno sviluppo comune. Un vecchio detto cinese ci dice che quando si gusta il frutto, si dovrebbe ricordare l’albero; quando si beve l’acqua, si dovrebbe ricordarne la fonte[9]. Lo sviluppo della Cina è stato possibile grazie al mondo, e anche la Cina ha contribuito allo sviluppo del mondo. Continueremo a perseguire una strategia di apertura reciprocamente vantaggiosa, per condividere le nostre opportunità di sviluppo con altri Paesi e accoglierli a bordo del treno veloce dello sviluppo della Cina.
Tra il 1950 e il 2016 la Cina ha fornito all’estero oltre 400 miliardi di RMB di aiuti, e continueremo ad aumentare l’assistenza agli altri, se le nostre capacità lo permetteranno. Dallo scoppio della crisi finanziaria internazionale, la Cina ha contribuito in media ad oltre il 30 per cento della crescita globale ogni anno. Nei prossimi cinque anni, la Cina importerà 8 trilioni di dollari di merci, attirerà 600 miliardi di dollari di investimenti esteri, 750 miliardi di dollari di investimenti in uscita e i turisti cinesi effettueranno 700 milioni di visite in uscita. Tutto questo porterà maggiori opportunità di sviluppo per i Paesi del mondo.
La Cina persegue un percorso di sviluppo in linea con le condizioni nazionali. Abbiamo sempre posto i diritti e gli interessi delle persone al di sopra di tutto e abbiamo lavorato duramente per promuovere e difendere i diritti umani. La Cina ha visto soddisfatte le esigenze vitali di base dei suoi oltre 1,3 miliardi di abitanti e ha contribuito a far uscire dalla povertà oltre 700 milioni di persone. Si tratta di contributi significativi alla causa globale dei diritti umani.
L’iniziativa “Belt and Road” che ho proposto mira a raggiungere uno sviluppo con risultati reciprocamente vantaggiosi che devono essere condivisi da tutti. Oltre 100 Paesi e organizzazioni internazionali hanno finora sostenuto l’iniziativa e sono stati lanciati numerosi progetti di “vendemmia precoce”. Al fine di fornire maggiori beni pubblici alla comunità internazionale, la Cina fornisce sostegno per garantire il buon funzionamento della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali e di altre nuove istituzioni finanziarie multilaterali.
In terzo luogo, la Cina non ha modificato il suo impegno a promuovere le collaborazioni. La Cina persegue una politica estera indipendente di pace ed è pronta a rafforzare l’amicizia e la cooperazione con tutti gli altri Paesi sulla base dei Cinque Principi della coesistenza pacifica. La Cina è il primo Paese a fare della costruzione della collaborazione un principio guida delle relazioni tra Stato e Stato. Ha instaurato collaborazioni di vari tipi con oltre 90 Paesi e organizzazioni regionali. Cerca di promuovere una cerchia di amicizie che collega ogni angolo del globo.
La Cina si sforzerà di creare un quadro per le relazioni tra i Paesi maggiori basato sulla stabilità generale e sullo sviluppo equilibrato. Ci sforzeremo di costruire un nuovo modello di relazioni con gli Stati Uniti, una collaborazione strategico-globale di coordinamento con la Russia, una collaborazione con l’UE basata sulla pace, la crescita, le riforme e la civiltà, e una collaborazione orientata all’unità e alla cooperazione con i BRICS. La Cina continuerà a sostenere il corretto approccio alla giustizia e a perseguire interessi condivisi, e promuoverà la cooperazione effettiva con altri Paesi in via di sviluppo per raggiungere uno sviluppo comune. Rafforzeremo ulteriormente la cooperazione reciprocamente vantaggiosa con i nostri vicini secondo i principi di amicizia, sincerità, beneficio reciproco e inclusione. Perseguiremo lo sviluppo comune con i Paesi africani sulla base di sincerità, risultati reali, affinità e buona fede. Inoltre, intensificheremo ancora di più la nostra cooperazione complessiva con l’America Latina.
In quarto luogo, la Cina rimane ferma nel suo impegno a favore del multilateralismo. Il multilateralismo è un modo efficace per preservare la pace e promuovere lo sviluppo. Per decenni, le Nazioni Unite e altre istituzioni internazionali hanno dato un contributo universalmente riconosciuto al mantenimento della pace globale e al sostegno allo sviluppo.
La Cina è un membro fondatore delle Nazioni Unite e il primo Stato a firmare la Carta delle Nazioni Unite. Sosterremo fermamente il sistema internazionale di cui l’ONU è il nucleo centrale, le norme fondamentali che governano le relazioni internazionali di cui gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite sono la pietra angolare, e l’autorità e la posizione dell’ONU e il suo ruolo centrale negli affari internazionali.
È stato ufficialmente inaugurato il Fondo per la pace e lo sviluppo delle Nazioni Unite in Cina. In questo modo, la Cina darà la priorità alla messa a disposizione di fondi per le iniziative di pace e sviluppo proposte dall’ONU e dalle sue agenzie a Ginevra. Il sostegno della Cina al multilateralismo non potrà che aumentare man mano che la Cina continuerà a svilupparsi.
Signore e Signori,
amici,
Ginevra evoca in noi un ricordo speciale. Nel 1954, il premier Zhou Enlai guidò una delegazione cinese alla Conferenza di Ginevra e collaborò con l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia per trovare una soluzione politica alla questione coreana e negoziare un cessate il fuoco in Indocina. Ciò ha dimostrato la volontà di pace della Cina e l’ha vista contribuire con la sua saggezza alla pace nel mondo. Dal 1971, quando la Cina ha ottenuto il suo posto all’ONU e ha iniziato a rivolgersi alle agenzie internazionali di Ginevra, la Cina si è gradualmente impegnata nel disarmo, nel commercio, nello sviluppo, nei diritti umani e nelle questioni sociali, presentando le sue proposte per la risoluzione di importanti questioni e l’elaborazione di importanti regolamentazioni. Negli ultimi anni, la Cina ha partecipato attivamente ai dialoghi e ai negoziati sulla questione nucleare iraniana, sulla questione siriana e su altre questioni cruciali, fornendo il proprio contributo per raggiungere accordi politici. Con successo la Cina ha chiesto al Comitato olimpico internazionale di ospitare i Giochi olimpici e paraolimpici sia estivi che invernali. Inoltre, abbiamo ottenuto l’approvazione dell’Unione internazionale per la conservazione della natura per più di una dozzina di richieste di assegnazione di siti del patrimonio naturale e culturale mondiale, consentendo così alla Cina di presentare al mondo il suo splendore.

Signore e Signori,
Amici,
gli antichi cinesi ritenevano che “si dovrebbe essere abili nel trovare le leggi delle cose e risolvere i problemi”[10]. Costruire una comunità con un futuro condiviso è un obiettivo entusiasmante, che richiederà sforzi incessanti di generazione in generazione. La Cina è pronta a lavorare con tutti gli altri Stati membri dell’ONU e con le organizzazioni e agenzie internazionali per promuovere la grande battaglia per la costruzione di una comunità umana con un futuro condiviso.
Il 28 gennaio, noi cinesi celebreremo il nuovo anno cinese, l’anno del gallo. Il gallo simboleggia prospettive brillanti e di buon auspicio. Come dice un detto cinese, il canto del gallo d’oro annuncia un grande giorno per tutti. Con questo, auguro a tutti voi il meglio e un felice anno nuovo cinese!
Grazie.


[1] “Working together to build a human community with a shared future”, discorso pronunciato alle Nazioni Unite di Ginevra il 18 gennaio 2017, tratto da Xi Jinping, On Building a Human Community with a Shared Future, Central Compilation and Translation Press, Pechino, 2019, prima edizione, pp. 427-440.

[2] Xunzi, La via del Nobile (III secolo a.C.). L’opera eponima del filosofo, pensatore ed educatore Xunzi, del periodo dei Regni Combattenti (453-221 a.C.), sintetizza e sviluppa il pensiero filosofico di varie scuole del periodo precedente la dinastia Qin: Confucianesimo, Mohismo e Taoismo.

[3] Cfr. il Libro dei Documenti (o Classico della Storia, noto anche come Shangshu (“documenti stimati”), è uno dei cinque classici della letteratura cinese antica. Si tratta di una raccolta di prosa retorica attribuita a figure dell’antica Cina, e servì come fondamento della filosofia politica cinese per oltre 2.000 anni [NdT].

[4] Cfr. Strategie degli Stati Combattenti (Zhan Guo Ce). È un importante antico testo cinese che contiene aneddoti di manipolazione politica e di guerra durante il periodo degli Stati Combattenti (V-III secolo a.C.).

[5] Wei Shou, Il libro di Wei. Wei Shou (507-572): storico e scrittore durante le Dinastie
del Nord e del Sud.

[6] Chen Shou, Cronache dei Tre Regni. Scritto nel III secolo d.C. raccoglie le cronache degli stati rivali, Regno Wei, Regno di Shu e Regno Wu del “periodo dei Tre Regni” (189-280 d.C.) [NdT].

[7] Riti degli Zhou. Questo testo è una descrizione della ipotetica organizzazione del sistema di governo durante il periodo della Dinastia Zhou occidentale (1046-771 a.C.).

[8] Dialoghi di Confucio. È un classico confuciano compilato dai discepoli di Confucio, in cui si ricordano parole e atti di Confucio, nonché alcuni dialoghi tra Confucio e i suoi discepoli.

[9] Yu Xin, Poesie per la melodia di Zhi. Yu Xin (513-581) fu poeta durante le dinastie del Nord e del Sud.

[10] Cfr. Xunzi, op. cit.